• 284
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Metti una mountain bike contro un’auto da rally, giù dal monte Lousã, in Portogallo, e poi vedi che sfida ne viene fuori…
E soprattutto, chi arriverà per primo?
Guardate il video Fast Encounter e vi darà una scossa di adrenalina!

L’incredibile prova ha visto l’uno contro l’altro il biker Andreu Lacondeguy e il pilota di rally Dani Sordo: i due campioni spagnoli si sono sfidati lanciandosi a capofitto giù dalla montagna simbolo sia della DH internazionale che del World Rally Championship.

Fast Encounter
Dani Sordo and Andreu Lacondeguy perform during Fast Encounter in Lousa, Portugal // Paulo Maria / Red Bull Content Pool

La discesa di Sordo, ovviamente, è stata molto diversa da quella di Lacondeguy.
Il pilota di rally ha percorso la strada panoramica più lunga lungo Lousã, sollevando ghiaia, polvere e foglie.

Fast Encounter
Dani Sordo // Paulo Maria / Red Bull Content Pool

Lacondeguy, nel frattempo, ha preso una via più diretta verso il traguardo di una pista che ha aiutato a costruire, con salti nervosi e un gap di 15 metri che fa paura.

Fast Encounter
Andreu Lacondeguy  // Hugo Silva/Red Bull Content Pool

I due percorsi si incrociano più di una volta, con Sordo che mostra le sue immense abilità e Lacondeguy che va a tutta.

Fast Encounter
Dani Sordo and Andreu Lacondeguy // Paulo Maria / Red Bull Content Pool

Del testa a testa, Lacondeguy ha dichiarato: «Dani ha guidato come un pazzo, incurante dello sterrato, della ghiaia, delle curve a gomito…».
Sordo, che alla fine l’ha spuntata ma proprio di un soffio, ha commentato: «È incredibile quello che fa, sono rimasto impressionato dai suoi salti. Uno spettacolo da pelle d’oca!»

Fast Encounter
Dani Sordo and Andreu Lacondeguy pose for a portrait during Fast Encounter in Lousa, Portugal  // Hugo Silva/Red Bull Content Pool

Ulteriori info e immagini: www.redbull.com



Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it