•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Al pari di quanto avviene per gli ammortizzatori Rock Shox Monarch, anche per i modelli Fox ad aria (ovvero Float, Float X e Dhx Air) è possibile la regolazione del volume della camera positiva, per variare la progressività dell’ammortizzatore.
Questa operazione è piuttosto semplice e richiede:

– un Volume Tuning Kit specifico per il proprio ammortizzatore (vedi i seriali nel video in basso)

– uno strumento con punta non tagliente

– una pompa per sospensioni

Rispetto al sistema Rock Shox, gli spacer interni di Fox hanno dimensioni maggiori e quindi è importante notare che alcune combinazioni di escursione e di spacer non possono essere usati per evitare pericolosi picchi di pressione all’interno dell’ammortizzatore.

Il Fox Float X Ctd. Qui il test.
Il Fox Float X Ctd. Qui il test.

Per avere più informazioni in merito a questo argomento, Fox vi invita a consultare questa pagina web.
Fox fa un’ultima segnalazione importante prima di svitare il cilindro: se l’ammortizzatore si comprime più di 3-5 mm quando si rilascia l’aria potrebbe essere bloccato. In tal caso infilate uno straccio di stoffa nell’occhiello inferiore e iniziate a svitare il cilindro. La procedura è illustrata in questo video.
Se non avete dimestichezza con queste operazioni è preferibile rivolgersi a un centro autorizzato Fox.
Segnaliamo, inoltre, che le operazioni seguenti possono essere fatte senza smontare l’ammortizzatore dal telaio, contrariamente a quanto avviene per Rock Shox.
Fatte queste doverose premesse vi lasciamo al video seguente.

Fox ha pubblicato di recente anche un video tutorial che mostra come effettuare la manutenzione della parte pneumatica degli ammortizzatori ad aria.
Molti dei passaggi iniziali sono in comune con il tutorial precedente, ma in questo caso è richiesta più manualità oltre che ricambi e lubrificanti specifici.

La manutenzione quotidiana
Molti dei problemi che affliggono le prestazioni delle sospensioni possono essere evitati con la buona abitudine di pulire con cura le tenute e gli steli, sia della forcella che dell’ammortizzatore alla fine di ogni uscita.
Basta un panno di stoffa (possibilmente lint-free, cioè che non lasci filacci) e 2 minuti del vostro tempo.
Le sospensioni ringrazieranno…

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti