•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FRIEDRICHSHAFEN – Orbea ha presentato la nuova bici da Xc e gare di lunga distanza, la Alma. Gli aggiornamenti che interessano questa bici sono molteplici a cominciare dal diametro delle ruote, 27,5 e 29 pollici, e dal peso del solo telaio, 950 grammi.
La costruzione è sempre in fibra di carbonio monoscocca per il triangolo anteriore e viene usato un collante speciale per unire il carro. In questo modo, oltre a risparmiare peso, si incrementa la rigidità di un 15%.
Il fattore rigidità per gli agonisti molto importante e infatti Orbea nell’aggiornare la Alma ha chiesto alle atlete del team Luna Chix Pro dei suggerimenti tecnici per fare il migliore lavoro possibile.
La rigidità è importante, certo, ma anche il comfort conta e per tale motivo Orbea ha deciso di allungare un po’ i foderi bassi e il tubo obliquo e di accorciare il tubo orizzontale e i foderi alti.
In questo modo la Alma vanta una rigidità maggiore nella parte bassa del telaio e un comfort maggiore in quella alta. La scelta di un reggisella da 27,2 cm è proprio nella direzione del comfort.

La Orbea Alma 27 Team
La Orbea Alma 27 Team

Telaio 4×4 non convenzionale
Orbea ha stravolto un po’ il concetto di triangolo anteriore e posteriore. Se guardate il telaio della Alma noterete che è composto da due triangoli, anzi, da due poligoni.
Orbea in sostanza ha creato una forma che somiglia ad un triangolo a quattro lati.
Prendiamo il carro: in un telaio tradizionale i foderi alti e i foderi bassi si incontrano proprio sul forcellino posteriore, ma Orbea ha visto che allontanando i due foderi fra loro (e quindi aggiungendo un lato all’ideale triangolo posteriore) il carro ne guadagna in rigidità torsionale di un 15%.
Stesso discorso sul triangolo principale: il tubo orizzontale 10 cm prima di unirsi con il tubo piantone presenta una curvatura che ha lo scopo di innalzare la rigidità torsionale.
Ecco cos’è il concetto 4×4 di Orbea.

Ecco il sistema 4x4 di Orbea evidenziato in giallo.
Ecco il sistema 4×4 di Orbea evidenziato in giallo.

Due diametri di ruota e cinque taglie
Rispetto alla Alma 2013 (disponibile con ruote da 26 e 29 pollici), la nuova ha due taglie in meno (5 invece di 7) e in particolare 2 per la versione 27,5″ (16 e 17,5″) e 3 per la 29″ (17,5, 19 e 21,5″).
In sostanza Orbea suggerisce di utilizzare un diametro di ruota piuttosto che un altro in base alla statura dell’utente.

Lo schema delle geometrie della Orbea Alma 2014
Lo schema delle geometrie della Orbea Alma 2014

Passaggio cavi interno con precisione
A Orbea premeva assicurare alla Alma un passaggio interno dei cavi molto preciso e soprattutto affidabile ed efficace (grazie ad un tubo in Teflon super leggero), anche in caso di interventi di emergenza, magari prima della partenza di una gara.
Il passaggio cavi è anche predisposto per i cavi del cambio elettronico (molto probabilmente Shimano) e a quanto pare è una novità ormai imminente.

SONY DSC

Il sistema di guide all’interno dei tubi è molto raffinato e consente una maggiore protezione per i cavi del cambio, del deragliatore e del freno posteriore. E la linea della bici ne guadagna in pulizia.
Non va dimenticato che il movimento centrale è di tipo PressFit e che Orbea lo ha spostato più in alto di 5 mm per migliorare la guida sui percorsi più tecnici e ripidi.
Infine anche Alma gode della garanzia a vita sul telaio.

Per informazioni www.orbea.com

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti