•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’Urge Supacross è un casco molto diverso dagli altri, come lo sono tutti i modelli del marchio francese.
Il designer, Jean Pierre “Zoobab” Garnier, lo definisce come un casco pensato tanto per l’Xc quanto per l’escursionismo.
Non ha la visiera, o meglio, ne ha una integrata di piccole dimensioni.

_DSC9641

«Nell’Xc agonistico non la si usa quasi più – spiega Zoobab – i top rider la tolgono, ma esteticamente la visiera è qualcosa che differenzia un casco da Mtb da uno da strada. E quindi il Supacross prevede una piccola protuberanza che ricorda la classica visiera, ma non lo è».
Se i caschi Urge ha un design così diverso dagli altri il merito è proprio di Zoobab.

Uno dei tanti incontri fra i tecnici e Fabien Barel. A sinistra Jean Pierre "Zoobab" Garnier, il designer di Urge.
Uno dei tanti incontri fra i tecnici e Fabien Barel. A sinistra Jean Pierre “Zoobab” Garnier, il designer di Urge.
Il Supacross durante le fasi di creazione e sviluppo.
Il Supacross durante le fasi di creazione e sviluppo.

«Anche se non sono un appassionato di auto, mi ispiro al loro design e alle loro forme che più mi emozionano».
La feritoia rotonda degli Urge è presente anche sul Supacross al quale però è riservata una particolare attenzione per la ventilazione.
«Deve proteggere, certo – continua Zoobab – ma per l’uso per il quale è stato pensato il Supacross deve essere soprattutto ventilato».
Per cosa è stato pensato questo casco?

Il nuovo casco Urge è stato presentato ufficialmente a Eurobike. Fabien Barel è stato fra gli sviluppatori del Supacross.
Il nuovo casco Urge è stato presentato ufficialmente a Eurobike. Fabien Barel è stato fra gli sviluppatori del Supacross.

«Non è di certo per l’enduro – spiega Fabien Barel, anch’egli impegnato nello sviluppo di questo casco – ma per un uso escursionistico-agonistico. E’ leggero (277 gr rilevati sul modello che stiamo testando, ndr), compatto e semplice. Lo immagino come un casco pensato non per il cross country, ma per un “cross your country”, cioè un’attività escursionistica divertita, senza stress».
Il video seguente spiega meglio il concetto:

Lo sviluppo di questo modello ha richiesto circa due anni e si è passati attraverso diversi campioni e forme.
La feritoia “a oblò” è una caratteristica che Zoobab ha voluto mantenere sul Supacross perché appartiene al family feeling di Urge, ma è stata aggiunta la regolazione posteriore per la calzata, una dotazione tecnica molto richiesta dagli utenti.

Per un migliore comfort, il Supacross è stato dotato della regolazione posteriore della calzata.
Per un migliore comfort, il Supacross è stato dotato della regolazione posteriore della calzata.

«L’obiettivo era creare un casco semplice e funzionale – spiega Zoobab – che una volta messo in testa non debba essere più percepito dal biker. Ecco uno dei motivi per cui non abbiamo messo la visiera».

Da sinistra, Barel, Zoobab e Cedric e Cecile Ravanel, ovvero il team di sviluppo del casco.
Da sinistra, Barel, Zoobab e Cedric e Cecile Ravanel, ovvero il team di sviluppo del casco.

L’attenzione per l’ambiente
Il Supacross oltre ad avere forme molto originali e funzionali, porta in dote un’attenzione verso l’ambiente fuori dal comune.
E’ costruito per il 90% di materiali riciclati e anche il packaging, come si vede nel video seguente, è studiato con la medesima cura verso l’ambiente.

Il costo del Supacross è di 139,90€ ed è disponibile in due taglie e sei varianti di colore.
E il test (in anteprima) è attualmente in corso. A breve il responso.

_DSC9049

Per informazioni www.urgebike.com

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti