scritto da Daniele Concordia in Abbigliamento e Accessori,Test,Video il 22 Mag 2019

VIDEO TEST – Sei mesi di Mtb con le scarpe Specialized S-Works Recon

VIDEO TEST – Sei mesi di Mtb con le scarpe Specialized S-Works Recon
        
Stampa Pagina

Le scarpe Specialized S-Works Recon sono le ultime nate della casa statunitense e si posizionano al vertice della gamma cross country/marathon.
Non sono una novità assoluta (le avevamo presentate in questo articolo), ma per parlarne in modo approfondito abbiamo ritenuto giusto provarle per un lungo periodo.
Dopo circa sei mesi di utilizzo in allenamento e in gara, con il freddo e con il caldo, con il fango e con la polvere, possiamo esprimere un nostro giudizio analizzando i dettagli, le sensazioni, i pregi e i difetti delle scarpe Specialized S-Works Recon.

Specialized S-Works Recon

Iniziamo con un video un po’ diverso, una sorta di “diario”:

DETTAGLI TECNICI
– Materiali utilizzati: 10
La suola è in carbonio Fact.
La tomaia è termosaldata. Viene impiegato il Dyneema, un tessuto altamente tecnologico e di ultima generazione, super resistente ma allo stesso tempo anche molto leggero e deformabile. Questo materiale si unisce al TPU per una calzata comoda e stabile.

Specialized S-Works Recon

La punta e il tallone sono rinforzati in gomma dura, per la massima protezione, mentre all’interno della scarpa è presente la talloniera PadLock con inserti anti-scivolo.
La gomma del battistrada ha una mescola specifica, denominata SlipNot.

– Sistema di chiusura: 10
Le scarpe Specialized S-Works Recon presentano il nuovissimo sistema Boa S3-Snap a due pomelli.
Il nuovo Boa, oltre ad avere una forma diversa e più ergonomica, è realizzato in alluminio al CNC, quindi leggerissimo e più resistente.
La doppia regolazione permette di avvolgere il piede personalizzando la calzata al millimetro.

Specialized S-Works Recon

Specialized S-Works Recon

– Regolazioni consentite: 9
Non sono previste particolari regolazioni, se non il sistema di chiusura Boa, il carrello per fissare le tacchette dei pedali a sgancio e l’inserto filettato per inserire dei ramponi più sporgenti in caso di fango.
D’altronde è quello che serve su una scarpa da gara…

Specialized S-Works Recon

– Peso: 10
Sono veramente poche le scarpe da Xc/Marathon così leggere: parliamo di 301 grammi dichiarati (e reali) per scarpa in taglia 42, ovviamente senza tacchetta del pedale.
Con tacchetta SPD Look il peso sale a 335 grammi.

Specialized S-Works Recon

Il peso con tacchette Look SPD montate

– Prezzo: 8
Le scarpe Specialized S-Works Recon costano 381€ (prezzo di listino): questa cifra non è alla portata di tutti, ma è in linea con i modelli top di gamma di altre aziende concorrenti e in parte giustificabile dall’alta tecnologia presente in ogni dettaglio.

Voto finale (da 1 a 10): 9,4

Specialized S-Works Recon

PRESTAZIONI

- Comfort della calzata: 9,5
Come ho ripetuto più volte ne video, la calzata delle scarpe Specialized S-Works Recon è eccezionale: sin dalla prima uscita sembrava le avessi indossate sempre.
La tomaia avvolge il piede come una pantofola, ma allo stesso tempo il piede è ben fermo, sia in pedalata, sia quando si scende a piedi.
La chiusura Boa S3-Snap stringe in modo omogeneo, ma a volte ho avvertito una pressione anomala nella zona esterna del collo del piede, come se il bordino interno superiore fosse un po’ troppo sporgente. Ma è capitato solo qualche volta, probabilmente in casi in cui avevo il piede più gonfio del solito. Un dettaglio da menzionare comunque…

Specialized S-Works Recon

Le abbiamo usate anche su strada…

Specialized S-Works Recon

– Rigidità suola: 9,5
L’indice di rigidità della suola è pari a 13, quindi molto alto.
Il dato numerico è confermato sul campo, infatti la sensazione è molto simile a quella che si ha utilizzando le scarpe da strada, come reattività e stabilità.

Specialized S-Works Recon

Le solette di serie, però, sono risultate troppo “piatte”per il mio piede e ciò ha causato un’eccessiva pressione sulla pianta nelle uscite più lunghe: la base molto rigida, di sicuro non aiuta in queste situazioni, ma ciò può accadere con tutte le scarpe da gara tipo queste…
Nel mio caso, alla fine ho optato per un plantare personalizzato, ma Specialized offre comunque delle solette Body Geometry in tre modelli, con diversi supporti per l’arco plantare.
Le trovate qui.

Specialized S-Works Recon

– Grip della suola: 7,5
La suola SlipNot ha una mescola anti-scivolo, situata principalmente nella zona intorno alla tacchetta del pedale, ma in parte anche sul tallone e sulla punta.
Nei tratti a piedi, però, il grip non mi ha convinto molto, soprattutto quando ho avuto a che fare con rocce o radici viscide e con il fango.
La tacchetta, inoltre, è fissata quasi alla stessa altezza della suola e questo non facilita la camminata.
E’ vero che trattandosi di scarpe per pedalatori, la camminata passa in secondo piano, però ci sembra giusto evidenziare questa caratteristica…

Specialized S-Works Recon

Specialized S-Works Recon



– Ventilazione: 10
La ventilazione è ottima, forse eccessiva in inverno, infatti le scarpe Specialized S-Works Recon non sono tra le più calde e necessitano di calzini pesanti e/o copriscarpe nella stagione fredda.
In compenso, però, in primavera ed in estate tengono il piede al fresco per tutta l’uscita.
Diciamo quindi che sono scarpe pensate per la stagione di gare, non per le uscite invernali.

Specialized S-Works Recon

– Protezione dagli agenti atmosferici: 9
Come dicevo, con freddo, vento e umidità, queste scarpe non sono il massimo.
Per contro, però, l’impermeabilità è molto buona e, in caso di pioggia “moderata” o fango, il piede resta abbastanza asciutto.
Ovviamente, in caso di pioggia abbondante il discorso cambia, come è normale che sia.

Specialized S-Works Recon

– Protezione dagli urti: 10
Il rinforzo in gomma dura sulla punta e in plastica sul tallone proteggono molto bene il piede.
Quello sulla punta è particolarmente utile per evitare sassate sulle dita sui trail più scassati.

Specialized S-Works Recon

La tomaia in Dyneema si è rivelata davvero super resistente, infatti dopo vari mesi di test in tutte le condizioni non ha riportato particolari danni, soltanto un piccolo graffio superficiale sulla parte esterna.

Specialized S-Works Recon

– Calzata (quale taglia scegliere?): 9,5
Rispetto alle altre scarpe da Mtb, ho scelto mezzo numero in meno.
Di solito utilizzo un 42,5 mentre con le S-Works Recon ho dovuto optare per un 42 (27 cm di lunghezza).
Questa è una regola da seguire con tutte le scarpe Specialized, ma potete regolarvi anche con questa tabella taglie:

Specialized S-Works Recon

Voto finale (da 1 a 10): 9,2

Specialized S-Works Recon

Specialized S-Works Recon

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,3

In conclusione…
Le scarpe Specialized S-Works Recon sono pensate per gli agonisti.
Cross country o marathon fa poca differenza, ma se amate le lunghe distanze pensate ad una soletta personalizzata, che migliorerebbe sicuramente il comfort.
Leggerezza, calzata e rigidità sono i punti di forza, protezione dal freddo, grip della suola e (ahimè) prezzo sono i dettagli che ci hanno convinto un po’ meno.
Le scarpe Specialized S-Works Recon sono disponibili in nero o in rosso, con qualche differenza di disponibilità sulle taglie.

Qui potete trovare altri articoli e test sui prodotti Specialized e qui altri, invece, sulle scarpe da Mtb.

Specialized S-Works Recon

Disponibili anche in rosso…

Per informazioni Specialized.com



voto:  9,3 / 10

PRO:

Peso, calzata, chiusura co doppio Boa, protezione agli urti, rigidità, estetica.

CONTRO:

Grip suola, soletta interna poco ergonomica, protezione contro il freddo, prezzo.

Scheda Tecnica

  • Misure disponibili:
    Nero: da 38 a 47 (mezze misure dal 42,5 al 44,5). Rosso: da 37 a 47 (mezze misure da 42,5 a 44,5).
  • Peso scarpe:
    301 grammi per singola scarpa taglia 42 (senza tacchetta). 335 grammi con tacchetta SPD Look.
  • Prezzo:
    381€
        
Torna in alto