• 112
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO UFFICIALE

Viene lanciato oggi il telescopico DT Swiss 232, ovvero quello che possiamo considerare il fratello minore del 232 ONE, reggisella con 60 mm di travel, leggero e di facile manutenzione, pensato in modo specifico per il cross country.

telescopico DT Swiss 232

 

La differenza tra i due è legata al materiale con cui sono realizzati la testa e il morsetto di fissaggio della sella, che nel DT Swiss 232 sono in alluminio, mentre nella più pregiata versione ONE sono in carbonio.
Questo comporta un piccolo aggravio di peso (416 grammi contro 369 grammi), ma anche un prezzo più competitivo.

Per il resto, il funzionamento è assolutamente identico e si basa sulla tecnologia Upside Down, un sistema meccanico costituito da una molla e una serie di cuscinetti situati in corrispondenza della parte superiore della molla stessa.
Una soluzione che permette di risparmiare peso e, allo stesso tempo, garantisce affidabilità e facile manutenzione.

telescopico DT Swiss 232

In base a quanto dichiarato da DT Swiss, la manutenzione può essere effettuata senza attrezzi e richiede circa 5 minuti.
Basta svitare il controdado del tubo di scorrimento, rimuovere la parte superiore, pulire e ingrassare le parti interne.
Il tutto, grazie alla struttura a stelo rovesciato, senza dover rimuovere il reggisella dalla bici.

telescopico DT Swiss 232

L’attuazione è meccanica e avviene tramite cavo collegato al comando remoto.
Un sistema molto semplice, che consente una facile installazione ma, soprattutto, uno smontaggio veloce.
E’ ideale per chi fa gare o viaggia molto ed è costretto a smontare la bici con frequenza.

Il nuovo telescopico DT Swiss 232 pesa 416 grammi ed è disponibile nei diametri da 27,2 e 30,9 mm. Per il diametro da 31,6 mm è necessario utilizzare una boccola di riduzione aggiuntiva (non inclusa).

Prezzo al pubblico: 335 euro

Per maggiori informazioni: dtswiss.com

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it