•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sram ha acquisito ShockWiz, un progetto di Kickstarter relativo a un sistema di tuning automatico delle sospensioni per Mtb che sarà montato solo su sospensioni RockShox.
Il suo inventore Nigel Wade continuerà a lavorare su questo prodotto insieme a agli ingegneri coinvolti su Quarq (il misuratore di potenza di Sram) e RockShox.
Di quello che la tecnologia può portare al mondo della Mtb fino ad ora abbiamo visto solo una piccola parte.

shockwiz-june-upright-portrait-1600px
L’obiettivo di Sram con l’acquisizione di ShockWiz è creare qualcosa che “tolga i pensieri, ma che lasci l’entusiasmo dell’andare in bici”.
In tutto sono stati 404 i sostenitori che hanno permesso a ShockWiz di diventare realtà, ma solo con l’acquisizione di Sram questo progetto ha potuto avere l’incremento che richiedeva nella velocità di sviluppo.

ShockWiz

ShockWiz

ShockWiz
I primi sostenitori di ShockWiz riceveranno per primi i campioni di questo componente.
Questo, in buona sostanza, significa che anche RockShox ha iniziato a muovere dei passi importanti verso lo sviluppo di sospensioni a controllo elettronico, ma la prima impressione è che ShockWiz abbia un funzionamento ben diverso da quanto, ad esempio, realizzato da Fox con l’iCtd.

ShockWiz

Lo ShockWiz permetterà al setup delle sospensioni di essere adeguato in base alle condizioni di guida secondo gli algoritmi del sistema elettronico e quindi dovrebbe avere un funzionamento intelligente.
In sostanza non dovrebbe essere un’alternativa elettronica a un comando meccanico.
Insomma, sembra un altro passo importante per le sospensioni delle Mtb.
Ora non rimane che provarlo quanto prima.

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti