Il diario di Justin Leov ep. 3: «Un periodo davvero difficile»

Redazione MtbCult
|

Justin Leov, il rider neozelandese del team Canyon, è stato ancora una volta costretto ad interrompere la stagione: già lo scorso anno per un infortunio alla spalla aveva dovuto lasciare prematuramente le gare, quando era in testa alla classifica dell'Enduro World Series. Ora, dopo le prime due tappe della stagione 2016, ha dovuto fermarsi nuovamente per curare una mononucleosi.
Un momento difficile per lui, un altro ostacolo da superare.
Justin ce ne parla in questa nuova puntata del suo diario, mentre si prepara a fare il suo rientro in occasione della gara di Whistler dell'EWS.

Dopo le gare di inizio stagione in Sud America è stato un periodo difficile per me.
Al ritorno in Nuova Zelanda non ero affatto in forma. Mi sentivo giù di tono, senza energia e con i sintomi influenzali.
Non capivo cosa mi stesse succedendo, ma sentivo che qualcosa non andava.
Così andai dal mio dottore il quale mi diagnosticò la mononucleosi.

Justin Leov

Appresa la notizia, ho condiviso la mia situazione e tantissimi mi hanno scritto per parlarmi della stessa malattia e dei rimedi per guarirla.
Avevo anche sentito storie di alcuni che a causa di questa infezione avevano sviluppato una stanchezza cronica e di come fosse stato difficile sbarazzarsene.
Grazie a tutti per i messaggi di sostegno, i suggerimenti e per avermi raccontato le vostre esperienze.

La raccomandazione del mio dottore fu drastica: lasciare perdere la bicicletta e restare a riposo totale, finché gli esiti dei miei esami del sangue settimanali non fossero rientrati nei parametri normali.
Raggiunto ciò, avrei dovuto stare abbastanza tranquillo ancora sei settimane prima di poter riprendere l’allenamento a pieno ritmo e finalmente programmare nuove gare.

Justin Leov

Emotivamente per me questo è stato un periodo molto duro.
Quando si è abituati ad allenarsi tutti i giorni e a dedicare tante ore e tante energie a qualcosa che si ama fare è difficilissimo arrendersi all’inattività.
Il peggio era vedere la mia forma fisica, ottenuta con tanti sacrifici e tanti allenamenti, peggiorare giorno dopo giorno senza che io potessi farci nulla.

Justin Leov

Non era come avere qualcosa di rotto che costringe a stare fermi, si trattava di una malattia non visibile ed era una sfida quotidiana riuscire a tenere il morale alto.
Fortunatamente ho avuto tutta la mia famiglia intorno a me che ha riempito le mie giornate e la mia testa.
Ho trascorso settimane senza fare praticamente niente, ne ho approfittato per leggere una montagna di libri accumulati che non avevo mai avuto il tempo di leggere, ho riposato il pomeriggio insieme ai miei figli.
Mi sentivo completamente a terra, privo di energie.

Ogni mercoledì aspettavo con ansia i risultati delle analisi del sangue e settimana dopo settimana i lenti miglioramenti mi facevano sentire più vicino al mio ritorno sulla bici.

Una volta ricevuto l’OK per riprendere gli allenamenti, sono ripartito dalla palestra per recuperare le forze perse.
Mi sono concentrato sul rinforzarmi ulteriormente rispetto all’inizio stagione, specialmente nella parte alta del corpo.
Ciò mi ha portato a un aumento di peso di qualche kg e noto già che è migliorata la mia capacità di tenere la bici nelle sezioni più impegnative.

Justin Leov

Mi sono allenato spesso nella zona di Nelson che offre salite e discese con più dislivelli.
La difficoltà è stata nel dosare gli sforzi per ritornare al più presto ai livelli ottimali, senza però strafare e rischiare di compromettere la mia guarigione.
Grazie a dio, il mio coach mi ha marcato stretto e ha tenuto controllati quotidianamente i dati accumulati durante gli allenamenti.

Come tutti possono constatare dai risultati della Enduro World Series quest’anno, queste non sono gare che si possono affrontare se non si è in piena forma.
Una cosa che avevo deciso fin dall’inizio della mia convalescenza era che non sarei tornato a gareggiare senza essermi ripreso al cento per cento.
Il mio team Canyon, la Adidas Sport eyewear e tutti miei altri sponsor hanno appoggiato questa decisione e sono stati più che comprensivi nell’accettare che io non partecipassi ad alcune gare.

Justin Leov

Al mio ritorno non potrò certo avere come obiettivo la classifica generale.
Il mio approccio sarà per forza di cose diverso da quello solito.
Non mi servirà cercare di essere il più regolare possibile e potrò rischiare qualcosa di più.
Si tratterà soprattutto di seminare in previsione dell’anno prossimo.

Justin Leov

Sono eccitatissimo al pensiero di ritornare alla competizione in occasione della tappa di Whistler.
Ho sentito tanto la mancanza dell’atmosfera delle gare e non vedo l’ora di ritrovare i miei amici e i miei compagni di squadra.

(Testo di Justin Leov e foto di Grant Stirling)

Continua a leggere
Condividi con
Sull'autore
Redazione MtbCult

Resoconti, video, nuovi eventi, nuovi prodotti, ovvero tutto ciò che proviene dal mondo della bike industry e che riteniamo di interesse per gli appassionati di mountain bike.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right