•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ravemen PR1600 e CL05, ossia un faretto anteriore e una luce posteriore studiati per offrire la massima visibilità sia su strada che nel fuoristrada, con il minimo ingombro ed un buon rapporto qualità-prezzo.

Ravemen PR1600 e CL05

Ottimo, non credete?
In effetti sì, ma come vanno queste luci del marchio asiatico, distribuito in Italia da Beltrami TSA?
Fanno davvero tanta luce?
E quanta autonomia hanno?
Le abbiamo provate in diverse condizioni e tra poco vi spieghiamo tutto.
Prima, però, riassumiamo i dettagli tecnici dei due prodotti…

Ravemen PR1600 e CL05



RAVEMEN PR1600
La sigla 1600 indica i Lumen massimi di questo faretto anteriore: chi conosce un po’ le luci da bici avranno intuito che si tratta di una luce piuttosto potente…
Ma non solo, la Ravemen PR1600 è dotata anche di un sistema a doppia lente molto simile a quello delle automobili, con una modalità “standard” (dedicata alla strada) e una modalità “abbagliante” dedicata al fuoristrada.
Per capire meglio di cosa parliamo, guardate questo video:

Di seguito le caratteristiche principali:
– Due modalità diverse e 8 livelli di luminosità.
– Ottica DuaLens con ampio fascio luminoso antiriflesso, nessun abbagliamento per chi arriva nella direzione opposta

– Sistema “HiLo Beam” a doppio LED
– Display LED con visualizzazione in tempo reale della durata residua per ogni livello di luminosità

Ravemen PR1600 e CL05

La spia arancione identifica la modalità “road” ossia quella che attiva una sola parte del faretto ed ha un fascio di luce meno invasivo. Questa modalità, a sua volta, si può regolare in 5 livelli spingendo il tasto tondo più piccolo brevemente. Il display indica la durata residua della batteria, nel caso della foto è di 2h30 circa.
Ravemen PR1600 e CL05
Spingendo il tasto tondo più grande si passa alla modalità “offroad”, quella più invasiva e luminosa. A sua volta, questa modalità ha tre livelli specifici. Tenendo premuto il tasto piccolo si attiva sempre la modalità emergenza, rilasciandolo si torna al setup precedente.

– Porta USB (out) compatibile con la maggior parte dei caricabatterie degli smartphone
– Porta UBS-C (in) per la ricarica con cavetto
– Comando remoto wireless

Ravemen PR1600 e CL05
Il comando remoto funziona così: tenendo premuto il tasto piccolo si accende la luce. Dopodiché, premendo brevemente il tasto piccolo si cambia il livello di luminosità, spingendo quello grande si passa dalla modalità “road” a “offroad” e viceversa. Il comando funziona con una pila CR2032.

– Circuito intelligente di gestione termica per evitare il surriscaldamento dei LED
– Circuito di memoria intelligente che ricorda l’ultimo livello di luminosità e l’ultima modalità utilizzata quando il dispositivo viene spento e riacceso
– Montaggio e smontaggio facile e veloce (sistema a slitta)

– Compatibile con manubri di diametro da 22.2 mm fino a 35 mm
– 1600 lumen di potenza massima
– LED: 2 CREE XM-L2 con una vita utile di 50.000 ore
– Batteria: 6000mAh / 3.7V batteria ricaricabile agli ioni di litio

Ravemen PR1600 e CL05

– Dimensioni: 100 mm  x 48 mm  x 27 mm
– Peso: 220 grammi
– Materiali: corpo anteriore in alluminio anodizzato, parte posteriore e supporto manubrio in materiale plastico robusto.
– Prezzo: 129,95€ (Iva inclusa)

Ravemen PR1600 e CL05

Montaggio e sensazioni
Il montaggio della luce Ravemen PR1600 è molto semplice. Di serie vengono offerti due adattatori, per manubri di diverso diametro, che si serrano con una piccola brugola (fornita anch’essa di serie) e aderiscono alla perfezione.
Dopodiché, il faretto si fissa velocemebte con un sistema a slitta. Per rimuoverlo basta premere la linguetta posteriore del supporto e sfilarlo dalla parte anteriore.
Ancora più semplice è il montaggio del comando remoto senza fili, dotato di un semplice “strap” in velcro.

Arriviamo alle sensazioni: confesso di aver iniziato il test con un po’ di timore, perché non sono abituato ad uscire in bici di notte, soprattutto se la visibilità è precaria.
Ho montato le luci Ravemen PR1600 e Cl05 su una gravel bike elettrica, a mio avviso il mezzo ideale per testarle sia su strada che nel fuoristrada, ma anche per compiere delle avventure in notturna un po’ fuori dal coro…

Ravemen PR1600 e CL05

Devo dire che già dalle prime pedalate mi sono sentito a mio agio, perché la luce Ravemen PR1600 permette di avere sempre la giusta visibilità, sia all’imbrunire, sia a notte fonda.
Su strada impostavo la modalità specifica, che non dà fastidio agli automobilisti, sullo sterrato attivavo la potenza massima e… E diventava giorno!
Incredibile come il fascio di luce dei 1600 lumen permetta di fare velocità senza incertezze, perché si vede ogni singolo sasso e ogni piccola buca. Davvero sorprendente!

Il fascio di luce in modalità offroad da 1600 lumen

Nel caso specifico, avendo le dita molto vicine al faretto non ho utilizzato quasi mai il comando remoto, ma questo accessorio è molto utile con i manubri da Mtb, perché permette di non togliere le mani dalle manopole per cambiare modalità, spegnere, accendere o attivare la luce di emergenza.
Quanto dura la batteria? In modalità offroad alla massima intensità, la luce ha un’autonomia di quasi 2 ore, minuto più, minuto meno. Quindi qualcosa in più di quanto dichiarato (circa 1h20′).
Alternando le varie modalità e usando la massima potenza con parsimonia, ovviamente l’autonomia è maggiore, si arriva fino a un massimo di 20 ore con luce fissa (modalità Eco Road da 100 lumen) e 24 ore con luce Road lampeggiante.

Ravemen PR1600 e CL05

A mio avviso, quindi, la durata della batteria è più che sufficiente, basta calibrare le modalità con intelligenza durante l’uscita. Inoltre c’è da prendere in considerazione la possibilità di ricaricare la batteria con un power bank durante l’utilizzo: un espediente utile per chi ha in mente dei lunghi viaggi in notturna.
Ho apprezzato molto anche il piccolo display che indica la durata residua della batteria in tempo reale in base al livello impostato.
Nel complesso, quindi, il giudizio pratico di questa luce anteriore è più che positivo.

RAVEMEN CL05
La luce Ravemen CL05 è studiata per un utilizzo urbano ed extra urbano.
Si posiziona nella parte posteriore del reggisella, ma volendo anche su altri accessori posizionati nella zona posteriore del ciclista o della bici. La sua funzione è rendere più visibile il ciclista, soprattutto su strada, ma include anche un sensore in grado di rilevare i fari delle auto ed attivare una modalità lampeggiante ancora più visibile sulla strada.

Ravemen PR1600 e CL05

Di seguito le caratteristiche principali:
– Luminosità abbondante grazie ai LED COB con 30 lumen di potenza
– Sensore integrato per la rilevazione dei fari delle auto in avvicinamento

I tasti superiori funzionano così: tenendo premuto quello a sinistra si accende o si spegne la luce, premendolo brevemente si cambia il livello di luminosità e lampeggiamento. Il tasto a destra serve per attivare o disattivare il sensore che riconosce i fari delle macchine e “amplifica” la modalità di lampeggiamento.

– Risparmio energetico automatico e indicatore di batteria scarica
– Sgancio rapido per varie modalità di montaggio

Ravemen PR1600 e CL05

– Porta USB-C per la ricarica con cavetto
– Funzione di memoria dell’ultima modalità utilizzata
– Resistenza all’acqua IPX6 (resiste alle forti piogge)
– Batteria ricaricabile agli ioni di litio da 200 mAh / 3,7 V

– Dimensioni: 42.5 mm x 23.5 mm x 43.5 mm
– Compatibile con reggisella di diametro da 24 mm fino a 36 mm
– Peso: 23 grammi
– Prezzo: 34,95€

Ravemen PR1600 e CL05

Montaggio e sensazioni
Anche in questo caso, il montaggio è stato abbastanza semplice.
Il reggisella telescopico della bici non mi ha permesso di montare la luce Ravemen CL05 sulla parte centrale del tubo, ma grazie all’elastico molto resistente sono riuscito a fissare il supporto (regolabile) sul telaio, subito sotto al collarino.

Poi incastrare la luce sul supporto è molto semplice, stesso discorso per rimuoverla.
L’attacco posteriore del corpo luce, permette di fissarla anche su alcuni caschi, sullo zaino o sul borsello sotto sella. Insomma, è molto versatile…

Ravemen PR1600 e CL05

Ovviamente, l’utilità vera e propria della luce posteriore durante l’uscita non è paragonabile a quella del faro anteriore, ma c’è da dire che la luminosità di questo led è veramente eccezionale, anche di giorno o all’imbrunire.
Ho apprezzato particolarmente il sensore di rilevazione delle auto con relativa “amplificazione” del lampeggiamento: un sistema semplice ma molto utile su strada, che ti fa sentire più sicuro mentre pedali.
L’autonomia è davvero elevata, si va da una durata minima di 4h30′ in posizione fissa alla massima intensità, fino a 22 ore in modalità lampeggiante. In pratica, ci si scorda di ricaricarla…
Tutto questo in un faretto piuttosto economico, altro fattore determinante per la scelta.

IN CONCLUSIONE…
Luci Ravemen PR1600 e CL05 compongono un eccellente kit per i ciclisti e i bikers che, per voglia o necessità, pedalano spesso di notte, oppure all’alba e al tramonto.
Parliamo di prodotti davvero completi, con “finezze” tecniche che fanno la differenza, ma allo stesso tempo semplici da utilizzare e con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
Cosa chiedere di più?

Per informazioni visitate il sito Raveman.com oppure quello del distributore italiano BeltramiTsa.it

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia