•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO AGGIORNATO L’11 DICEMBRE 2015

Si vociferava da qualche settimana del suo arrivo e anche se non è stata ufficialmente presentata (forse il mese prossimo?) ecco la prima immagine di una nuova Evil con ruote da 29”.
La somiglianza con l’ultima nata, la The Insurgent (qui il test), è fortissima, come lo è anche con la The Following (qui il test), ovvero la trailbike che ha portato il marchio Evil sulla cresta dell’onda in pochissimo tempo.

Evil The Wreckoning
La prima immagine della Evil The Wreckoning

Si chiamerà Evil The Wreckoning la nuova 29er con un valore di travel molto generoso che con tutta probabilità sarà di 152 mm, gestiti sempre dalla sospensione posteriore con schema Delta System.
Di seguito la geometria della The Wreckoning e più in basso quella della Specialized Enduro 29, sua diretta rivale:

Geo Wvil The Wreckoning
La geometria della Evil the Wreckoning (cliccate per ingrandire).
La geometria della Specialized Enduro 29 (cliccate per ingrandire).
La geometria della Specialized Enduro 29 (cliccate per ingrandire).

Dallo schema di sopra si capisce che la nuova Evil avrà due impostazioni di geometria, High e Low, modificabile invertendo la posizione dei Flip Chips.
L’angolo di sterzo può essere impostato a 66,1° oppure a 65,5°, cioè un valore record per una 29er.
Notevole, ma tipico delle Evil, è anche la misura dei foderi bassi: 43,0 cm (43,2 con l’impostazione Low), cioè super corti.
Corto è anche il tubo di sterzo nelle tre taglie per avvicinare il più possibile il manubrio a terra (ma la Specialized Enduro 29 fa meglio con 110, 120 e 135 mm per le tre taglie).
L’altezza del movimento centrale è molto vicina a quella di una bici da enduro 650b: 34,8 cm o 33,9 cm (Specialized Enduro 29: 35,1 cm).

Evil the wreckoning
Variando la posizione dei Flip Chips è possibile modificare la geometria della nuova Evil The Wreckoning

L’interasse della The Wreckoning è maggiore rispetto a quello di una Enduro 29 per via del front center maggiore della Evil (cioè la distanza movimento centrale-asse ruota anteriore).
Luke Strobel, l’americano che corre per Evil, l’ha già utilizzata in gara:

Non abbiamo ancora informazioni sulla geometria, ma conoscendo le misure delle ultime due nate di casa Evil, anche la The Wreckoning lascerà un segno.
Quasi certamente avrà il mozzo posteriore con battuta da 148 mm e un angolo di sterzo molto aperto (non più di 66 gradi, conoscendo lo stile Evil).
Se fosse confermato il valore di travel di 160 mm la Evil The Wreckoning sarebbe la 29er con più escursione attualmente sul mercato.
Senza dimenticare che il 2016 potrebbe essere l’anno in cui Specialized rinnoverà la Enduro 29 (qui il test), presentata al pubblico all’inizio del 2013, ovvero la bici che ha lanciato le 29er a lunga escursione e al momento è ancora imbattuta.
Senza dimenticare che siamo inconsapevolmente in attesa che arrivi anche la nuova Santa Cruz Tallboy Lt (qui lo short test) che nel frattempo è sparita, in sordina, dalla gamma bici di Santa Cruz.
Insomma, tutto lascia pensare che per le 29er stiano per arrivare tempi interessanti…

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti