•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nicola
via e-mail

Innanzi tutto vorrei farvi i miei complimenti, vi seguo giornalmente ed è un piacere ! La mia domanda è: Specialized Stumpjumper Fsr Expert Carbon 29 oppure Expert Carbon Evo 29?
Il prezzo della Evo è inferiore, ma la componentistica no, quale delle due bici è più all-round? Brain sì oppure no?
Quanta differenza fa il Brain in salita?
Quanta differenza fra le due in discesa su sentieri?
Quale delle due per un utilizzo amatoriale di lunga percorrenza?
Ruote in carbonio sì oppure no? Io penso che le due Mtb sembrano molto simili ma sono invece profondamente differenti….
Non ho la possibilità ed il piacere di provarle quindi per l’acquisto mi trovo in forte difficoltà. La Evo attira molto per il monocorona, la Pike e il Fox Kashima, molto di tendenza; l’altra per la doppia più sfruttabile, per il Brain e i cerchi in carbonio.
Ringrazio anticipatamente.

Risponde Simone Lanciotti
Partiamo subito dai numeri più significativi, ovvero i costi, in modo da far capire a tutti i lettori su quale fascia di prezzo siamo: la Specialized Stumpjumper Fsr Expert Carbon 29 costa di listino 5690€ contro i 5290€ della Stumpjumper Expert Carbon Evo 29. Differenze contenute, quindi.
Le differenze vere si incontrano in termini di allestimento e, quindi, di utilizzo.

Specialized Stumpjumper Fsr Expert Carbon 29
Specialized Stumpjumper Fsr Expert Carbon 29

Gli aspetti sui quali punti l’attenzione ovvero Brain, monocorona, forcella e cerchi in carbonio sono quelli cruciali.
La Evo non ha il Brain, cioè diventa una bici che, nelle intenzioni di Specialized, è pensata per avvicinare la Stumpjumper alla Enduro 29 e quindi essere magari un po’ meno versatile, ma più divertente in discesa. Se vai a guardare fra le specifiche noterai che la Evo ha anche un manubrio da 750 mm di larghezza, una misura che a dirla tutta vedremmo bene anche sulla Stumpjumper tradizionale.

Specialized Stumpjumper Expert Carbon Evo 29
Specialized Stumpjumper Expert Carbon Evo 29

Il travel posteriore, poi, aumenta di 5 mm per via di un link differente della sospensione e questo, in abbinamento alla forcella da 140 (e con steli da 35 mm di diametro), comporta una riduzione dell’angolo di sterzo che passa dai 69° della versione standard ai 68° della Evo.
Su quest’ultima, inoltre, Specialized dichiara un aumento di 5 mm della lunghezza dei foderi bassi e una riduzione di pari valore dell’altezza del movimento centrale.
Quindi, a livello di geometria, le differenze ci sono.

Sul discorso Brain ci siamo già pronunciati in questo articolo: è un dispositivo ben fatto, molto evoluto, ma non indispensabile. Sulla Stumpjumper Fsr Expert Carbon 29 trova un’applicazione perfetta perché quella bici è da diverse stagioni uno dei riferimenti fra le trailbike.
Se cerchi una bici versatile, cioè capace di affrontare praticamente di tutto, questa è una soluzione valida, senza dimenticare che l’allestimento è molto curato.
La Evo te la consigliamo se hai nel sangue una certa predisposizione per le discese cattive, ovvero alla bagarre con gli amici o alla ricerca di traiettorie sempre più efficaci (e spesso aggressive).

Monocorona sì oppure no?
Anche qui si apre una discussione molto “rovente” e sulla quale abbiamo già espresso il nostro parere in passato.
Il monocorona è sia una grande risorsa che una limitazione-compromesso. A te la valutazione.

Quindi, sì, si tratta di due bici diverse fra loro e la scelta finale, come sempre, spetta a te.
Facci sapere per quale delle due propenderai. E buone pedalate.

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti