•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sognate di tele trasportarvi in un epoca differente?
Soprattutto in questo momento?
A me è bastato ritrovare una vecchia Giant Cadex CFM1 in garage per tornare ai magici anni ’90.
Anni fenomenali, musica dance, colori accesi, ma anche il dilagare di strane bici con le “ruote grasse”, le mitiche Mtb.
Dopo aver rispolverato questa vecchia 26” nasce l’idea di confrontarla con una Mtb attuale, nello specifico la Lee Cougan Rampage 428.
Non un confronto cronometrico, ma una presa di coscienza su quanto e come si sia evoluta la Mtb in quasi trenta anni di storia.
Curiosi di vedere cosa abbiamo combinato questa volta? Mettetevi comodi perché ci sarà da ridere!

 

Osservando le due bici e piloti, già si capisce che di passi avanti ne sono stati fatti davvero molti…
La Mtb è stata rivoluzionata in ogni suo componente e nelle sue geometrie.
Un’evoluzione che ci permette, oggi, di guidare in sicurezza e divertirci in ogni condizione.

ho trovato un mostro in cantina

Il telaio è stato rivoluzionato nelle geometrie, sezione e forma dei tubi, materiali e lavorazione.
Ad oggi la struttura portante della nostra bici è in grado si resistere a sollecitazioni davvero impensabili ai tempi della Cadex.

ho trovato un mostro in cantina

ho trovato un mostro in cantina

Se nel 1993 la forcella rigida era una scelta apprezzata, oggi rinunciare ad una forcella ammortizzata sarebbe una follia.
Qui gli sviluppi nel corso degli anni sono stati sorprendenti.
Steli di diametro sempre maggiore, possibilità di regolazione infinite e impiego di materiali di alto livello rendono le sospensioni dei nostri giorni dei veri capolavori d’ingegneria.

ho trovato un mostro in cantina

ho trovato un mostro in cantina

Tornare a guidare una 26” è stato complicato.
Abituato alle attuali 29″ molto più facili e performanti, prendere di nuovo in mano una bici dalle “ruotine” piccole mi ha messo non poco in difficoltà.
E che dire del tubeless?
Mi ero quasi scordato delle vecchie e fastidiose pizzicature.

ho trovato un mostro in cantina

Freni a disco idraulici: uno dei componenti dei quali ho sentito più la mancanza guidando la Giant.
Modulabilità, potenza frenante ma sopratutto sicurezza sono caratteristiche alle quali non rinuncerei più.
Davvero difficile abituarsi di nuovo ai Cantilever

ho trovato un mostro in cantina

ho trovato un mostro in cantina

Trasmissione monocorona: anche questa è stata un’innovazione fondamentale per la Mtb.
Addio a uscite di catena o peggio ancora a “inceppamenti”.
La corona singola e la conseguente eliminazione del deragliatore hanno reso più semplici ed efficienti le nostre cambiate.

ho trovato un mostro in cantina

Infine anche la rete vendita è cambiata profondamente.
Basta dare un occhiata a questo depliant con listino allegato… Che tempi!

ho trovato un mostro in cantina

ho trovato un mostro in cantina

Per maggiori informazioni sui prodotti Giant cliccate qui.

Per maggiori informazioni sui prodotti Lee Cougan cliccate qui.

Simone Lucchini

Pedalo in bici da quando ero giovanissimo. Bici da strada, Mtb, gravel e ora anche le e-Mtb. Per me le due ruote a pedali non hanno confini e mi esalta impegnarmi nella guida piuttosto che nella ricerca delle prestazioni atletiche. Per me la bici è una passione che è diventata da subito un lavoro, in officina e sulle pagine di MtbCult.it