• 839
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proprio così, amico, oltre alle gare c’è di più, molto di più!
E se te lo dice un agonista incallito, ti puoi fidare…
Perché ti dico questo?
Perché in questo periodo sta uscendo allo scoperto chi è SOLO un agonista e non proprio un vero appassionato della Mtb.

oltre alle gare c'è di più

Parliamoci chiaro: chi ama fare sport lo fa a prescindere dalle competizioni, perché quello che ci ha fatto innamorare della Mtb è l’emozione che regala, l’adrenalina, la velocità, la fatica, l’aggregazione, la ricompensa.
Un “pacchetto” di sensazioni che non per forza devono essere vissute con un numero attaccato.
Per carità, correre è bello, è un grande stimolo per allenarsi, è una sfida contro sé stessi e contro gli altri.
Insomma, un bel gioco al quale, in condizioni “normali”, partecipiamo con soddisfazione.
Però…
Però ragazzo, oltre alle gare c’è di più, molto di più!
E in questo periodo bisogna riscoprirsi, ritrovare quel lato della Mtb che va oltre la competizione, quello che in fin dei conti ci ha fatto avvicinare a questo fantastico sport.

Oltre alle gare c’è di più.
C’è la scoperta, l’esplorazione.
Il bello della Mtb è che non ha limiti, o quasi. Con le dovute accortezze, ti porta dove vuoi.
Cioè, sei tu a “portarla”, ma vabbè, sono dettagli 😅
In ogni caso, questo periodo senza gare può essere il momento giusto per i giri lunghi e senza meta, oppure con una meta ben precisa che, per svariati motivi, da tempo non riuscivi a raggiungere.
Quelle uscite che spesso vengono trascurate per fare i lavori specifici o per le trasferte sui campi gara, ma che una volta portate a termine ti fanno rinascere.

oltre alle gare c'è di più

C’è la tecnica, il piacere di guida.
Un fattore troppo spesso trascurato, spesso proprio per via dell’assillo del cronometro e dell’aspetto atletico.
Ecco, questo periodo senza gare può rappresentare un’ottima alternativa per colmare le tue lacune tecniche, prendendo parte a un corso di guida, oppure seguendo la ruota dell’amico più forte in discesa e soprattutto… Giocando!
Se impari a giocare con la bici, a rilassarti, a divertirti… Allora hai già vinto.
E di sicuro guiderai anche meglio.

Rose Root Miller

C’è la possibilità di “capire” e “testare”.
In garage avrai un mezzo interessante, ma sei sicuro di saperne sfruttare tutte le potenzialità?
Sei sicuro di conoscerlo davvero?
Se non corri, potresti fare quegli esperimenti che finora non avevi mai avuto tempo o voglia di fare.
Testare quella gomma o quel salsicciotto, settare le sospensioni in quel modo piuttosto che nell’altro, provare una misura diversa di pedivelle, regolare la sella in modo diverso…
Scoprirai che la tua bici ha molto da nascondere: beh, ora è il momento di essere “curiosi”.

oltre alle gare c'è di più

C’è la fantasia, la capacità di rompere gli schemi.
Spesso è proprio questa la chiave per tenere viva la passione ed avere sempre più voglia.
Meno programmi, meno tabelle, vivi la giornata e goditi appieno ogni uscita.
Perché, parliamoci chiaro, non sapendo ancora quando si tornerà veramente a correre, non si può fare una programmazione vera e propria, quindi tanto vale divertirsi e non stressarsi troppo.
Oppure potresti alternare lavori specifici (usandoli come stimolo) e uscite a sensazione.
Ecco, forse questa è la soluzione giusta per chi senza un po’ di metodo non ce la fa proprio a vivere.
Quelli tipo… Tipo me, ad esempio 😬

E poi c’è Strava!
Sì ok, le gare vere e proprie sono un’altra cosa, ma i KOM e i PR potrebbero essere un grande stimolo per tenerti allenato, per superare i tuoi limiti in discesa o semplicemente per divertirti e tirarti un po’ il collo, da solo o in compagnia.
Mai come in questo periodo, la tecnologia può venirti in aiuto…

Le “sfumature” del concetto di divertimento sono infinite, ne avevamo parlato anche in questo articolo.
E forse il bello della Mtb è proprio questo.
Senza gare non è mai morto nessuno, ma rinunciare alla Mtb o allo sport in generale, solo perché non si può attaccare il numero, sarebbe davvero un peccato.

oltre alle gare c'è di più

Essere SOLO degli agonisti è un grosso limite.
Un limite che viene a galla nei momenti critici come questo, ma che in realtà esiste sempre.
Un bel modo per superarlo è reinventarti, fare quello che finora non hai mai fatto, ma che in fondo avevi voglia di fare.
Guardando il bicchiere mezzo pieno, questo periodo può essere una buona opportunità per fare tutto questo.
E sicuramente, quando tornerai alla normalità, sarai un biker migliore!

Biker da gara e da allenamento, chi sei? Scoprilo qui:

Biker da gara e biker da allenamento: di quale “sponda” siete?

Qui tutti gli articoli che parlano di divertimento.

Qui gli articoli sulla tecnica di guida.

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia