•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Titan Desert è una gara a tappe in mountain bike che si svolge nel sud del Marocco, in gran parte nel deserto. Quella del 2015 sarà la decima edizione, suddivisa in 6 tappe, che si svolgerà dal 27 aprile al 2 maggio. I mountain biker percorreranno oltre 600 km dai piedi dell’Alto Atlante fino alle dune del grande deserto. Si tratta di una challenge di resistenza e orientamento, consigliata a chi possiede una buona esperienza in Mtb ed è pronto a raggiungere e superare i propri limiti in condizioni piuttosto estreme.
I partecipanti iscritti sono 600, provenienti da ogni angolo del mondo.
VM

12992802825371f2556eb680.93998956mgasch@TITAN_mayo_01,_2014_IMG_6973

COMUNICATO STAMPA

Oggi é stato reso ufficiale il percorso dettagliato della Titan Desert, edizione 2015. Queste le singole tappe con km e dislivello:

1ª tappa:  27 aprile   Boumalne Dadès – Aknoiun  115,93 km/2.652 m dislivello
2ª tappa:  28 aprile   Aknoiun – Toughach  112,82 km/937 m dislivello
3ª tappa:  29 aprile   Toughach – Lamdouare  113 km/1.128 m dislivello
4ª tappa:  30 aprile   Lamdouare – Erg Znaigui  98,94 km/585 m dislivello
5ª tappa:  1 maggio  Erg Znaigui – Merzouga:  102,08 km/510 m dislivello
6ª tappa:  2 maggio  Merzouga – Maadid: 65,61 km/303 m dislivello

Descrizione del percorso

Boumalne Dades è il nome della località di partenza di quest’anno: è una località turistica in Marocco nella provincia di Ouarzazate, regione di Souss-Massa-Draâ. La prima tappa sarà sicuramente la più impegnativa come sforzo fisico, con la salita sul monte Jbel-Saghro, punto più alto dell’Atlante marocchino. Sará una tappa insidiosa, lunga quasi 116 km con un dislivello di ben 2500 metri, sicuramente si farà qui una prima selezione tra i vari “Titani”.

174779312653625cd3cc0cb6.44276341IMG_7003

Nella seconda tappa si può recuperare dalla fatica fatta il giorno prima. I 112 km sono divisi in due parti: la prima parte di 45 km porta su un percorso molto veloce senza grandi difficoltà, la seconda avrà tanti cambi di direzione e la capacità di sapersi orientare con l’aiuto del GPS avrà un ruolo decisivo. Possibile vento contrario fastidioso fino a Toughach.

709474711535d52566c09c5.09141464mgasch@TITAN_abril_27,_2014__DSC2114

Terza tappa: sarà una delle due tappe Marathon con partenza molto insidiosa, dal momento che i concorrenti dovranno sostenere un tratto duro e montagnoso, lungo circa 40 km; successivamente si dovranno confrontare con un altopiano molto roccioso prima di scendere su divertenti sentieri (in buono stato) fino all’arrivo nel Marathon-Camp collocato a Lamdouare, dove i “Titani” potranno mettersi a dormire nelle cosiddette “haima” e avranno a disposizione fisioterapisti e meccanici.

Tappa 4 e giornata numero 2 della Marathon: una giornata tutta nel deserto, con una sezione speciale dedicata alla navigazione, una sezione che attraversa un “chott”, un lago salato lungo 6 km. Segue poi un tratto sassoso alternato con percorsi sabbiosi prima di arrivare al traguardo in mezzo alle spettacolari dune.

11957843115361083d3873a7.29456480mgasch@TITAN_abril_30,_2014__DSC2648

Tappa 5: tappa “Garmin”, che porta al 100% nel deserto, chiamata così perché lungo il percorso non ci sarà segnaletica e bisogna trovare la strada esclusivamente con l’utilizzo del GPS. Dopo 2,8 km di dune inizia la vera tappa: porta prima attraverso un canyon e poi su superfici sabbiose e piste tortuose fino ad una piccola oasi. Molto probabilmente la vittoria si decide in questa spettacolare quinta tappa.

Tappa 6: sarà dedicata a tutti coloro che sono sopravvissuti alle 5 precedenti: dovranno fare “solo” 65 km, ma ci saranno molte sorprese, come sempre!

200688031453625d26c9c742.08216607IMG_7875

Ecco il video ufficiale che descrive il percorso della Titan Desert 2015 (in lingua spagnola):

Altre informazioni su Titandesert.com oppure in lingua italiana sul sito di Bike & More.

 

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it