•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Trek Slash 2021 è ancora quella bici da enduro che puoi pedalare in salita e usare in situazioni che non siano solo le gare di enduro più estreme.
Non ha cambiato identità e se vogliamo farla breve è cresciuta un po’ di travel e ha adeguato un po’ la geometria.
Ovviamente c’è dell’altro che riguarda anche l’ammortizzatore e un gran numero di affinamenti e migliorie un po’ ovunque.
Andiamo con ordine e iniziamo dal telaio.
Abbiamo detto che il travel è aumentato e passa in effetti da 150 a 160 mm al posteriore, mentre all’anteriore, di serie, troveremo forcelle da 170 mm (che volendo possono salire fino a 180 mm di corsa).

Trek Slash 2021
La nuova (a sinistra) e la precedente Trek Slash

Le ruote avranno sempre un diametro di 29” e non è consigliata la combinazione ruote 29-27,5 pollici.
Vi invitiamo a scoprire i principali dettagli della Trek Slash 2021 nel video seguente e a scoprire altri dettagli nella parte successiva dell’articolo:

La geometria in particolare è stata cambiata con un aumento generico del reach (da 20 a 30 mm a seconda della taglia), studiato per ridurre da 50 a 35 mm la lunghezza dell’attacco manubrio di serie.
L’angolo di sterzo si riduce e, quindi, si “apre” di un grado e passa a 64,5°, mentre il tubo piantone aumenta di 1,9° e arriva a 75,5°.
Queste modifiche sono state pensate per rendere la nuova Trek Slash comunque piacevole da pedalare in salita, rendendola, secondo gli americani, una trail bike molto capace.

Molto interessante è anche la tabella che mostra una comparativa diretta della geometria fra la nuova e la precedente Slash:

Trek Slash 2021Il movimento centrale si avvicina di più a terra di 8 mm rispetto alla precedente, la forcella di serie avrà un offset di 42 mm e il carro passa da 43,5 a 43,7 cm di lunghezza.
La battuta del mozzo è ancora 148×12 e non Super Boost per tenere la linea di catena a 55 mm.
Il sistema KnockBlock che limita il movimento del manubrio e ne impedisce il contatto con il triangolo anteriore, è stato ampliato da 58 a 72 gradi per dare più libertà di azione a chi guida ed è ancora compatibile con attacchi manubrio classici.

Trek Slash 2021
La Trek Slash 9.8
Attacchi manubrio da 35 mm di lunghezza su tutti i modelli di Trek Slash 2021

Per quanto riguarda il telaio va segnalato il tubo piantone che ospita ora reggisella telescopici da 34,9 mm, avvantaggiando l’idraulica e il funzionamento stesso del telescopico, oltre a fornire una maggiorazione di dimensioni al tubo piantone, al movimento centrale e ai pivot della sospensione.
Il travel del reggisella varia da 100 a 200 mm a seconda della taglia e, proprio per quanto riguarda le taglie, la nuova Slash verrà proposta nelle taglie S, M, M/L, L e XL, sempre con ruote da 29” e sempre con l’alloggiamento canonico del portaborraccia sul tubo obliquo.
Nuova e più estesa è la protezione sul tubo obliquo che ora, volendo, può arrivare a coprire la quasi totalità della superficie del tubo obliquo.
Anche la protezione sul fodero basso destro è stata rivista ed ora è più ampia e stabile.

Trek Slash 2021

Al pari di quanto visto su altre bici Trek, anche la Trek Slash 2021 avrà l’Integrated Storage (foto sopra), ossia il vano portaoggetti ricavato all’interno del tubo obliquo.
Una novità interessante da segnalare è che questa opzione sarà disponibile anche sui telai in lega leggera.
Il peso del telaio, infine, beneficia di un importante generale alleggerimento rispetto alla concorrenza diretta: Trek dichiara 2450 gr per il solo telaio, ossia circa 400 gr in meno delle concorrenti dirette (dato dichiarato da Trek), mentre rispetto alla Slash precedente il peso è in realtà aumentato di 100 gr.
Questo perché la nuova Slash non è aumentata così tanto di escursione come le rivali più dirette e ha mantenuto una più forte vocazione trail riding.
Per quanto riguarda il peso della Trek Slash 9.9 X01 tg M/L che abbiamo in test il peso rilevato, senza pedali e con gomme tubeless, è di 14,76 Kg
Restando sulle specifiche del telaio vale la pena segnalare l’adozione di un movimento centrale filettato BSA 73 mm, la compatibilità con le sole trasmissioni monocorona (con corona da minimo 28 fino ad un massimo di 34 denti).

Trek Slash 2021

E passiamo alla sospensione posteriore.
Lo schema è sempre 4 bar linkage con ABP e ammortizzatore RockShox Super Deluxe Thru Shaft rivisto e migliorato nella riduzione degli attriti e con una camera negativa maggiorata per migliorare la sensibilità.
Le novità però arrivano anche al pacco lamellare e alle possibilità di personalizzazione interne permesse all’utente, sia per la camera positiva che per quella negativa.
Il registro di rebound, inoltre, sarà indicizzato con una scala numerica che faciliterà le regolazioni.
Trek ci ha fatto sapere che, volendo, sarà comunque possibile montare anche ammortizzatori a molla, purché con attacco Trunnion e misure 230×62,5 mm

Trek Slash 2021

La gamma Trek Slash 2021
La gamma è stata ampliata e prevederà due modelli con telaio in lega leggera, la 7 e la 8 oltre al solo telaio in lega leggera proposto a 2599€.
La gamma con telaio in fibra di carbonio OCLV Mountain, invece, parte dalla 9.7 a 4599€ fino ad arrivare alla 9.9 a 8499€ (disponibile con allestimento Shimano XTR oppure Sram X01).
Anche per la versione in carbonio sarà possibile acquistare il solo telaio al prezzo di 3999€
Tutta la gamma di bici complete viene venduta con gomme e valvole tubeless di serie.
Di seguito alcune delle colorazioni disponibili e i relativi prezzi, ricordando che anche la Trek Slash 2021 sarà personalizzabile nella colorazione con il programma Project 1.
In particolare, le versioni 9.8 e 9.9 con il programma Project 1 hanno un costo rispettivamente di 6599€ e di 9099€ e a questa versione ci si riferiva nel video quando si menzionava il prezzo delle 9.9.

Trek Slash 2021
Trek Slash 9.9 XTR: 8499€
Trek Slash 9.9 X01: 8499€
Trek Slash 2021
Trek Slash 9.8: 5999€



Trek Slash 9.7: 4599€
Trek Slash 2021
Trek Slash 8: 3599€
Trek Slash 7: 3069€

Per conoscere tutte le specifiche di montaggio dei singoli modelli Trek Slash 2021 vi invitiamo a consultare il sito ufficiale Trek, cliccando qui.

Qui tutti i nostri articoli e test sulle Mtb da enduro

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti