scritto da Simone Lanciotti in Primo contatto,Test il 11 Feb 2015

PRIMO CONTATTO – Trek Remedy 9 27.5

PRIMO CONTATTO – Trek Remedy 9 27.5
        
Stampa Pagina

Forse avrete la nostra stessa impressione.
Guardando la Trek Remedy 9 27.5 si ha la sensazione di essere al cospetto di una versione ridotta della Slash 9.8.
Qui il telaio è in lega leggera Alpha Platinum, ma l’impostazione della geometria, gli angoli e l’assetto in sella ripropongono proprio quello stile lì.
Per definizione è una trail bike, visto la sospensione Full Floater da 140 mm, ma se ha lo stesso carattere della sorella maggiore allora ci si può aspettare anche qualcosa di più.
Siamo molto curiosi di provare l’abbinamento dei sistemi Re:aktiv (qui la presentazione) e Drcv (acronimo di Dual Rate Control Valve).
Quest’ultimo lo conosciamo già ed è un espediente realizzato da Trek per variare la risposta dell’ammortizzatore in base all’intensità della sollecitazione. Una doppia camera d’aria che permette alla sospensione di non essere mai troppo brusca.
La Remedy 9 27.5 si annuncia come una trail bike vitaminizzata che fa di tutto per sfuggire alle etichettature.
Staremo a vedere…
Intanto ve la presentiamo, appena tirata fuori dalla scatola.

La colorazione di questo modello è decisamente alla moda. Si chiama Nysa Blue/Rhymes with Orange

La colorazione di questo modello è decisamente alla moda. Si chiama Nysa Blue/Rhymes with Orange

Lo schema della sospensione Full Floater: l'ammortizzatore non è vincolato al telaio, ma alla sospensione.

Lo schema della sospensione Full Floater: l’ammortizzatore non è vincolato al telaio, ma alla sospensione.

Gomma Bontrager Xr4 da 2,35" davanti.

Gomma Bontrager Xr4 da 2,35″ davanti.

Presente il Mino Link che permette di modificare la geometria, in particolare l'angolo di sterzo che può passare da 67,5° a 68° e viceversa.

Presente il Mino Link che permette di modificare la geometria, in particolare l’angolo di sterzo che può passare da 67,5° a 68° e viceversa.

Un dettaglio dell'ammortizzatore con la doppia camera del Drcv. Al suo interno è presente anche il dispositivo Re:aktiv che siamo curiosi di mettere alla prova.

Un dettaglio dell’ammortizzatore con la doppia camera del Drcv. Al suo interno è presente anche il dispositivo Re:aktiv che siamo curiosi di mettere alla prova.

_DSC2748

_DSC2758 (1)

Tubo di sterzo conico secondo i dettami E2 di Trek.

Tubo di sterzo conico secondo i dettami E2 di Trek.

Forcella Fox 34 Float Ctd Performance da 140 mm di travel.

Forcella Fox 34 Float Ctd Performance da 140 mm di travel.

La Remedy è predisposta anche per il deragliatore e quindi per la doppia corona. Sul tubo piantone è presente l'attacco per il deragliatore, in questo coperto da un tappo. La trasmissione è Sram X1.

La Remedy è predisposta anche per il deragliatore e quindi per la doppia corona. Sul tubo piantone è presente l’attacco per il deragliatore, in questo caso coperto da un tappo. La trasmissione è Sram X1.

Lega leggera Alpha Platinum, la più pregiata di casa Trek.

Lega leggera Alpha Platinum, la più pregiata di casa Trek.

Non poteva mancare il sistema Abp sul pivot posteriore, una raffinatezza di Trek. Presente anche il passaggio interno del cavo del cambio.

Non poteva mancare il sistema Abp sul pivot posteriore, una raffinatezza di Trek. Presente anche il passaggio interno del cavo del cambio.

_DSC2718

_DSC2714

_DSC2710

La presenza di un telaio in alluminio si fa sentire: il responso della bilancia parla di 13,42 Kg, senza pedali e in taglia 18,5″. Non è una peso piuma, ma, lo ripetiamo, non sembra nemmeno una “pacifica” trail bike.
Ecco infatti come la intendono Rene Wildhaber e Jeremy Horgan Kobelsky di Trek:

Nella nostra community, intanto, c’è chi l’ha già provata…

        
Torna in alto