•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Trek Procaliber 2021: dopo avervela presentata a fine agosto (qui l’articolo con dettagli e modelli), abbiamo provato per diverse settimane la versione 9.8, ossia la più raffinata della nuova gamma.
Riassumiamo le caratteristiche principali e vi raccontiamo le sensazioni di guida, iniziando con un video:



1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria: 10
Le geometrie della Trek Procaliber 2021 sono “bilanciate”, ossia sono moderne ma non esasperate, studiate per mettere a proprio agio un po’ tutti, dall’amatore alle prime armi, fino al professionista (per approfondire questo concetto, cliccate QUI).

Trek Procaliber 2021

Sterzo da 68,75 gradi, piantone da 73,75 gradi, reach di 43,5 cm in taglia ML (quella in test), carro di 43,2 cm
Insomma, degli ottimi compromessi per trovare il proprio assetto sia nelle fasi pedalate, sia nel guidato. Promosse a pieni voti!
Qui le geometrie complete di tutte le taglie:

Sulla scheda tecnica di Trek, gli angoli di sterzo e piantone sono arrotondati per eccesso, ma siamo lì…

– Assetto in sella: 9
Nonostante la bici test fosse in taglia ML (leggermente grande, sulla carta, per le mie caratteristiche), sono riuscito ad adattarmi subito, avanzando un po’ di più la sella.
Il reach non troppo lungo, lo stem da 70 mm e l’angolo sterzo moderato mi hanno permesso di guidarla bene anche nel tecnico.
Detto questo, con una M (la stessa che utilizzo sulla Supercaliber) sono sicuro che mi sarei trovato ancora più a mio agio ed avrei avuto uno svettamento sella più consono.
Di base, però, come da tradizione le bici Trek regalano un feeling immediato.

Trek Procaliber 2021

I telaio M e ML montano uno stem da 70 mm. Sulla S è da 60 mm, su L e XL è da 80 mm e sulla XXL è da 90 mm.

– Cura costruttiva: 10
Telaio in carbonio OCLV Mountain di Trek.
Il passaggio cavi è stato perfezionato, ora è più semplice, pulito ed include anche il passaggio per il reggisella telescopico.

Trek Procaliber 2021

Trek Procaliber 2021

Confermata la tecnologia IsoSpeed sul piantone che la rende leggermente più flessibile quando si pedala da seduti.
Le finiture del telaio e le grafiche sono molto rifinite su tutti i modelli, anche se la Procaliber non rientra nei modelli personalizzabili con programma Project One.

Trek Procaliber 2021

Il passaggio ruota è stato ampliato e tollera gomme fino a 2.4” di sezione, con cerchio da 30 mm.
Interessanti le protezioni con inserti metallici posizionate nella zona della corona anteriore e in quella del disco posteriore, ma anche quelle in materiale plastico posizionate sotto al down tube e il batticatena che copre bene il fodero basso.

Trek Procaliber 2021

Tutte le taglie (dalla XS alla XXL) sono da 29”, con quote adattate di conseguenza, ed hanno il doppio portaborraccia.
Da menzionare anche il Knock Block con un range di movimento maggiore (62 gradi) per muoversi agevolmente anche sui trail molto stretti e lenti.

Trek Procaliber 2021

– Peso telaio e/o bici: 7
Il telaio della Trek Procaliber 2021 non è leggerissimo, il peso dichiarato è di 1350 grammi in taglia M.
La bici completa, in versione 9.8 (senza pedali) pesa 10,25 kg reali, con pedali si arriva intorno ai 10,5 kg.
C’è da calcolare la presenza del sistema IsoSpeed sul telaio, inoltre l’allestimento 9.8 non prevede componenti ultra leggeri, ma parliamo comunque di una hardtail e i pesi sono tra i meno contenuti del segmento.

Trek Procaliber 2021
Procaliber Kit Telaio

– Prezzo telaio e/o bici: 9
La Procaliber 9.8 costa 3599€, un prezzo ottimo calcolando l’allestimento “intelligente”, anche se non super raffinato.
La gamma di bici complete include 4 modelli (tutti con lo stesso telaio) e parte dalla 9.5 che costa 1849€, quindi ce n’è per tutte le tasche.
Il kit telaio costa 1539€: molto buono, ma calcolando il rapporto peso-prezzo, non è tra i più economici.
In ogni caso parliamo di bici Trek, super curate, con geometrie ad hoc e molto richieste, quindi i prezzi sono interessanti e consoni al tipo di prodotto.

Alcuni dettagli del modello 9.8: cambio Shimano Deore XT 12v…
…con freni abbinati
Forcella Fox 32 SC Performance con cartuccia Grip a 2 posizioni
Trek Procaliber 2021
Guarnitura e*thirteen TRS Race Carbon con perno da 30 mm, su movimento press fit.

– Garanzia sul telaio: 10
Trek prevede una garanzia a vita sul telaio e di un anno su vernice e decalcomanie.
Esiste anche un servizio di Crash Replacement tramite il Trek Carbon Care.
Per maggiori informazioni sulla garanzia Trek cliccate QUI.

Voto finale (da 1 a 10): 9,1

Trek Procaliber 2021

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA: 9
Si avverte subito che il piantone è più verticale.
Nel test della Procaliber precedente avevo sottolineato questa “lacuna” rispetto alle hardtail della concorrenza, che obbligava ad avanzare molto la sella per compensare. Nonostante ciò, la bici poteva risultare un po’ pigra in pedalata da seduti, soprattutto sulle salite ripide e sulle taglie piccole (S e M).
Il nuovo modello offre una posizione molto racing, più avanzata e pronta ad offrire una grande resa in pedalata.
Alzandosi sui pedali, su asfalto o su sterrato battuto, la reattività del telaio è massima, nonostante il peso della bici non sia tra i più contenuti…
Nel complesso, quindi, la Trek Procaliber 2021, in salita è migliorata parecchio.

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA: 10
Molto più capace e meno esigente.
Lo sterzo più aperto e il reach un po’ più lungo rendono il telaio un po’ più gestibile nei tratti sconnessi.
Un altro dettaglio che non avevo apprezzato troppo sulla versione precedente, era l’eccessiva rigidità in discesa, che obbligava ad essere veramente tanto allenati fisicamente. E a volte non bastava nemmeno quello, ad esempio nelle lunghe distanze si pagava dazio…

Trek Procaliber 2021

La nuova Procaliber mi è sembrata un po’ più “morbida”, grazie alle geometrie più attuali, ma nel caso specifico anche per via della taglia leggermente più grande, che ho imparato ad apprezzare in determinate situazioni.
Da menzionare anche i cerchi in carbonio con canale largo (30 mm) e le gomme voluminose (2.2”, larghezza reale 58 mm), di grande aiuto in discesa su una hardtail da Xc come questa.
Nel complesso, la Trek Procaliber 2021 è davvero divertente, intuitiva e performante quando la strada scende, sia nei single track, sia sui sentieri più veloci.

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO: 9
In questa situazione dovrebbe entrare in ballo il sistema IsoSpeed, ma come accaduto sulla versione precedente, nel mio caso non ne ho avvertito molto la presenza.
Perché sono leggero (63-64 kg)? Forse sì, in ogni caso la mobilità di questo “disaccoppiatore” non è elevata, quindi non pensate di avere a che fare con una vera “softail”, ma con una hardtail leggermente più flessibile quando si pedala da seduti.

Trek Procaliber 2021

Tutto sommato, l’aiuto dei cerchi larghi subentra anche nel pedalato con fondo sconnesso, mentre sui sentieri scorrevoli e sull’asfalto si può apprezzare l’assetto perfezionato e l’ottima scorrevolezza delle gomme XR2, tra le più polivalenti e performanti della gamma Bontrager da Xc.

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,2

In conclusione…
Con la nuova Procaliber, Trek ha migliorato quello che c’era da migliorare, senza sconvolgere un progetto che comunque aveva già funzionato sin dalla sua nascita (nel 2016).
Se cercate il peso record, probabilmente vi orienterete su altro, ma se volete una hardtail performance, facile da guidare e non troppo costosa, con un buon potenziale per effettuare degli upgrade, siete sulla strada giusta.
Chiudo con un consiglio: scegliete la taglia non solo in base alle misure antropometriche, ma anche allo stile di guida e alle necessità. Il telaio Procaliber è abbastanza compatto, parlando di reach e altezza piantone, inoltre esiste la nuova taglia ML.
In alcuni casi, quindi, si può decidere se acquistare quella più grande (se si cerca un mezzo più stabile e comodo) o più piccola (se si cerca un mezzo più racing e reattivo).
Cosa chiedere di più?

Qui tutti gli articoli che parlano di Trek.

Qui gli articoli e i test sulle hardtail da Xc.

Per informazioni TrekBikes.com

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia