scritto da mtbcult in Storie il 14 Giu 2015

Pioggia, nebbia, vento e portage: ecco la 2ª tappa di Alta Via Stage Race

Pioggia, nebbia, vento e portage: ecco la 2ª tappa di Alta Via Stage Race
        
Stampa Pagina

Dopo la prima giornata, giusto per rompere il ghiaccio, l’Alta Via Stage Race entra nel vivo, con una seconda tappa che ha messo a dura prova i concorrenti, complice un meteo davvero impietoso.
Leggete il racconto appassionato dei nostri due “eroi”, Riccardo Serrato e Ugo Sirigu.

Stamattina sveglia alle sei, la tappa è lunga e impegnativa.
La formula prevede partenze invertite o meglio partiranno per primi i concorrenti più lenti e ad un’ora di distanza gli altri, compresi Ugo e io.
La notte è trascorsa tranquilla, abbiamo riposato, le sensazioni sono buone.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_01

Si parte. E’ previsto un trasferimento di 14 km dietro moto, il ritmo si alza, ci si guarda e ognuno cerca gli avversari diretti.
Poi viene dato lo start, qualcuno prova subito un allungo e noi lasciamo fare, rimaniamo con i team inglese e italiano e a poco a poco il gruppo si sgrana.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_02

La strada comincia a salire e partono gli scatti: uno, due, al terzo non replichiamo, perdiamo per un attimo il contatto visivo, incrociamo un bivio e proprio lì il gps va in tilt! Allora continuiamo a pedalare, passano cinque minuti e ci rendiamo conto di essere fuori traccia, meraviglioso!
Non ci perdiamo d’animo, anzi aumentiamo il ritmo e ci riportiamo sotto, saliamo e i paesaggi sono simili a quelli di ieri: prati e pascoli.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_03

Il tanto temuto meteo ci regala pioggia, vento e freddo. Anche il paesaggio cambia, ci addentriamo in una faggeta: nebbia, fango, radici, paesaggio irreale.
Altro inconveniente: il mio gps si blocca ancora e non riparte, poco male, quello di Ugo funziona, quindi siamo tranquilli.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_12

E’ un susseguirsi di strappi, si arriva su un tratto asfaltato e Ugo mi dice: «Rallentiamo, abbiamo 1200 di VAM ed è ancora lunga.»
Si affronta una discesa resa difficile dalla pioggia e caratterizzata dalla presenza di pietre lisce ma la full fa il suo dovere ed essere local finalesi non guasta, anzi.
Poi ancora asfalto, che ci porterà al punto topico da dove inizierà un’ora di portage.

Ugo mi dice:«Il gps mi segnala batteria scarica, ieri sera non le ho cambiate! Speriamo abbiano autonomia sufficiente…»
Arriviamo quindi all’inizio del tratto da affrontare in portage, assaltiamo un punto di ristoro e via bici in spalla: pietre viscide, vento gelido, dopo un tratto in cresta con qualche passaggio esposto ancora portage. A tratti è quasi verticale, sembra eterno.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_09

Dopo un tempo che non saprei quantificare, arriviamo al punto più alto e lì si alza la nebbia, la pioggia si trasforma in grandine che ci frusta braccia, gambe, faccia, non si vede ad un metro di distanza ,si sentono voci di altri concorrenti – chi in italiano, chi in inglese – ma tutti chiedono la stessa cosa: «Avete traccia gps?»

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_06

Ugo e io siamo messi bene, abbiamo recuperato, la fatica fatta nei mesi scorsi ha dato i suoi frutti.
Ugo mi chiama e dice quello che non avrei mai voluto sentire «Finite le batterie!»
Ci crolla il mondo addosso, siamo finiti fuori traccia e siamo in piena bufera, vento e grandine sempre più forti, sempre più freddo.

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_05

In lontananza una voce ovattata ci fa capire che ci sono altri biker, li raggiungiamo e li seguiamo. Adesso si scende, portage in discesa, le braccia fanno male, la schiena ci chiede di rallentare, ma qui viene fuori quello che ci caratterizza: io e Ugo siamo cocciuti, la carica agonistica ci fa correre, ci buttiamo giù bici in spalla e raggiungiamo altri concorrenti.

Riusciamo a salire in bici, la discesa è brutta: pietre smosse, solchi profondi scavati dall’acqua, l’adrenalina sale, recuperiamo ancora.
Si entra in una faggeta, qui troviamo single track molto belli, tornantini, sassi, radici di faggio: molliamo i freni, la full ci dà sicurezza, ancora qualche ripido strappo e ancora discesa adesso e una strada lastricata di pietre.
Sentiamo che siamo quasi alla fine e, ultima ciliegina, taglio il tubless posteriore, proseguo sul cerchio e poi corriamo: sentiamo che finalmente è finita, superiamo ancora un concorrente e arriviamo.
Sì, adesso è finita!

AVSR_2015_Sesta Godano-Borzonasca_11

Ripariamo la gomma, euforici per come siamo scesi, ma con l’amaro in bocca per il troppo tempo perso a causa del gps: del resto l’Alta Via è anche questo.

Adesso solo pochi pensieri: doccia, mangiare e mangiare, domani si vedrà.
Un’unica certezza: la gara di oggi lascerà tracce pesanti nelle gambe della maggior parte dei concorrenti.
Per oggi, possiamo solo dire: finire una tappa così dura, in condizioni meteo così difficili è il regalo più bello per quelli che oggi sono arrivati al termine.
Noi c’eravamo.

Per dovere di cronaca, cliccando sui seguenti link potete trovare la classifica dopo la seconda tappa e la classifica assoluta, entrambe suddivise in categoria “solo” e categoria “coppie”.

        
Torna in alto