scritto da Paolo Guerrieri in Biciclette,Test il 16 Mag 2017

TEST – Giant Anthem Advanced 1: oltre il concetto di Xc

TEST – Giant Anthem Advanced 1: oltre il concetto di Xc
        
Stampa Pagina

La Giant Anthem Advanced 1 prosegue il suo percorso evolutivo.
Sin dall’inizio l’intento è stato quello di avere un mezzo che affrontasse alla massima velocità possibile i sempre più veloci e tecnici circuiti dell’Xc senza tuttavia scendere a compromessi in termini di comfort e sicurezza di guida.

giant anthem advanced 1

La versione in test rappresenta attualmente il top di gamma sul mercato italiano e si compone di triangolo anteriore in fibra di carbonio proprietaria e carro in alluminio Aluxx SL realizzato tramite hydroforming e articolato tramite un nuovo bilanciere superiore in carbonio e braccetti inferiori di ridottissima lunghezza.
L’allestimento è molto curato e troviamo cerchi in fibra di carbonio Giant, mentre la trasmissione e i freni sono totalmente affidati al valido Shimano Deore Xt.
Rispetto al telaio totalmente in alluminio c’è un risparmio di peso di circa 200 gr attestandosi a 1942 gr ammortizzatore escluso.

giant anthem advanced 1
Degna di nota la presenza del reggisella telescopico che denota il carattere versatile di questa bici.

Per ottimizzare al massimo lo spazio a disposizione l’ammortizzatore sfrutta un attacco Trunnion, le cui misure di interasse e corsa (secondo il sistema metrico) sono 185×50 mm.
Significa che a fronte di una escursione alla ruota di “soli” 110 mm la corsa utile sullo stelo dell’ammortizzatore è pari a 50 mm.
Ovvero, un rapporto di 2,2:1 che, almeno sulla carta, indica straordinaria sensibilità e capacità di assorbimento degli ostacoli.
Vediamo dunque se le premesse sono state mantenute.

1 – GEOMETRIA
– Angolo di sterzo: 9
Con 68° di angolo sterzo questa bici predilige un utilizzo Xc Trail. E’ una bici stabile sul veloce ma ancora sufficientemente brillante nel misto.

giant anthem advanced 1

– Angolo piantone: 9
73,5° mantengono il biker in una posizione abbastanza centrata.
– Lunghezza tubo superiore: 10
605 mm in taglia M è un valore attualmente standard e facilita la guida in modo netto.

giant anthem Advanced 1
– Altezza movimento centrale: 8
Abbiamo misurato 30,5 cm: tra i valori più bassi riscontrati. E’ un beneficio per la maneggevolezza e la stabilità, ma il pedale arriva spesso a toccare a terra.
– Altezza manubrio da terra: 9
 100 cm, un valore contenuto, grazie a un tubo di sterzo di 10 cm di lunghezza in taglia M. E’ abbastanza agevole trovare il dislivello sella-manubrio più idoneo.

giant anthem advanced 1
– Lunghezza carro: 9
42,8 cm: una quota piuttosto contenuta per una ruota da 27,5″. Il mozzo posteriore adotta lo standard Boost.
– Interasse: 9
Con un valore di 1129 mm (in taglia M) rispecchia le scelte progettuali più moderne. Un interasse contenuto per la massima agilità.

giant anthem advanced 1

– Assetto in sella: 8
Il tester è alto 174 cm e ha un’altezza sella di 72,5 cm.
L’allestimento in prova prevede un manubrio da 750 mm di larghezza con diametro di 31,8 mm e un attacco manubrio da 70 mm di lunghezza.
La posizione in sella è subito centrale e con un movimento centrale così vicino a terra la stabilità in curva e la confidenza di guida se ne avvantaggiano. Ovviamente, come leggerete  più avanti, serve attenzione nel superamento degli ostacoli mentre si pedala.

Voto finale (da 1 a 10): 8,8

giant anthem advanced 1

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 9
La Giant Anthem Advanced 1 adotta un ammortizzatore Fox Float Performace Elite Evol che prevede la camera pneumatica negativa maggiorata e tre valori selezionabili di frenatura in compressione, Open, Medium e Firm.
Inoltre, nella modalità Open, sono previste tre ulteriori regolazioni di precisione della frenatura in compressione. Il sistema Maestro, ossia il nome che il produttore ha associato al proprio cinematismo della sospensione, non impone frenature idrauliche accentuate a tutto vantaggio della sensibilità.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1

– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura regolare: 9
In posizione Open la resa in pedalata è buona, ma è da preferire la Medium nei tratti più regolari. La modalità Firm la trasforma quasi in una front ed è consigliabile nei trasferimenti su asfalto.
– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura fuorisella: 9
Non si avverte quel fastidioso dondolio dovuto all’ammortizzatore che comunque svolge egregiamente il proprio lavoro.

giant anthem advanced 1

– Efficienza sospensione posteriore in salita offroad: 9
La bike resta sempre stabile a patto di mantenere una pedalata costante e rotonda.
Scegliendo l’impostazione Medium ne giova anche la geometria con il movimento centrale che resta più alto e il tubo piantone risulta meno inclinato.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1
– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9
La leggerezza del cerchio in carbonio Giant unita agli pneumatici Schwalbe (Racing Ralph dietro e Nobby Nic davanti) influiscono positivamente soprattutto in fase di rilancio. Avrei preferito avere una Nobby Nic anche al posteriore sebbene la Racing Ralph si lasci strapazzare assicurando una apprezzabile trazione. Gli pneumatici sono stati convertiti in tubeless migliorando non di poco il comfort ed eliminando il peso superfluo della camera d’aria.

Voto finale (da 1 a 10): 9,0

giant anthem advanced 1


pub

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 8,5
Ho adottato un Sag pari a circa il 20-23% e con questo valore ho trovato un buon bilanciamento tra sensibilità e reattività. Manca purtroppo un’indicatore del Sag (come avviene sui modelli RockShox) sull’ammortizzatore o un riferimento sul telaio.
– Curva di compressione della sospensione (linearità e progressività): 9
Alla ottima sensibilità iniziale si aggiunge un buon supporto a metà corsa per diventare molto progressivo nell’ultima parte di escursione a disposizione.
– Impatti di piccola entità: 10
La sensibilità sugli impatti di piccola entità è ottima. Sembra quasi di avere pneumatici di volume superiore.

giant anthem advanced 1

– Impatti di grande entità: 9
Il sistema Maestro compie dei veri e propri miracoli (restando nei limiti di utilizzo Xc-trail) e sugli impatti di grande entità si ha la sensazione di avere più escursione sulla sospensione posteriore.
In questo contesto la Anthem si dimostra molto valida in discesa anche oltre le legittime aspettative e non a caso Giant la allestisce con forcella da 120 mm.
– Rigidità torsionale del carro: 9,5
Gli snodi utilizzano cuscinetti di grande dimensione per la massima rigidità.
Anche da un punto di vista torsionale la Giant Anthem Advanced 1 è davvero molto valida e non influenza negativamente la guida.

giant anthem advanced 1

– Agilità della bici: 10
La Giant Anthem Advanced 1 ha un bilanciamento degno di lode, risultato di geometrie moderne, un telaio leggero con un baricentro basso e componentistica di prima qualità. Grande precisione di guida e rapidità nei cambi di direzione.
– Efficienza sospensione posteriore in frenata: 9
La capacità del carro di copiare il terreno non viene inibita dall’azione del freno posteriore.

giant anthem advanced 1

– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9,5
I cerchi Giant Xcr 1 con canale interno di 21 mm ospitano pneumatici Schwalbe Nobby Nic e Racing Ralph rispettivamente all’anteriore e posteriore con sezione da 2,25″. E’ stato necessario verificare e tensionare correttamente i raggi della ruota anteriore per qualche iniziale flessione di troppo.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1
I freni Shimano Deore Xt si confermano infaticabili e potenti.
Il reggisella telescopico Giant (foto sopra) estende ulteriormente le capacità discesistiche di questa Anthem, anche se purtroppo il comando non si può integrare nel collarino Shimano risultando leggermente troppo lontano, né conviene invertirne la posizione per questioni di ingombri.

Voto finale (da 1 a 10): 9,3

giant anthem advanced 1

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 9
La posizione Medium si rivela essere quella più redditizia, ma su terreni compatti avere un’ulteriore frenatura in compressione (cioè la Firm) è molto utile. Stando in sella l’accesso alle regolazioni dell’ammortizzatore è abbastanza agevole sebbene non immediato.
– Efficienza sospensione posteriore nei rilanci: 9
Non ho avuto bisogno di utilizzare la modalità Firm tanto è elevato il rendimento. Tuttavia  in Medium e ancora di più in Firm si viene ripagati da prestazioni entusiasmanti.

giant anthem advanced 1
– Agilità della bici: 9,5
Anche in questo contesto ho riscontrato risultati rimarchevoli per prontezza e rigidità. Un riferimento per la categoria full da Xc-Trail. Inoltre, il movimento centrale basso, se da un lato contribuisce a esaltare l’agilità del telaio, dall’altro impone qualche attenzione nel superare ostacoli durante la pedalata.

giant anthem advanced 1

– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9
Anche in questo caso è apprezzabile la scelta fatta per pneumatici e cerchi, leggeri e reattivi. Si potrebbe addirittura migliorare il comportamento in discesa utilizzando anche al posteriore una tassellatura più aggressiva, pareggiando quella anteriore.

Voto finale (da 1 a 10): 9,1

giant anthem advanced 1


pub

5 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Regolazioni consentite sulla geometria: 6
Non sono previste regolazioni, ma non sono necessarie più di tanto su questa tipologia di bici. Motivo per cui la votazione espressa non è penalizzante.

giant anthem advanced 1

– Spazio fra gomma posteriore e carro (in caso di fango): 8
C’è quasi un centimetro di spazio tra foderi e pneumatico posteriore. Quindi, buono.
– Cura del passaggio cavi: 9
Molto curato: il tubo obliquo ospita il passaggio interno dei cavi del reggisella telescopico, del freno posteriore e del cambio e l’uscita è prevista sul tubo obliquo stesso, sopra la scatola del movimento centrale.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1

– Attacco portaborraccia: 10
E’ previsto all’interno del triangolo anteriore, in posizione canonica sul tubo obliquo.
– Attacco guidacatena: 10
Presente e di tipo ISCG 05.
– Compatibilità deragliatore: 10
E’ presente la predisposizione per un deragliatore ad attacco diretto di tipo Shimano Sideswing.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1

– Protezioni sul telaio e sul carro: 9
Molto buona la protezione del batticatena e quella sul tubo obliquo.
– Posizionamento dell’ammortizzatore: 8
L’ammortizzatore è collocato verticalmente ed è raggiungibile abbastanza facilmente stando in sella. Meno buona, però, la protezione da detriti e fango.

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1

giant anthem advanced 1

– Peso telaio e bici: 9
La bici in test pesa 11,3 Kg esclusi i pedali, un valore molto buono per una bike che strizza l’occhio ad un utilizzo trail.
– Prezzo telaio e/o bici: 9
La Giant Anthem Advanced 1 ha un prezzo di 3999€, ovvero una cifra che entra in diretta concorrenza con i marchi venduti online senza dimenticare un possibile sconto praticato in negozio.
– Garanzia: 10
Il telaio è coperto da garanzia a vita per il primo proprietario. Difficile chiedere di meglio.

Voto finale (da 1 a 10): 8,9

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,04

giant anthem advanced 1

In conclusione…
In attesa del prototipo Giant Anthem 29 già avvistato, il modello Anthem Advanced 1 rappresenta ad oggi la soluzione più performante del costruttore taiwanese in ambito full Xc-Marathon.
Considerata l’escursione anteriore di 120 mm si potrebbe optare per una forcella più leggera della Fox 34 Float sebbene a discapito della precisione di guida garantita in discesa.
La trasmissione monocorona Shimano Deore Xt è stata una conferma, la scalatura pignoni 11-42 è ben equilibrata, né si sono verificate cadute di catena.

giant anthem advanced 1

La scelta, apparentemente coraggiosa, di fornire di serie il reggisella telescopico ci trova assolutamente favorevoli su bici la cui vocazione va anche un po’ oltre l’Xc puro.
L’aggravio di peso è ben giustificato dall’innalzamento nella confidenza di guida.
Le ruote con cerchi in carbonio Giant Xcr 1, dal peso di 1565 gr la coppia, non fanno della leggerezza la loro caratteristica principale, ma riescono a bilanciare  bene comfort e reattività.
Ciò che colpisce nella Giant Anthem Advanced 1 è l’ottimo bilanciamento, la componentistica di grande qualità, un telaio con elevate doti meccaniche e costruttive per allineamenti e giunzioni. Lascia sfruttare la sua “poca” escursione oltre il lecito senza mostrare segni di cedimento.

Qui gli articoli e i Test di altre full da Xc

Photo credit Luigi Sestili

Per informazioni Giant-bicycles.com

voto:  9,04 / 10

PRO:

Rapporto qualità/prezzo, prestazioni sospensione Maestro, allestimento, versatilità, geometria moderna, garanzia a vita

CONTRO:

Verniciatura migliorabile, comando reggisella telescopico non integrabile con il collarino della leva freno

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche del telaio:
    Triangolo principale in fibra di carbonio unidirezionale, carro in alluminio Aluxx, passaggio interno dei cavi, asse passante posteriore Boost 148x12 mm, scatola movimento centrale PressFit, 4 taglie dalla S alla XL.
  • Travel posteriore:
    110 mm
  • Diametro ruota:
    27,5"
  • Peso bici completa:
    11,3 Kg (senza pedali, tg M)
  • Angolo di sterzo:
    68° con forcella da 120 mm
  • Angolo piantone:
    73,5°
  • Tubo orizzontale:
    60,5 cm (tg M)
  • Tubo piantone:
    440 mm (tg M)
  • Carro:
    428 mm
  • Interasse:
    1129 mm (tg M)
  • Prezzo:
    3999€
        
Torna in alto