scritto da Simone Lanciotti in Tecnica il 01 Mar 2014

Specialized Body Geometry Fit: arriva la nuova Toupe

Specialized Body Geometry Fit: arriva la nuova Toupe
        
Stampa Pagina

La linea Body Geometry di Specialized è nata nel 1999 proprio con una sella.
La nascita è stato un evento quasi casuale, ma frutto dell’intuizione di Roger Minkow, un medico americano che, prima di dedicarsi alle selle, metteva le sue conoscenze a disposizione di vari settori, ma tutti connessi all’ergonomia e all’anatomia umana.
A trasformare in un prodotto le sue intuizioni fu Mike Sinyard, il fondatore di Specialized, dando vita alla gamma di selle Body Geometry di Specialized.

Roger Minkow con... un bacino in mano.

Roger Minkow con… un bacino in mano.

I risultati furono subito impressionanti: nell’anno del lancio di questo prodotto Specialized vendette 500000 selle e iniziò il suo cammino di sensibilizzazione degli utenti verso l’ergonomia della sella.
Nonostante tutti gli studi intorno alla sella, questo componente è fortemente dipendente dall’anatomia del bacino di ogni utente, motivo per cui una sella può risultare tanto comoda quanto scomoda a seconda di chi la usa.

La prima sella con Body Geometry del 1999 (colore nero) di fianco alla nuova S-Works Toupe.

La prima sella con Body Geometry del 1999 (colore nero) di fianco alla nuova S-Works Toupe.

Specialized, però, da sempre ha cercato di minimizzare questa variabilità studiando delle soluzioni che permettessero all’utente di capire in anticipo quale sella scegliere in base al proprio utilizzo.
L’obiettivo del Body Geometry Fit (l’ultima evoluzione del concetto originario) è proprio questo: assicurare a ogni ciclista lo stesso livello di prestazioni, comfort e rispetto dei criteri di biomeccanica.
Abbiamo avuto modo di conversare con Roger Minkow, il quale ci ha spiegato in che modo valuta le prestazioni di una sella.

Il flusso sanguigno
Il sangue trasporta ossigeno e rimuove l’acido lattico dai muscoli per cui è cruciale mantenere quanto più alto possibile il flusso sanguigno che coinvolge gli arti inferiori.
Non tutte le selle, però, riescono in questo obiettivo.

Il test di misurazione del flusso sanguigno.

Il test di misurazione del flusso sanguigno.

Lo strumento utilizzato da Minkow per il la misurazione del flusso.

Lo strumento utilizzato da Minkow per la misurazione del flusso.

Alcune, secondo Minkow, ostruiscono in maniera seria la circolazione sanguigna riducendo non solo il comfort, ma anche le prestazioni, aumentando di conseguenza il rischio di indolenzimenti e intorpidimenti delle parti basse.
Le misurazioni che Minkow ha effettuato sono eloquenti: tramite un macchinario che misura il flusso di ossigeno transcutaneo è possibile capire l’efficacia biomeccanica di una sella.
Lo strumento viene applicato sul pene del ciclista e, in base alla posizione assunta in sella, alla sua anatomia e, ovviamente, alla sella, lo strumento rileva valori molto differenti.

Minkow ha effettuato dei test anche sull'anatomia femminile e ne ha ricavato un disegno specifico che troviamo sulla sella Mith (in foto).

Minkow ha effettuato dei test anche sull’anatomia femminile e ne ha ricavato un disegno specifico che troviamo sulla sella Myth (in foto).

Tanto per fare capire la sensibilità dello strumento, Minkow ci ha invitato a fare una prova: ha applicato il sensore su una mano e misurato il corrispettivo flusso sanguigno transcutaneo e appena abbiamo applicato una leggera pressione sul sensore (pari alla forza necessaria per premere un tasto del Pc) il flusso di sanguigno è sceso in maniera vistosa.
Immaginate, adesso, di quanto potrebbe diminuire il flusso sanguigno se il sensore fosse applicato sul soprassella e il ciclista fosse in posizione seduta.
Ecco perché l’ergonomia della sella, secondo Minkow, è cruciale.

Una sella per ogni utente e ogni utilizzo
Le illustrazioni in basso chiariscono il concetto. Dato che ognuno di noi ha un’anatomia, un livello di allenamento e fa della Mtb un uso ben preciso, è il caso allora di prestare attenzione al tipo di sella che si sceglie.
Il catalogo Specialized, non a caso, è tanto vasto proprio per questo motivo.
Ecco le tre fasi da seguire per individuare la sella più adatta:

Schermata 2014-03-01 alle 09.46.47

Schermata 2014-03-01 alle 09.47.00

Schermata 2014-03-01 alle 09.47.17

Come vi avevamo mostrato anche in questa serie di articoli, la scelta della sella avviene attraverso i tre step mostrati in alto.

La nuova sella S-Works Toupe
In occasione di questo incontro con Roger Minkow, Specialized ha presentato la nuova sella Toupe, pensata per un utilizzo prevalentemente road.

La nuova S-Works Toupe.

La nuova S-Works Toupe.

Lo scafo è in fibra di carbonio Fact, l’imbottitura è stata incrementata (su consiglio dei pro’ che l’hanno utilizzata in passato), telaio in carbonio (che non si deforma nell’utilizzo prolungato) con misure oversize (7×9 mm), larghezza di 143 e 155 mm per un peso, rispettivamente, di 155 e 159 grammi. I colori sono tre, rosso, nero e bianco, e sarà disponibile al pubblico a partire da settembre prossimo.

_DSC6058

_DSC6059

_DSC6057 (1)

Specialized, come detto, la dichiara come una sella per uso road, ma date le sue caratteristiche di leggerezza e comfort non disdegna un impiego anche Mtb agonistico (leggasi Xc).

Per informazioni Specialized.com

        
Torna in alto