•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scegliere il portaborraccia della Mtb può sembrare una cosa semplice, ma in realtà non è così.
Il portaborraccia un accessorio delicato, che va scelto con attenzione e in modo specifico per le proprie esigenze.
Molti biker tendono a sottovalutare questo accessorio, guardando solo il peso, solo l’estetica o solo il prezzo, quando in realtà ci sono anche altri aspetti da considerare, soprattutto se si intende utilizzarlo in fuoristrada.

Scegliere il portaborraccia della Mtb



Nel video qui sotto, realizzato in collaborazione con Elite Cycling, vi aiutiamo a scegliere il portaborraccia della Mtb e vi mostriamo i modelli consigliati dall’azienda veneta per l’uso offroad.

Premete play:

Ora approfondiamo gli aspetti da considerare prima di scegliere il portaborraccia della Mtb…

Materiale
Carbonio o materiale fibrorinforzato (FRP): questi sono le due opzioni più utilizzate e consigliate dai marchi leader del settore come Elite.
Il carbonio offre un miglior rapporto tra peso e ritenzione, ma ovviamente ha un prezzo superiore.

Il materiale fibrorinforzato pesa leggermente di più, ma costa meno ed ha una buona capacità di ritenzione.
Per dare la possibilità a tutti di scegliere il portaborraccia giusto per le proprie necessità, le aziende di solito permettono di scegliere due versioni dello stesso portaborraccia, realizzati con materiali diversi.

Scegliere il portaborraccia della Mtb

Ad esempio, il Prism e Prism Carbon di Elite hanno lo stesso design, ma il primo è in FRP e il secondo è in fibra.
Il Cannibal XC (in FRP) e il Rocko Carbon (in fibra) hanno una forma quasi identica, ma pesi e materiali diversi.
In sostanza, se cercate il rapporto tra prezzo, resistenza e ritenzione, optate per il fibrorinforzato.
Se invece siete disposti a spendere qualche Euro in più per un prodotto leggero e di qualità, scegliete il carbonio.

Tipo di estrazione
Estrazione frontale o laterale?
Una domanda che bisognerebbe farsi quando si sceglie il portaborraccia.
Le Mtb moderne, le full in particolar modo, hanno un triangolo anteriore sempre più compatto e l’ottimizzazione degli spazi è fondamentale per estrarre ed inserire la borraccia in modo pratico e veloce, soprattutto se il vostro obiettivo sono le competizioni.
Se avete un telaio di taglia grande, potreste scegliere anche un portaborraccia con estrazione frontale, in tutti gli altri casi è molto meglio l’estrazione laterale o la soluzione “ibrida”.

Scegliere il portaborraccia della Mtb
Elite Prism con estrazione destra

Per fare degli esempi, i portaborraccia ad estrazione laterale consigliati da Elite sono il Prism e Prism Carbon, disponibili sia in versione destra che sinistra. Se avete intenzione di fare una coppia con lo stesso verso di estrazione, da posizionare sul tubo obliquo e sul piantone, dovete prendere un destro e un sinistro.

Elite Prism Carbon con estrazione sinistra

Ma in realtà, anche il Cannibal XC e il Rocko Carbon hanno un design “ibrido” che permette l’estrazione laterale, sia a destra che a sinistra, oltre a quella frontale: una soluzione molto pratica ed esteticamente più gradevole.

Scegliere il portaborraccia della Mtb
Elite Rocko Carbon e Cannibal XC

Ritenzione
Perdere la borraccia nel bel mezzo di una discesa sconnessa potrebbe lasciare l’amaro in bocca, per il mancato divertimento, oppure per i secondi persi in gara.
Quindi meglio evitare…
Il portaborraccia ideale deve avere un’elevata capacità di ritenzione e le aziende hanno trovato diverse soluzioni per assicurarla.
Quelli laterali, ad esempio, riescono ad avvolgere maggiormente la borraccia, perderla è impossibile o quasi.

Su quelli tradizionali o “ibridi”, le aziende inseriscono degli inserti di materiali grippanti oppure realizzano delle forme particolari per evitare che la borraccia si perda sul sentiero.

Scegliere il portaborraccia della Mtb

Nel caso del Cannibal XC, ad esempio, Elite garantisce la ritenzione grazie ad un inserto in gomma posizionato nella zona anteriore, ma anche la forma della zona posteriore è fatta apposta per bloccare la borraccia sul bordo superiore.
Lo stesso rinforzo in gomma serve anche per rendere il portaborraccia più elastico ed adattarsi a borracce di forme diverse.

Scegliere il portaborraccia della Mtb

Il Rocko Carbon, invece, non presenta alcun inserto, ma nella parte interna ha delle sporgenze che fanno pressione sulla borraccia e la mantengono in posizione.
Una soluzione strategica per migliorare la ritenzione senza aumentare troppo il peso.

Scegliere il portaborraccia della Mtb

In ogni caso, indipendentemente dal marchio di riferimento, la capacità di ritenzione è fondamentale, perché perdere la borraccia in giornate afose può pregiudicare la prestazione e far male alla salute.

Peso
In Mtb il fattore peso può passare in secondo piano, o meglio, bisognerebbe scegliere il giusto compromesso tra peso, ritenzione e resistenza.
Diciamo che 20 grammi in più non fanno la differenza, piuttosto è meglio risparmiare peso da qualche altra parte, ma il portaborraccia da Mtb deve essere solido e di qualità.
Le cadute sono all’ordine del giorno, quindi sconsigliamo prodotti troppo leggeri o non specifici per il fuoristrada.
Per dare dei numeri, portaborraccia che pesano tra i 25 e i 50 grammi rappresentano un buon compromesso tra peso e resistenza.

Scegliere il portaborraccia della Mtb
Peso Rocko Carbon: 27 grammi
Peso Cannibal XC: 36 grammi
Scegliere il portaborraccia della Mtb
Peso Prism: 48 grammi

Rapporto qualità-prezzo
I portaborraccia in carbonio sono quasi sempre i più leggeri e resistenti, ma costano anche di più.
A nostro avviso, quindi, un portaborraccia in materiale fibrorinforzato, con design specifico per il fuoristrada può essere il prodotto giusto per chi cerca qualità senza spendere troppo.
L’esempio perfetto?
Il Cannibal XC di Elite: 36 grammi, ottima ritenzione, estrazione frontale, destra o sinistra e prezzo di circa 15€ (i prezzi di questi accessori variano molto in base al punto vendita o shop on line).

Estetica
Anche l’occhio vuole la sua parte, quindi scegliete il portaborraccia anche in base ai vostri gusti estetici.
Oltre alla linea, attualmente quasi tutte le aziende propongono abbinamenti cromatici particolari, che permettono di adattare questo accessorio ai colori della propria bici.
Come avrete capito, anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta…

Scegliere il portaborraccia della Mtb

In conclusione…
Scegliere il portaborraccia della Mtb nel modo corretto è importante per diversi motivi, che vanno dall’aspetto pratico a quello economico, per concludere con dettagli puramente estetici, che comunque non sono da sottovalutare.
L’importante è muoversi in base alle necessità individuali, osservando lo spazio disponibile sul telaio e valutando in che modo si utilizza la bici di solito.

Il Custom Race Plus è un portaborraccia storico di Elite: non è specifico per il fuoristrada, ma se nel vostro telaio c’è spazio a sufficienza per l’estrazione frontale può essere una valida alternativa.

Nello specifico, Elite consiglia a chi va in Mtb i modelli Cannibal XC, Rocko Carbon e Prism o Prism Carbon, ma nulla vieta di scegliere altri modelli della gamma, come ad esempio il Custom Race Plus, portaborraccia storico e super resistente, che però non prevede l’estrazione laterale.

Per conoscere tutta la gamma dei portaborraccia Elite cliccate QUI.

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia