scritto da Stefano Chiri in Componenti,Test il 22 Dic 2016

TEST – Mavic Crossmax Pro Carbon: nate per l’Xc

TEST – Mavic Crossmax Pro Carbon: nate per l’Xc
        
Stampa Pagina

Sapevamo che erano in arrivo, ma non sapevamo precisamente quando e come Mavic sarebbe entrata nel mercato delle ruote in carbonio per la Mtb.
Delle case produttrici più importanti al mondo mancava solo la francese, come avevamo accennato in un articolo a inizio stagione.
Le competenze per costruire ruote in carbonio le avevano (basta guardare la gamma Mavic per bici da strada), ma allora perché aspettare così tanto? Tutto questo non ha fatto che infittire la nuvola di mistero intorno al progetto ruote in carbonio da Mtb.
Quest’anno, finalmente, Mavic ha tolto gli indugi e ha sfornato prima le Xa Pro Carbon e poi le Crossmax Pro Carbon, oggetto di questo test, spiegando che il loro ritardo sul carbonio era dovuto a un processo di acquisizione dati e informazioni e di test per nulla semplice in ambito Mtb.

mavic crossmax pro carbon

Possiamo notare la costruzione dei cerchi in carbonio: a sinistra due cerchi da strada e alla destra i due nuovi modelli per la Mtb

mavic crossmax pro carbon

mavic crossmax pro carbon

Passiamo adesso al test, cominciando dai dettagli tecnici di queste ruote.

1 – DETTAGLI TECNICI
– Caratteristiche dei cerchi (e diametri disponibili): 10
Le nuovissime Mavic Crossmax Pro Carbon sono costituite dal cerchio al 100% in fibra di carbonio unidirezionale. Il profilo interno del cerchio, largo 23 mm, non prevede il dente dove il cerchietto della gomma va a tallonare (cioè il profilo è di tipo “hookless”) e questo permette in caso di “pizzicatura” della gomma una maggior resistenza del cerchio.
Inoltre, essendo un modello top di gamma, sono state prodotte sia nella variante 29” che 27,5” e in tutti i vari standard di battuta, ossia la compatibilità è garantita su qualunque Mtb da Xc di ultima generazione e anche di non ultimissima generazione.
L’unico dettaglio che è cambiato con le Mavic Crossmax Pro Carbon è il cerchio che non è tubeless “nativo”: difatti il canale del cerchio è forato e per la realizzazione del tubeless va nastrato con un apposito flap.

mavic crossmax pro carbon

Le valvole per il tubeless, il flap e il liquido sigillante vengono forniti insieme alle ruote.

– Caratteristiche dei raggi: 9
Il numero dei raggi è 24, realizzati in acciaio, a testa dritta, a profilo piatto, a doppio spessore e, sia per l’anteriore che per il posteriore, l’incrocio in 2ª. Per evitare di costruire una ruota troppo rigida Mavic ha optato per raggi in acciaio per il modello Carbon, in luogo dei raggi in alluminio Zicral presenti sugli altri modelli Crossmax.

mavic crossmax pro carbon

Raggi in acciaio a testa dritta e a profilo piatto.

– Caratteristiche dei mozzi (e compatibilità varie): 10
Per il posteriore Mavic propone perno passante da 12 mm, convertibile in bloccaggio rapido (cioè quello senza asse passante) e per l’anteriore convertibile da perno passante da 15 mm in bloccaggio rapido.
In aggiunta ci sono le versioni per forcella Cannondale Lefty e le versioni Boost con battuta anteriore da 110 mm e posteriore da 148 mm. La ruota libera che utilizza il meccanismo di aggancio ITS-4 è disponibile sia per pignoni Shimano/Sram che per Sram XD (richiesto l’adattatore apposito). Infine, l’attacco per il disco dei freni è del tipo a 6 fori.

mavic crossmax pro carbon

– Peso: 9
La ricerca della leggerezza a tutti i costi non è nelle intenzioni di Mavic. Tuttavia sono riusciti a produrre una coppia di ruote resistenti con un ottimo peso: la coppia 27,5″ pesa 1470 grammi mentre la coppia 29″ (quella da noi testata) 1510 grammi.
– Prezzo: 9
1.700 euro in assoluti sono tanti, ma comunque sotto la media degli altri produttori di ruote in carbonio di altissima gamma. E il prezzo finale nei negozi online può scendere ancora, ad esempio a 1607€ su Amazon.it oppure a 1540,90€ su ProbikeShop.it. I prezzi sono aggiornati alla data di pubblicazione del test.
– Garanzia: 8
Ai 2 anni previsti per legge se ne può aggiungere un altro registrando il prodotto sul sito Mavic. Questa registrazione attiva anche il servizio di Crash Replacement, sempre utile su ruote in carbonio così costose.

Voto finale (da 1 a 10): 9,17

mavic crossmax pro carbon

La Specialized Stumpjumper Ht sulla quale abbiamo effettuato il test delle ruote Mavic. E della forcella RockShox Sid Wc 29 di nuova generazione

2 – PRESTAZIONI
– Rigidità torsionale: 9
Le Mavic Crossmax Pro Carbon, grazie ai cerchi in carbonio e alla costruzione delle ruote, con 24 raggi in acciaio incrociati in 2ª, offrono una rigidità torsionale percepibile già dai primi metri.
E’ la rigidità tipica di un set di ruote con cerchi in carbonio.
Nelle situazioni più al limite in curva, considerando anche sentieri non propriamente Xc, si percepiscono delle flessioni che vengono gradualmente smorzate dalla rigidità delle ruote.

mavic crossmax pro carbon

– Cambiamenti di traiettoria: 10
Il peso ridotto delle masse rotanti è ben evidente e nei cambi di direzione e nei rilanci si fa meno fatica. Con le Mavic Crossmax Pro Carbon cambiare traiettoria, evitare un ostacolo, saltare, acquistare velocità diventa più facile e invitano a tenere il gas aperto…

mavic crossmax pro carbon

– Precisione di guida: 10
La rigidità torsionale delle ruote permette una precisione di guida fuori dal comune, permettendo di scegliere dove mettere le ruote con precisione e stabilità sia nei tratti in discesa che in quelli in salita.
Sui percorsi più sconnessi la rigidità generale della ruota richiede un po’ più di impegno fisico per conferire grip agli pneumatici.

mavic crossmax pro carbon


pub

– Efficienza della centratura: 10
Dopo svariate uscite, anche qualcuna sopra le righe con sponde e salti, non è stato riscontrato neanche mm fuori la linea di centratura. Insomma, la solidità tipica delle ruote Mavic.
– Comfort: 8
Le ruote in carbonio per come sono strutturate difficilmente concedono spazio al comfort. L’accortezza da parte di Mavic nell’utilizzare raggi in acciaio in luogo di quelli in alluminio ha consentito di smorzare un po’ la rigidità verticale della ruota.
Tuttavia sono ruote molto rigide e precise, per le quali l’utilizzo marathon e le lunghe distanze possono creare qualche problema al fondoschiena del biker.
Sostituendo, però, le gomme Mavic Pulse Pro da 29”x 2,10 (fornite di serie con le ruote) con le gomme Vittoria Mezcal da 29”x 2,25 (di cui leggerete a breve il test) il comfort in sella è aumentato.
Quindi, se l’intenzione è di utilizzarle per molte ore e chilometri valutate la possibilità di aumentare la sezione degli pneumatici.

mavic crossmax pro carbon

Le gomme Mavic Pulse da 29″x 2.1 montate di serie.

– Resistenza del cerchio agli impatti: 9
Sebbene le abbia utilizzate su percorsi e tratti tecnici anche non propriamente in stile Xc non ci sono stati segni di cedimento. Inoltre, le pareti laterali dei cerchi delle Mavic Crossmax Pro Carbon non presentano alcun segno di abrasione o di impatto, segno che la loro resistenza è di alto livello.
Va inoltre specificato che la pressione di gonfiaggio delle gomme durante il test è stata mediamente più alta rispetto a quella che un biker di 70 Kg richiederebbe, per una questione di preferenze-abitudini personali.
E’ innegabile che questo può rappresentare una sorta di protezione in più contro impatti violenti e potenzialmente letali fra il cerchio e ostacoli.

mavic crossmax pro carbon

– Facilità di montaggio tubeless: 7
Era da tanto che un set di ruote Mavic top di gamma non fossero completamente tubeless. Il nastro tubeless ready di questo modello non ha permesso un facile montaggio con le gomme originali, molte leggere e morbide di cerchietto. Ho dovuto nuovamente nastrare il cerchio e impostare al massimo il compressore un paio di volte prima di riuscire a farle tallonare. Tuttavia utilizzando le Vittoria Mezcal da 2,25” di larghezza non c’è stato alcun problema.

Voto finale (da 1 a 10): 9

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,08

In conclusione…
La casa francese ha aspettato tanto ma l’attesa è stata ripagata: le Mavic Crossmax Pro Carbon sono la coppia di ruote che mancavano nella gamma Xc – Marathon del produttore francese. La qualità costruttiva e l’efficenza ci sono e sono sui livelli che si aspetta da Mavic. Il nuovo disegno dei mozzi, la raggiatura in 2ª (anche sul mozzo posteriore sul lato ruota libera) e il cerchio in carbonio da 23 mm di larghezza interna sono un mix che farà la gioia di chi in ambito Xc e marathon (in quest’ultimo caso con le accortezze che abbiamo suggerito nel testo) cerca una ruota solida e allestita con cura.
Quindi, in casa Mavic con l’introduzione del cerchio in carbonio leggerezza, rigidità e precisione hanno raggiunto ora un livello superiore.

Per informazioni Mavic.com

La gamma di ruote Mavic in carbonio prevede anche le Xa Pro Carbon per un utilizzo trail: leggete qui

 

voto:  8,66 / 10

PRO:

Leggerezza, qualità del prodotto, rigidità torsionale, precisione di guida, affidabilità della centratura, compatibilità completa per tutto il mercato, rapporto qualità/prezzo.

CONTRO:

Il montaggio delle gomme tubeless non è più intuitivo come sui modelli in alluminio, servono gomme più larghe per migliorare il comfort sulle lunghe distanze

Scheda Tecnica

  • Peso:
    1510 gr diametro 29"
  • Larghezza cerchio:
    23mm
  • Numero di raggi:
    24 raggi per ruota in acciaio incrociati in 2ª
  • Garanzia:
    2 anni
  • Compatibilità:
    ruote 27,5" e 29" per tutte le battute presenti sul mercato
  • Prezzo:
    1700€
        
Torna in alto