•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cannondale Scalpel SE LTD Lefty, divertimento è la parola chiave per interpretare al meglio la down country americana.
Dopo aver testato lo scorso anno la Scalpel da 100 mm è arrivato il momento di mettere sotto esame la versione “maggiorata”.
Presentata inizialmente con forcella Rock Shox Sid 35, la Cannondale Scalpel SE è stata recentemente impreziosita con la nuova Lefty Ocho da 120 mm, una forcella più capace e robusta.
Dopo averla provata per diverso tempo, su terreni a lei congeniali e non siamo pronti a recensirla.



1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria
Il telaio della Cannondale Scalpel SE LTD Lefty è lo stesso della versione da 100 mm.
Stesso interasse dell’ammortizzatore (190 mm) con corsa aumentata (45 mm), per raggiungere i 120 mm di escursione posteriore.
A variare l’assetto della bici ci pensa la Forcella Lefty Ocho da 120 mm, più alta da terra.
L’angolo sterzo è infatti più aperto della versione da Xc (67°), ed anche l’angolo del tubo piantone ne risente (74°).
Nella taglia da noi testata (M) il Reach misura 430 mm, quindi una volta in piedi sui pedali avrete sotto a voi una bici sufficientemente lunga da garantire la giusta stabilità anche nei tratti più veloci.
Le geometrie della Cannondale Scalpel SE sono davvero ben bilanciate, perfette per divertirsi ovunque, avrei apprezzato un tubo piantone più verticale ma ne parliamo più avanti…
Qui sotto le geometrie complete.

Scalpel SE

– Assetto in sella
Montato in sella alla Cannondale Scalpel SE LTD Lefty ho subito avuto l’impressione di averla sempre guidata.
Tutto si trova alla giusta distanza, questo si traduce in una posizione naturale che dona la giusta confidenza nella guida.
Per compensare l’angolo piantone non troppo verticale ho preferito spostare la sella in avanti.
Avvicinando la seduta al manubrio sono riuscito a caricare in maniera adeguata l’anteriore, anche nei tratti di salita più ripida.
La posizione in sella è molto simile a quella della Scalpel da Xc, fatta eccezione per un anteriore più alto da terra.

– Cura costruttiva
Davvero ottima, il telaio è rifinito nei minimi particolari, dando la giusta attenzione anche ai dettagli più nascosti.
Iniziamo dal passaggio cavi, ben curato non solo nelle parti visibili ad occhio nudo, ma anche internamente.
I tubi e le guaine all’interno del triangolo anteriore sono tenute ferme da una fascetta ancorata al Kit Stach (Tool integrato nel telaio Cannondale Scalpel al di sotto del porta borraccia).
Posteriormente, dove il carro si unisce al triangolo anteriore, è stato istallato un ferma cavo per tenere immobile la guaina del reggisella telescopico.
Tutti dettagli che rendono silenziosa nell’utilizzo la Cannondale Scalpel SE LTD Lefty.
Il batti catena è un naturale proseguimento della gomma messa a copertura del sistema Flex Pivot, segno distintivo e caratterizzante Dei modelli Scalpel.
La possibilità di istallare un secondo porta borraccia sarà sicuramente apprezzata da chi percorre molti chilometri, ampliando di fatto la platea alla quale si rivolge la Cannondale Scalpel SE.
Se vogliamo trovare il pelo nell’uovo, avrei gradito una protezione al di sotto del movimento centrale viste le maggiori capacità della bici.

– Tuning ammortizzatore
L’ammortizzatore istallato sulla Cannondale Scalpel SE LTD Lefty è un Rock Shox Sid Luxe Ultimate (190×45).
Regolabile su due posizioni (aperto o chiuso) è azionabile solo tramite la levetta installata sulla testa dell’ammortizzatore.
L’assenza di un comando remoto si sente, sopratutto nelle fasi più concitate del percorso.
I 120 mm di escursione posteriore sembrano davvero non finire mai, merito di un ammortizzatore con taratura idraulica sufficientemente progressiva, ma sopratutto del sistema Flex Pivot che accompagna la corsa dell’ammortizzatore, sopratutto nella parte finale.
L’efficenza del lockout è ottima, ma a tutto vantaggio della comodità i foderi inferiori del carro continuano ad assorbire tutte le piccole imperfezioni del terreno, facendo in parte dimenticare la mancanza di una posizione intermedia dell’ammortizzatore.
A sospensione aperta il carro lavora davvero in simbiosi con la forcella, regalando un comportamento dinamico e reattivo alla bici.

– Posizionamento ammortizzatore
Situato al di sotto del top tube in maniera orizzontale, l’ammortizzatore è facilmente raggiungibile una volta in sella per le operazioni di blocca / sblocca.
Inoltre lascia sufficiente spazio per l’alloggiamento di un doppio porta borraccia.

Scalpel SE

– Peso telaio e/o bici
Il peso da noi rilevato è di 11,6 Kg con pedali, Kit Stach compreso e gomme tubeless.
Davvero non male per una bici con 120 mm di escursione e soluzioni tecniche all’avanguardia.
Si potrebbe intervenire su alcuni componenti limando ancora qualche etto, ma ce n’è davvero bisogno?

– Prezzo telaio e/o bici
La Cannondale Scalpel SE LTD Lefty si posiziona al vertice dei modelli SE.
Gli 8.399,00 € necessari per acquistarla non sono pochi, solo in parte giustificati dall’esclusività del prodotto.

– Garanzia sul telaio
Registrando il prodotto sul sito Cannondale.com o presso il vostro rivenditore di fiducia si ha diritto alla garanzia a vita sul telaio della vostra Cannondale Scalpel SE LTD Lefty.
Per ulteriori informazioni e dettagli sulla garanzia cliccate qui.

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
Veniamo alla parte pratica di questa recensione e iniziamo con il dirvi come va in salita questa Cannondale Scalpel SE LTD Lefty.
Parlando di geometrie avevo accennato ad un piantone troppo inclinato, ricordate?
Proprio in questo frangente, la salita, avrei preferito un angolo sella più verticale, sopratutto nei tratti più ripidi.
Sia chiaro, La Cannondale Scalpel SE rimane un’ottima arrampicatrice, ma un piccolo accorgimento sull’inclinazione del tubo piantone l’avrebbe resa perfetta.
Agile ed inarrestabile si è dimostrata nelle salite più tecniche, quelle particolarmente difficili da salire in sella.
Il sistema Flex Pivot è davvero un plus aggiunto, accompagna ogni piccola oscillazione dell’ammortizzatore rendendo tutto più fluido e prevedibile.
Sistema che rende la bici dinamica e capace di assorbire le piccole asperità anche a lock out della sospensione inserito.
L’ottima posizione in sella aiuta ad “aggredire” con veemenza ogni piccola rampa.

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
I 20 mm in più di escursione della versione SE rispetto al più tradizionale modello da Xc si sentono tutti.
Più cattiva, guidabile e versatile, la Cannondale Scalpel SE LTD Lefty infonde sicurezza sin dalle prime curve.
L’angolo sterzo da 67° si traduce in una maggiore stabilità nei tratti veloci in discesa ed invoglia ad affrontare passaggi mai azzardati prima.
In questo il reggisella telescopico gioca un ruolo fondamentale, garantendo al pilota sicurezza e divertimento nella guida.
Sentieri stretti e tortuosi sono il suo habitat naturale.
Geometrie equilibrate e una conseguente facilità di guida la rendono veloce e dinamica nei cambi di direzione.
Nonostante un’agilità davvero molto buona, la Cannondale Scalpel SE LTD Lefty assicura stabilità anche sul veloce.
La nuova forcella Lefty Ocho da 120mm mi ha sorpreso per rigidità e precisione di guida, davvero un riferimento per il segmento down country / trail.
Un cerchio con canale più largo rispetto a quelli monatti di serie (25 mm), sarebbe stato sicuramente più in linea con le capacità della bici.

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
Con una bici come la Cannondale Scalpel SE LTD Lefty è logico esaltarsi su percorsi “mangia e bevi” ma…
L’assenza di un comando remoto per il controllo delle sospensioni la penalizza nei continui rilanci tipici di un percorso misto.
Nonostante ciò, l’ottimo sostegno offerto dalle sospensioni assicura reattività e prontezza al colpo di pedale.
Davvero divertente da condurre e piacevole da pedalare.

In conclusione…
Ho pedalato e guidato la Cannondale Scalpel SE LTD Lefty in condizioni e contesti diversi tra loro.
Dal frenetico tracciato della Capoliveri XCO, alle più costanti salite tipiche dei percorsi Marathon e perché no? Anche qualche discesa “enduro” per testarne le reali capacità discesistiche.
Qui sotto trovate la traccia Komoot del giro gara della Capoliveri XCO.👇🏻

Mai fuori luogo, a suo agio ovunque la si porti a patto di aver manico.
Ritengo sia la bici perfetta per tutti coloro che lasciano volentieri il cronometro a casa in favore del divertimento di guida, anche se….
Anche se sono convinto che la down country americana potrebbe dire la sua anche nei più moderni tracciati di coppa del mondo Xc.

Per maggiori informazioni consultate il sito Cannondale.com
Qui test ed articoli riferiti al marchio Cannondale
Qui sotto il test della Cannondale Scalpel Hi-MOD1.👇🏻

TEST – Cannondale Scalpel Hi-MOD 1: per spingersi oltre, con più facilità…

Simone Lucchini

Pedalo in bici da quando ero giovanissimo. Bici da strada, Mtb, gravel e ora anche le e-Mtb. Per me le due ruote a pedali non hanno confini e mi esalta impegnarmi nella guida piuttosto che nella ricerca delle prestazioni atletiche. Per me la bici è una passione che è diventata da subito un lavoro, in officina e sulle pagine di MtbCult.it