•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quante volte vi è capitato di uscire con la Mtb su strada, di incontrare un gruppo di stradisti e di non ricevere risposta al vostro cenno di saluto?
Strano, mi rispondevo sul momento.
Poi incontravo un altro gruppetto, nuovo segno di saluto e risposte solo appena accennate.
E così regolarmente accade ancora oggi.
Sarà perché sono in Mtb?
Sarà perché non faccio i 45 all’ora in pianura come loro?
Non so, però, un certo fastidio me lo dava.
E me lo dà tuttora.
Anche quando esco su strada con bici gravel o da ciclocross.

I biker non condividono solo fatica, ma anche adrenalina. E' forse questo che rende più forte e immediati i legami? Foto Scott-Sports
I biker non condividono solo fatica, ma anche adrenalina. E’ forse questo che rende più forte e immediati i legami?
Foto Scott-Sports

Ma la situazione peggiore e davvero spiacevole a volte si verifica in cima alle salite.
Capita che biker e stradisti possano incontrarsi in cima alla stessa salita.
Chi viene dalla strada asfaltata e chi invece da qualche sentiero.
O magari dalla stessa strada asfaltata.
Beh, proprio lì, al termine della stessa fatica, sulla stessa piccola porzione di mondo, perché non rispondere a chi ti saluta?
Eppure succede.
Allora mi chiedo: cosa diamine pensano quei ciclisti da strada?

1 – “Ha le gambe non depilate, non è un ciclista”
2 – “Sorride e si sta pure divertendo”
3 – “Sei in in Mtb, sicuramente sei arrivato quassù con un pulmino”
4 – “La Mtb non è ciclismo”
5 – “Un po’ ti invidio se sai guidarla davvero (la Mtb)”
6 – “Non ho tempo per distrarmi a salutarti, io”
7 – “Tsé, ma che razza di marchio di bici hai?”
8 – “Questi con le Mtb non hanno idea di cosa sia la fatica”
9 – “Sì, sì, ciao…”
10 – “Dai, dove hai messo la birra, pseudo-ciclista?”

Qualunque sia la motivazione, rispondere a un saluto non costa nulla.
Al di la dei discorsi di buona educazione, rispetto e cortesia, un saluto fra ciclisti significa riconoscere nell’altro la propria stessa passione.

Birra? Sì, ne abbiamo. A fine uscita...
Birra? Sì, ne abbiamo. A fine uscita. Come succede anche a chi pedala con bici da strada.

Poi ognuno la vive a modo proprio, con una bici da 300€ o da 15000€, con gambe super tirate o con la panza.
Se c’è qualcuno che non la pensa così, pazienza, ma vorrei invitarlo a salire sulla mountain bike.
Almeno una volta.
E a voi è mai successo? Dite la vostra.

Buone pedalate a tutti.



Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti