•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO STAMPA

Uno dei prodotti più chiacchierati di Eurobike 2016, il nuovo sistema di prevenzione delle forature Huck Norris (che vi abbiamo già presentato qui), è in consegna ai migliori negozi italiani.

Huck Norris

Si tratta in breve di una striscia di schiuma espansa che si inserisce all’interno del pneumatico (tubeless) che limita tantissimo il rischio di forature e che comunque nel caso si buchi (non può evitare le spine!) permette, grazie al materiale con cui è realizzato ed alla sua struttura di pedalare ancora la bici sino all’arrivo di una PS o sino alla macchina.

Huck Norris

Huck Norris ci ricorda molto la tecnologia dei pneumatici da auto “Runflat”.
Il principio è pressoché lo stesso: con gomma bucata non danneggio il cerchio e riesco a togliermi dai problemi.
Ma soprattutto la possibilità di scendere di pressione senza il rischio di distruggere il fianco del cerchio e tagliare la gomma.

Huck Norris

Uno degli inventori di Huck Norris, il finlandese Sauli Hierppe, sarà presente allo stand 4Guimp durante Flow per rispondere alle domande degli utenti.

Alcuni vantaggi per l’utilizzatore:
1. Non occorre modificare il cerchio o la gomma, perfetto per i cerchi in carbonio.
2. Semplicità di installazione: basta posizionare Huck Norris all’interno del pneumatico come se fosse una camera d’aria.
3. Aiuta lo stallonamento con pompe a bassa pressione “spingendo” la gomma sui fianchi del cerchio
4. Protezione del cerchio dai colpi che si prendono sulle pietre e sugli spigoli (radici emergenti)
5. Economico rispetto ad altri sistemi presenti in commercio: € 79,00  la coppia.
6. Il packaging del prodotto è un parafango stile Marshguard

A questo link potete trovare informazioni specifiche in italiano.

In ogni caso, potete sempre fare riferimento al sito del produttore Hucknorris.com e a quello del distributore italiano 4Guimp.it.

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it