scritto da Redazione MtbCult in News il 30 Giu 2014

La Terre Rosse parla iberico. Ivan Gutierrez re del Montello.

La Terre Rosse parla iberico. Ivan Gutierrez re del Montello.
        
Stampa Pagina

COMUNICATO STAMPA

E’ la bandiera giallorossa iberica quella che oggi si prende i flash destinati al vincitore, dopo essere stata orgogliosamente esibita all’arrivo da un Ivan Alvarez Gutierrez raggiante.
Proprio “Ivan il terribile”, com’è stato soprannominato al momento della premiazione, si aggiudica la Granfondo del Montello, ultima prova della Coppa Veneto Zerowind 2014 ed evento clou che chiude due settimane di grande mtb sul Montello e sul tracciato permanente “Respira la Vita” da poco inaugurato.

Gutierrez inseguito da Pettinà nelle prime fasi della marathon.

Gutierrez inseguito da Pettinà nelle prime fasi della marathon.

Una prova da ricordare quella del biker che corre per il Team Selle San Marco-Trek, fatta di sudore, sacrificio e grande grinta. Sul traguardo Gutierrez ha di poco preceduto un ottimo Nicholas Pettinà (Gruppo Sportivo Forestale) e il compagno di squadra Walter Costa. In campo femminile, bella vittoria di Jessica Pellizzaro (Team Rudy Project Pedali di Marca) che ha staccato nettamente le altre atlete open. Sul traguardo ha preceduto le amatori Luisa De Lorenzo Poz (GS Team Estebike Zordan) ed Edi Boscoscuro (G.S. Schio Bike A.S.D.).

arrivo pellizzaro femm

L’arrivo trionfale di Jessica Pellizzaro.

Circa millecinquecento partecipanti, frazionati in più scaglioni, sono stati spronati al via dal sindaco di Volpago del Montello Roberto Toffoletto. Nel suo discorso il primo cittadino non ha mancato di complimentarsi con Massimo Panighel, il Comitato Organizzatore “Pedali di Marca” e tutti i volontari che in questi giorni hanno reso possibile un avvenimento sportivo di questa portata.
Partenza alle nove per gli Elite/U21 di categoria Open, mentre cinque minuti dopo è toccato agli altri atleti impegnati nei due giri del percorso marathon. Altri dieci minuti ed il via è scattato anche per le categorie iscritte al Classic da un giro.

partenza

Pronti, via.

Se poco dopo la partenza il gruppetto dei papabili favoriti era ancora compatto, al Gpm sulla Dorsale i tre che sarebbero poi saliti sul podio avevano già scavato un solco di 30 secondi sul resto del gruppo. Al traguardo del primo giro, la coppia di testa Gutierrez – Pettinà aveva già preso il largo, con due minuti su Walter Costa terzo, che ha accusato il colpo dopo una partenza sprint. Ancora più staccati Franz Hofer (Scott Racing Team) e Pietro Sarai (Repartosport – Leecougan). Al secondo passaggio sul GPM gli ormai tre minuti di vantaggio del duo di testa su Costa hanno fatto chiaramente intuire che la vittoria di questa edizione della Granfondo del Montello sarebbe stata un affare privato tra Gutierrez e Pettinà.

podio open masch

Sul podio maschile svetta la bandiera spagnola.

Lo spagnolo, spinto da una condizione ormai ritrovata dopo un tormentato inizio di stagione, ha oltrepassato la “casa rossa” al comando e si è diretto spedito verso l’imminente traguardo, che ha tagliato con il tempo di 2:53:47. Un minuto e sedici secondi dopo è sopraggiunto Nicholas Pettinà, mentre Walter Costa ha completato il podio con il tempo di 3:00:52. Quarto posto per Franz Hofer (3:01:27), quinto Pietro Sarai (3:01:58).

miss respect

A Volpago del Montello non si sono fatti mancare proprio niente.

Nella categoria Open femminile, Jessica Pellizzaro ha da subito scavato un gap di un minuto tra lei e le prime inseguitrici. Un divario che è man mano diventato un gap insormontabile: Jessica ha vinto in 4:07:45 davanti a Valentina Capponi (G.S. Cicli Olympia, 4:13:57) e Nicole Tovo (Team Rudy Project Pedali di Marca, 4:19:54). L’arrivo tuttavia non è stato in completa solitudine, visto che poco dopo ha terminato la sua gara anche l’atleta amatoriale Luisa De Lorenzo Poz in 4:03:34. Una grande prestazione, tant’è che anche la Pellizzaro ha riconosciuto molto sportivamente il valore della vincitrice del Master femminile, “penalizzata” dalla partenza ritardata della propria categoria. Alle spalle della De Lorenzo Poz si è piazzata Edi Boscoscuro con l’ottimo tempo di 4:04:50.

podio open femm

Il podio femminile.

Il Master maschile ha visto la vittoria di Ivan Zulian (A.S.D. Bike Pro Action) mentre i circuiti Classic di 30 km hanno le visto le vittorie rispettivamente di Renato Cortiana (Team Ecor MBT Schio, 1:35:31) tra i maschi e di Chiara Selva (Spezzotto Bike Team, 01:56:11) tra le donne. Primo posto tra gli atleti Junior per Nicolò Zoccarato (S.C. Barbieri, 1:40:38).

Classifica Open La Terre Rosse

Sono tanti complimenti ricevuti dal tracciato nelle interviste postgara, definito suggestivo e spettacolare da tutti gli atleti, pronti ad unirsi alla causa ed incentivare l’operato di quanti si applicano costantemente per mantenere al meglio il nuovo percorso “Respira la Vita” dedicato alla memoria di Luca Panighel.

Per informazioni www.laterrerosse.com

        
Torna in alto