•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’avevamo già “assaggiata” qualche mese fa, in occasione della presentazione ai media italiani delle novità Specialized 2015. Qui potete leggere lo short test.
Ma dato che il desiderio di provarla per bene era davvero alto abbiamo chiesto a Specialized Italia di mandarcene una per un test vero.
Detto, fatto.
Ecco la Specialized S-Works Epic World Cup 2015 a disposizione della redazione.
L’abbiamo tirata fuori dalla scatola ed essendo la Mtb a doppia sospensione ad aver vinto più titoli nella storia della mountain bike, non abbiamo resistito dal farle subito qualche foto.

Fuori dalla scatola.
Fuori dalla scatola.

_LAN6166

_LAN6155

Geometria World Cup Race con travel di 95 mm.
Geometria World Cup Race con travel di 95 mm.

Specialized S-Works Epic World Cup 2015 full cross country

_LAN6167

Il dispositivo Brain integrato nella forcella Rock Shox Sid.
Il dispositivo Brain integrato nella forcella Rock Shox Sid.
Il dispositivo Brain della sospensione posteriore.
Il dispositivo Brain della sospensione posteriore.
Copertoni S-Works Fast Trak sui nuovi cerchi Roval Control Sl.
Copertoni S-Works Fast Trak sui nuovi cerchi Roval Control Sl.
La nuova sella Phenom con rivestimento a basso attrito.
La nuova sella Phenom con rivestimento a basso attrito.

_LAN6170

Un "ripostiglio" segreto per il multitool della serie Swat.
Un “ripostiglio” segreto per il multitool della serie Swat.

_LAN6182

Ed eccola qui, la S-Works Epic World Cup. Pronta per partire...
Ed eccola qui, la S-Works Epic World Cup. Pronta per partire…

Prima ancora, però, l’abbiamo pesata.

Quanto pesa la S-Works Epic World Cup 2015? 9,88 Kg dice la bilancia Park Tool
Quanto pesa la S-Works Epic World Cup 2015? 9,88 Kg dice la bilancia Park Tool

E il responso della bilancia è stato di… 9,88 Kg, senza pedali

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti