• 592
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO UFFICIALE

Calabria Bike Resort nasce nel 2018, grazie a un piccolo gruppo di persone che hanno creduto nella Mtb come forma di sviluppo economico del territorio, oltre che di aggregazione tra giovani e meno giovani per mezzo dello sport.

Calabria Bike Resort

La Bike Area di Calabria Bike Resort è immensa: per gli amanti delle lunghe pedalate ci sono oltre 100 km di sentieri Xc, che partono dal mare fino a oltre 1500 metri di altitudine. Una rete che si sviluppa in un area di 50 km quadrati e che abbraccia 5 comuni meravigliosi del tirreno cosentino.
Amantea è il centro commerciale e turistico di zona, mentre gli altri paesini sono abbarbicati sulle montagne a ridosso del favoloso mare di Calabria.

Uno di questi, Belmonte, ospita una bellissima zona Gravity con trail preparati appositamente dai ragazzi di Calabria Bike Resort. Circa 6 km di salti, radici e sponde poggiati su un terreno fantastico e vario: l’enorme dislivello, infatti, garantisce un terreno soffice tipico dei boschi montani più in alto per poi incontrare sassi e pietre man mano che si scende. Non manca qualche passaggio urbano in uno dei centri storici meglio conservati della regione.

Calabria Bike Resort

Calabria Bike Resort

I ragazzi sono organizzatissimi: shuttle per le risalite, noleggio Mtb, e guide certificate. Come se non bastasse tutti i servizi da loro offerti sono anche acquistabili dal sito web di Calabria Bike Resort.

Per il futuro, lo staff di Calabria Bike Resort ha intenzione di sviluppare ancora di più le potenzialità della zona, facendola diventare uno dei bike park più interessanti del panorama italiano.
Pensandoci bene, grazie alla posizione geografica particolare, potrebbe essere uno dei pochi posti dove potersi divertire per tutti e 12 i mesi dell’anno…

Calabria Bike Resort

Per altre informazioni CalabriaBikeResort.com

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it