scritto da Stefano Chiri in Biciclette,Test il 27 Apr 2017

TEST – Trek Slash 9.8: l’enduro di nuova generazione…

TEST – Trek Slash 9.8: l’enduro di nuova generazione…
        
Stampa Pagina

Dopo averla assaggiata a Whistler (qui l’articolo) finalmente abbiamo avuto modo di provarla per un lungo periodo che ci ha dato modo di scoprire le doti della nuova Trek Slash 9.8.
Doverosa una segnalazione: l’esemplare che ci è stato inviato da Trek Italia ha il telaio della versione 9.9 (di colore rosso), ma il montaggio è della 9.8, ammortizzatore RockShox Super Deluxe Rt3 compreso.

Trek Slash

Trek Slash 9.8

Questa è la colorazione ufficiale della Trek Slash 9.8

L’aspetto di questa bici non tradisce le intenzioni di chi l’ha progettata, ossia aggredire i sentieri più difficili e veloci.
La Trek Slash 9.8 ha ruote da 29” con ben 150 mm di escursione posteriore con sistema Abp (Active Braking Pivot) che mantiene attiva la sospensione posteriore anche in frenata e all’anteriore una RockShox Lyrik Dual Position 130-160 mm.

Trek Slash

Sistema Abp sul pivot posteriore: l’asse del mozzo e quello del fulcro della sospensione sono coassiali.

Trek Slash

Il comando del Dual Position Air della RockShox Lyrik 160-130 mm di escursione

Il telaio imponente per dimensioni è completamente in carbonio OCLV, acronimo di Optimum Compaction Low Void.
Questa tecnologia contraddistingue i telai in carbonio di Trek da oltre 25 anni: Optimum Compaction è il carbonio creato da una serie di strati compatti nel rapporto ideale fibra-resina mentre Low Void è il processo sotto vuoto che cerca di ridurre al minimo gli spazi tra gli strati di fibra di carbonio che costituiscono il telaio. E un minor numero di spazi significa avere caratteristiche meccaniche superiori.

Trek Slash

Trek Slash

Ad impressionare maggiormente è il tubo obliquo di generose dimensioni e completamente dritto.
Questa costruzione del telaio è denominata Straight Shot che a detta di Trek migliora significativamente la rigidità del telaio. Questo disegno è reso possibile dal sistema Knock Block, ossia da una battuta di blocco del manubrio che limita la rotazione del manubrio stesso e, quindi, della forcella che altrimenti andrebbe ad urtare contro il telaio.
Nel video sotto un tecnico Trek spiega questo espediente:

Per conferire maggiore precisione e resistenza alle ruote da 29” la Trek Slash 9.8 adotta lo standard Boost 12×148 mm posteriore e 15×110 mm anteriore.
A conferma che il telaio è di ultimissima generazione e creato per i rider più esigenti troviamo il sistema Mino Link che varia la geometria di 1/2° per l’angolo sella e sterzo e alza o abbassa di 10 mm il movimento centrale.

Trek Slash

Osservando la Trek Slash 9.8 viene voglia di uscire, all’istante, qualsiasi siano le condizioni climatiche, ed è proprio ciò che abbiamo fatto…
Dopo avervi mostrato una prima presa di contatto con questa bici, siamo in grado ora di dirvi come va più nel dettaglio:

Trek Slash 9.8

Stefano Chiri, il tester della Trek Slash 9.8

1 – GEOMETRIA
– Angolo di sterzo: 9,5
High 65,6° e Low 65,1° sono i gradi dell’angolo di sterzo in base alla posizione del Mino Link. In entrambe le modalità la Slash è molto aperta, come sono le ultime tendenze. Bisogna però ricordarsi che per sentire i benefici di un angolo di sterzo così aperto bisogna essere aggressivi e decisi nella guida, caricando maggiormente il peso sulla ruota anteriore.
– Angolo piantone: 8,5
High 74,1° e Low 73,6° sono in linea con le altre enduro e vanno benissimo per pedalare. Quello che impressiona è l’inclinazione del piantone, che porta a pedalare piuttosto arretrati se avete tanto fuorisella.

Trek Slash

– Lunghezza tubo superiore: 9,5
60,5 cm in taglia M sono quelli che servono se desideriamo sentirci ben dentro la bici e avere una buona confidenza anche nei tratti più ripidi.
– Altezza movimento centrale: 9
High 352 mm e Low 345 mm a seconda della geometria utilizzata. In generale è bassa per essere una 29” donandole una impressionante agilità nei cambi di direzione e facilità di guida. Sui tratti pedalati è capitato veramente di rado di urtare con le pedivelle o i pedali.

Trek Slash

– Altezza manubrio da terra: 9
107 cm che, considerata la mia altezza sella, potrebbero sembrare insufficienti come dislivello sella-manubrio. Tuttavia a me piace avere la bici alta davanti. Per chi ha circa 70 cm di altezza sella c’è margine per abbassare ancora di 1 cm l’attacco manubrio.
– Lunghezza carro: 9
High 433 mm e Low 434 mm, rilevati 439mm sono in linea con le concorrenti 29”. Non sarà un valore di assoluto riferimento, ma la precisione e la rigidità del telaio e delle ruote rendono la Trek Slash 9.8 svelta nei cambi di direzione e sullo stretto.

Trek Slash

– Interasse: 9,5
High 118,6 cm e Low 118,7 cm la rendono stabile e mettono bene in chiaro che le piace andare veloce.

Trek Slash

– Assetto in sella: 8
Il sottoscritto è alto 1,70 m con un’altezza sella di 69,5 cm. Non ho dovuto neanche aggiustare la sella che come vedete dalle foto è ben centrata. Un punto da considerare con attenzione è la presenza del perno della sospensione Abp che blocca l’inserimento del reggisella telescopico per cui non si riesce ad avere un’altezza di sella inferiore a 70,5 cm con un telaio di taglia M. In questo modo sono stato costretto ad abbassare la sella di quel centimetro agendo con il comando remoto del telescopico.

Voto finale (da 1 a 10): 9

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 9,5
La posizione più aperta, Open, del RockShox Super Deluxe non è la più adatta ad un ritmo sostenuto in salita in quanto è molto sensibile e tende a far affondare l’ammortizzatore. La posizione intermedia, Pedal, rende la sospensione più sostenuta ma confortevole. La posizione Lock infine rende la Trek Slash 9.8 molto pedalabile anche su asfalto o quando ci si alza sui pedali.
– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura regolare: 9
Salendo su strade bianche battute e scorrevoli le posizioni Lock e Pedal sono da preferire. La sospensione affonda poco e la pedalata risulta efficace.

Trek Slash

– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura fuorisella: 9
Quando è in posizione Open è chiaramente molto sensibile e affonda parecchio. Così anche nella posizione Pedal che è, sì, sostenuta, ma comunque attiva. Quindi alzandoci in piedi sui pedali bisogna utilizzare la posizione Lock per avere la massima efficienza dalla Slash.

Trek Slash

– Efficienza sospensione posteriore in salita offroad: 9
Quando il percorso si fa tecnico avere grip è importante ed è qui che sia la posizione Pedal che Open, unite alle ruote da 29 pollici, aiutano la Trek Slash 9.8 a scavalcare ogni ostacolo. L’affondamento è evidente sui “gradoni” di rocce ma non tale mettere in crisi il controllo della bici.

Trek Slash

– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9
Nonostante il montaggio sia dedicato alla discesa, l’impostazione di guida e l’efficienza della sospensione rendono questa “endurona” molto più pedalabile di quello che ci si aspetterebbe.

Voto finale (da 1 a 10): 9,1

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 9
Per la discesa la posizione Open è chiaramente quella da preferire. Durante il periodo di test anche forzando il ritmo ho notato un ottimo setup di base del RockShox Super Deluxe Rt3. La sospensione posteriore “mangia” di tutto aiutata anche dalle ”ruotone”.

Trek Slash

Il RockShox Super Deluxe Rt3 è veramente efficiente…

– Curva di compressione della sospensione: 9,5
La sospensione della Trek Slash 9.8 è progressiva. Morbida e sensibile nei primi centimetri per poi essere molto sostenuta sul fine corsa. Tanto da permettere un sag abbondante, oltre il 30%.

Trek Slash

– Impatti di piccola entità: 9,5
È impressionante quanto una 29 pollici con ben 150 mm di escursione al posteriore riesca a filtrare bene i piccoli impatti. Il RockShox Super Deluxe Rt3 (con sistema metrico) di ultima generazione regala una sensazione di assoluto comfort e contatto con il terreno.

Trek Slash

– Impatti di grande entità: 10
Il Super Deluxe Rt3 unito alla sospensione della Trek Slash 9.8 dona grande progressività sul fine corsa. La sensazione è che anche quando si esagera in realtà c’è ancora margine, per osare di più.
– Rigidità torsionale del carro: 9
Il carro non sarà dei più corti sul mercato però i foderi sono di generose dimensioni come anche i cuscinetti che, uniti allo standard Boost, conferiscono alla bici una rigidità di assoluto livello.

Trek Slash

– Agilità della bici: 9
65,1° di angolo di sterzo e 118,7 mm d’interasse pensavo potessero rendere la Trek Slash 9.8 impacciata. Invece la rigidità di telaio e carro trasmettono velocemente alle ruote ogni  input di chi guida. Impressiona oltre che per la stabilità anche per facilità di guida e giocosità.

Trek Slash

– Efficienza sospensione posteriore in frenata: 10
È una bici impressionante sotto molti punti di vista ma in assoluto l’efficienza della sospensione in frenata è tra quelle più evidenti. Anche sul ripido e scassato quando il posteriore è molto leggero e la ruota tende a bloccare la sospensione l’Abp aiuta a tenere la Slash sotto controllo.

Trek Slash

– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9
Il montaggio della 9.8 è quello che serve per aggredire al meglio i sentieri. Sicuramente non leggero, ma affidabile.
Avrei solo preferito delle coperture ancora più aggressive rispetto alle Bontrager Se4 Team Issue di serie per spingermi ancora un po’ oltre.

Voto finale (da 1 a 10): 9,4

Trek Slash

Trek Slash

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: 8,5
Se utilizziamo la posizione intermedia, Pedal, la Trek Slash 9.8 rimane attiva e al tempo stesso sostenuta e reattiva per i cambi di ritmo dei tratti tipici del pedalato.
C’è un “però”: quando è aperta affonda parecchio e i rilanci non sono esplosivi. Se invece blocchiamo l’ammortizzatore perdiamo la sensibilità che serve per guidare al meglio.

Trek Slash

– Efficienza sospensione posteriore nei rilanci: 7,5
Se c’è un punto dolente della nuova Slash sono proprio i rilanci. Un po’ il peso della bici, un po’ le ruote da 29 (anche abbastanza pesanti) è lenta a prendere velocità se manca la pendenza.
– Agilità della bici: 8,5
Se parliamo di guida è la stessa bicicletta della discesa quindi agile e intuitiva. Le manca solo un po’ di reattività quando si è in piedi sui pedali a spingere.

Trek Slash

– Commenti sui componenti montati sulla bici: 9
Le gomme sono aggressive ma tendenzialmente scorrevoli. Il peso generale della bicicletta e delle ruote è quello che limita maggiormente i repentini cambi di ritmo dei tratti pedalati.

Voto finale (da 1 a 10): 8,4

5 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Regolazioni consentite sulla geometria: 10
In pochi offrono questa possibilità. Per la Trek Slash è previsto il Mino Link che modifica la geometria di mezzo grado per angolo di sterzo e piantone variando l’altezza del movimento centrale di 10 mm. E davanti c’è una forcella RockShox Lyrik Rc con travel variabile fra 130 e 160 mm.

Trek Slash

– Spazio fra gomma posteriore e carro: 9
Lo spazio tra gomma e carro è abbondante, c’è margine anche per gomme di sezione maggiore rispetto alle Bontrager di serie. L’abbiamo provata anche in condizioni di fango normale e non c’è stato alcun problema di sfregamenti o bloccaggi della ruota.
– Cura del passaggio cavi: 9
Il passaggio cavi è molto ben curato e pulito. Per essere perfetto le manca solamente di perfezionare la curva che fanno le guaine del cambio e del freno vicino al movimento centrale.

Trek Slash

Trek Slash

Trek Slash

– Attacco portaborraccia: 10
Nonostante la taglia M e ruote da 29 pollici è previsto un attacco per portaborraccia con aggancio laterale della borraccia.
– Attacco guidacatena:10
Sì, di tipo Iscg 05.
– Compatibilità deragliatore: 8
No. Non c’è compatibilità con alcun deragliatore, anche se nell’enduro è sempre più raro aver bisogno di una doppia, soprattutto dopo l’introduzione di pignoni con oltre 42 denti e trasmissioni a 12 velocità.
– Protezioni sul telaio e sul carro: 9
Ci sono e sono ben fatte. Solo quella del batticatena poteva essere leggermente più lunga.

Trek Slash

Trek Slash

Trek Slash

– Posizionamento dell’ammortizzatore: 9
Il telaio è molto “sloping” e quindi l’ammortizzatore è posizionato parecchio in basso rispetto alla sella. Tuttavia è facile da raggiungere e regolare una volta capito dove è posizionato.

Trek Slash

Trek Slash 9.8

Il registro del ritorno dell’ammortizzatore Super Deluxe Rt3 è costituito da una ghiera di facile utilizzo

– Peso telaio e bici: 8
14 kg non sono un peso record però ha già tutto quello che serve per gareggiare o anche affrontare delle giornate in bike park.
– Prezzo telaio e/o bici: 9
5499€, considerato il livello generale di finiture, tecnologia e soprattutto le doti di guida di questa Trek Slash 9.8, sono un prezzo adeguato.
– Garanzia: 8,5
3 anni di garanzia per il telaio della Slash 9.8, inoltre c’è il Trek Carbon Care, che permette di acquistare con un extra sconto un telaio in sostituzione a quello rotto accidentalmente.

Voto finale (da 1 a 10): 9

Trek Slash

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9

In conclusione…
Può piacere o meno l’idea di una 29” per l’enduro, ma quello che sentiamo di consigliare a chiunque sia scettico sulle 29” è provare la nuova Trek Slash 9.8.
Sicuramente questa è una delle bici che faranno scuola, come accadde per la Specialized Enduro 29 quando uscì 5 anni fa.
E’ il mezzo ideale per l’enduro più estremo e veloce, ruote da 29”, lunga escursione e geometrie molto molto aggressive. Non credo sia una bici facile per tutti, ma se vi piace la guida aggressiva e andare forte con la Trek Slash 9.8 potete spingervi oltre…

Per informazioni TrekBikes.com

voto:  9 / 10

PRO:

Confidenza nella guida al limite, rigidità del telaio, rigidità carro, precisione di guida, cura dei dettagli, agilità e geometrie per utilizzo enduro.

CONTRO:

Peso e lentezza nei rilanci

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche del telaio:
    Struttura completamente in fibra di carbonio Oclv con pivot Abp, Mino Link per variare la geometria, passaggio interno dei cavi, attacco Iscg05, asse passante posteriore 148x12 mm, scatola movimento centrale Pressfit, 4 taglie dalla S alla XL
  • Travel posteriore:
    150 mm
  • Diametro ruota:
    29"
  • Peso bici completa:
    14 kg senza pedali taglia M
  • Angolo di sterzo:
    High 65,6°, Low 65,1°
  • Tubo orizzontale:
    605 mm
  • Tubo piantone:
    445 mm
  • Carro:
    433 mm
  • Interasse:
    1186 mm taglia M
  • Prezzo:
    5.499€
        
Torna in alto