• 486
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cadere in Mtb è inevitabile e fa parte del “gioco”.
Non riusciamo a darvi una formula per non cadere più, perché le variabili in Mtb sono infinite e può succedere in moltissimi modi diversi, ma in generale si possono identificare le 4 situazioni più comuni, analizzarle e applicare gli accorgimenti giusti (continuate a leggere…) per cadere meno.
Bastano piccole accortezze per divertirsi e migliorarsi andando oltre la zona di comfort senza per questo rinunciare alla sicurezza.
Iniziamo subito dal più pericoloso…



I SALTI
Saltare è bellissimo, a prescindere che sia un salto grande o piccolo, la sensazione di essere in aria è libidinosa.
Chi salta può essere intimidito da questa abilità perché cadere da un salto non è mai divertente e visto le forze che si generano è uno dei momenti in cui ci si può fare più male.
A me è successo così: gli infortuni più gravi in bicicletta si sono verificati a causa di situazioni aeree poco sotto controllo e, grazie ad esse, negli anni ho fatto esperienza e aggiustato alcune cose.
La situazione più critica e comune è andare giù di punta perché l’anteriore atterra troppo presto.
L’errore è di portare il peso in avanti già a inizio manovra causando il famoso “over the bar”, ovvero il ribaltamento.

Cadere in Mtb
È un classico ribaltarsi dopo un salto prendendo un ostacolo con il peso troppo in avanti…

Per le Mtb bi-ammortizzate un altro elemento per il quale può verificarsi questa circostanza è la regolazione dell’ammortizzatore.
Una regolazione dell’estensione troppo veloce può innescare la rotazione in avanti se non siamo pronti ad assorbirla e compensarla con il corpo.
Ma non finisce qui, perché anche atterrare di traverso, con il posteriore fuori dalla linea disegnata dall’anteriore, può causare una rovinosa caduta.
Atterrando con le ruote fuori asse ci vuole più tempo per recuperare l’assetto ed è facile andare fuori dal sentiero al momento dell’atterraggio o, peggio ancora, essere disarcionati.

cadere in Mtb
Fa “fico” mettere la bici di traverso sui salti, ma fate attenzione ad atterrare ben allineati…

Per evitare condizioni potenzialmente critiche è quindi necessario ripassare le basi. Bisogna approcciare in maniera corretta la rampa, con la tecnica del manual e del bunny-hop.
Bisogna realizzare il proprio bagaglio di esperienza, arrivando per gradi a salti di diverse ampiezze e velocità.
Ciò permetterà di assimilare i tempi e i movimenti nel modo più corretto e sicuro per affrontare le fasi aeree dei salti.

I DROP
Potrebbero far parte dei salti eppure i drop presentano un errore che è doveroso analizzare con attenzione.
Lo abbiamo menzionato prima, l’over the bar, cioè il ribaltamento.
Differentemente dai salti, dove c’è una rampa che “spara” verso l’alto, sui drop è facile arrivare al ribaltamento per via della mancanza improvvisa di terreno sotto le ruote.

L’errore più comune è di affrontare un drop copiandolo: l’anteriore va giù rapidamente e l’impossibilità di compensare a sufficienza con il peso del corpo la rotazione della Mtb provoca il ribaltamento.
Così per affrontare in sicurezza un drop è necessario imparare il movimento del manual: in questo modo spostiamo il peso sulla ruota posteriore e la Mtb proseguirà senza cadere in basso con l’anteriore.
La velocità e l’intensità del movimento dipenderà da quanto veloci o lenti ci avvicineremo al drop.
Più saremo lenti e più andrà enfatizzato il movimento.

L’importante su salti e drop è prepararsi prima della fase critica, ovvero smettere di pedalare, bilanciarsi con il corpo e non frenare assolutamente in prossimità del drop.

cadere in Mtb

LE RADICI
Le “vene” degli alberi, quelle che a volte affollano il fondo del bosco possono renderci le cose molto complicate.
Le radici sono parte del trail quando sono asciutte, ma bagnate sono il peggior nemico del biker.
Bagnate le radici hanno quella lucentezza attraente, che, in maniera rocambolesca, ci porta spesso ad osservarle più da vicino (non so se ridere o piangere…).
Diventano scivolosissime, come ghiaccio, e spesso non ti accorgi di loro per come si mimetizzano sul sentiero.

Secondo tentativo di un passaggio sulle radici che già aveva messo giudizio al sottoscritto…

Appena le ruote passano sopra inizia la lotteria e se scappa via, spesso non lasciano il tempo per alcuna reazione.
Così una volta che abbiamo mani, gomiti e spalle sporche di terra quello che possiamo fare per evitare di cadere in Mtb sulle radici è alzare lo sguardo e reagire in anticipo a cosa si presenta davanti.
L’errore più comune è di sottovalutare la velocità di approccio e l’angolo di “attacco” delle radici.
E’ importante invece essere pronti mentalmente al “può succedere di tutto”, utilizzare una velocità consona alle nostre capacità di reazione, guardare avanti e, quando possibile, aggiustare la linea per prendere le radici più perpendicolari, alleggerendo il carico sulle gomme.
E buona fortuna! 🙂

Cadere in Mtb
Anche le pietre bagnate hanno un buon motivo per essere odiate…

PERDERE L’ANTERIORE
Può capitare di perdere grip all’anteriore e dare la classica facciata in terra, eppure anche questa situazione si può in qualche modo evitare, perché è quasi sempre una questione di alzare lo sguardo, regolare la velocità e distribuire al meglio il peso sulle due ruote.
Quando stiamo per affrontare una curva è meglio rallentare un po’ rispetto alla velocità con la quale pensiamo di poter entrare, condurre la bici evitando di toccare i freni e cercando di forzare una volta inseriti in curva.
Questo ci permetterà di sentire quando le gomme inizieranno a scivolare e conseguentemente aggiustare la nostra posizione e la distribuzione del peso sugli assi delle ruote.
Quando inizia a scivolare può essere molto utile tirare fuori il piede interno e utilizzarlo come appoggio (foto in basso), come “terza ruota” per evitare di cadere rovinosamente.

Spesso però la perdita dell’anteriore è dovuta ad una scelta della linea sbagliata, troppo sporca e con poco grip, e all’utilizzo del freno anteriore a bici piegata.
Alzate lo sguardo e mettete le ruote dove pensate sia meglio e assolutamente evitate di toccare il freno anteriore!

Cadere in Mtb

In conclusione…
Probabilmente state cadendo ancora ed è normale, fa parte di questo sport.
Però non scordatevi dei consigli e ricordatevi che per evitare di cadere in Mtb la cosa più importante è guardare avanti ed essere confidenti e rilassati.
Una volta che questi movimenti diventeranno automatismi prenderete consapevolezza delle vostre capacità e potrete anche superare in sicurezza i vostri limiti spingendovi oltre a piccoli passi…

Buon divertimento!

P.S. Utilizzare i pedali flat vi permette di osare e imparare la tecnica con più sicurezza, date un’occhiata qui sotto:

VIDEO TUTORIAL – Imparare ad usare i pedali flat, 1ª parte

Stefano Chiri

Ciao, mi chiamo Stefano Chiri e quello che più mi piace è stare in sella ad una due ruote, ancora di più se è una bici. Mi piace la guida, arrivare al mio limite e trovarlo in tutto quello che ho modo di provare. La bicicletta è diventata la mia vita, l'ho vista e continuo a vederla da ogni punto di vista, da meccanico, tester, maestro e "atleta", cercando di trovare sempre nuovi spunti per andare avanti, migliorarmi e per coinvolgervi nell'universo della Mtb e della bici a 360°. Stefano Chiri