•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO UFFICIALE

Vola l’Italia a Spilimbergo!
Con l’argento di Samuele Porro ed il bronzo di Fabian Rabensteiner, la selezione azzurra si prende 2/3 del podio del campionato europeo marathon 2018, al termine di una gara dal ritmo intenso e condotta sempre in testa.
Imprendibile il russo Alexey Medvedev, che conquista per la seconda volta consecutiva il titolo continentale, correndo questa volta non con la maglia della nazionale, ma bensì con quella della sua squadra, la toscana Cicli Taddei.
Ecco un video del suo arrivo:

Una grande prova di forza per i ragazzi di Mirko Celestino, nel gruppetto di testa per l’intera durata del campionato europeo marathon 2018, con ben cinque azzurri nella top ten finale.
Ma pur correndo in casa, con un pubblico delle grandi occasioni a sostegno, nulla hanno potuto contro il russo della Cicli Taddei, che ha tenuto botta anche sulla distanza di 104 km, su un percorso tosto e complesso.

campionato europeo marathon 2018
Il vincitore Alexey Medvedev

A pochi km dal traguardo, Medvedev apre il gas rimane solo al comando: all’inseguimento i tre azzurri Porro, Rabensteiner e Chiarini, che nel finale cede alla fatica, conquistando la medaglia di legno con solo due secondi di ritardo dal terzo classificato.

campionato europeo marathon 2018

Quinta, sesta e settima posizione al campionato europeo marathon 2018, rispettivamente per Urs Huber e per gli austriaci Lakata e Geismayr, mentre Daniele Mensi e Juri Ragnoli (incappato anche in una foratura) conquistano le caselle numero 8 e 10.
Gli altri azzurri: 12° Tony Longo, 17° Cristiano Salerno, 23° Francesco Failli, 25° Jonny Cattaneo.
Nono in classifica l’olandese Hans Becking, tesserato per la squadra italiana Dmt Racing Team, la stessa formazione dell’ex campione europeo Tiago Ferreira, che in quel di Spilimbergo non era proprio brillantissimo…

L’oro tra le donne lo indossa la favorita Gunn-Rita Dahle Flesjaa, che non ha certo bisogno di presentazioni.
La norvegese conquista il primo gradino del podio con 24 secondi di vantaggio su una specialista dell’Xc, la polacca Maja Wloszczowska, seguita da Arianne Luthi (Team Spur).

Brave anche le azzurre, che chiudono tutte nella top 15: la migliore è Jessica Pellizzaro, che conquista la settima posizione.
Maria Cristina Nisi (ancora convalescente da un infortunio al polso) chiude decima, mentre Gaia Ravaioli arriva 13ª.
Le classifiche complete del campionato europeo marathon 2018 le trovate qui.

campionato europeo marathon 2018
Il Ct Mirko Celestino insieme a Samuele Porro (a sinistra) e Fabian Rabensteiner (a destra)

L’analisi del Ct Mirko Celestino: «Sono veramente felice, vedere un gruppo così affiatato ed unito è la mia prima vittoria».
Il tecnico, già durante la settimana di allenamento e sopralluoghi aveva fiutato le potenzialità della selezione scelta per Spilimbergo e la prova di oggi gli ha dato più che ragione: «Sono contento di averli visti così affiatati ed uniti ed oggi, ancor più delle vittorie, quello che mi ha soddisfatti sono stati i 5 ragazzi arrivati tra i primi 10. Hanno dato tutti il massimo, meglio di così non potevo sperare. Anche perché il russo era proprio in giornata».
A comportarsi bene sono state anche le ragazze, rientrate tutte nella top 15 finale: «Sono partite bene e si sono difese benissimo, anche perché Nisi e Ravaioli non erano al massimo della condizione. Stanno facendo esperienza nelle gare così lunghe, e ci vuole ancora un po’ di pazienza».
Ma c’è una cosa, al di là del risultato, che appaga il Ct: «Ai ragazzi dico sempre che prima di vincere bisogna imparare a portare a termine una gara, senza ritirarsi alla prima difficoltà. Si vede che mi stanno ascoltando e che si stanno impegnando al massimo».
Ecco invece le dichiarazioni di Samuele Porro e Fabian Rabensteiner dopo l’arrivo:

Per informazioni federciclismo.it, uci.ch oppure tilimentmarathonbike.it



Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it