• 133
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Komoot è una piattaforma sempre più utilizzata per pianificare itinerari e allenamenti per ciclismo e altre attività Outdoor. Soprattutto da quando, a settembre 2019 è stata introdotta la versione in lingua italiana.
Di come funziona, quanto costa e di quali sono i plus rispetto ad altre piattaforme simili vi abbiamo già parlato nel dettaglio in questo articolo pubblicato su BiciDaStrada.it

tracciare un percorso con Komoot

Stavolta, invece, vi proponiamo una sorta di tutorial su come tracciare un percorso con Komoot, in modo veloce e preciso. E vi spieghiamo anche quali sono le funzioni specifiche per il fuoristrada.

La pianificazione di un itinerario può essere effettuata sia da pc (o Mac) che da Smartphone.
La soluzione che vi consigliamo è utilizzare il computer, poiché, oltre ad uno schermo di dimensioni maggiori, avrete a disposizioni alcune funzioni aggiuntive, come la mappa satellitare e la possibilità di trascinare e modificare la traccia con il mouse.

Di seguito trovate tutti i passaggi principali e alcuni piccoli trucchi, ma se preferite una spiegazione video, non vi resta che premere play qui:

Ora riassumiamo i passi principali di questa operazione:
1 –
Dopo essere entrati nel vostro profilo, il primo passo da compiere è selezionare la voce Tour Planner dal menù, per entrare nella schermata di pianificazione.
Vi ricordiamo che pianificare è totalmente gratuito e lo si può fare in tutto il mondo, anche senza aver acquistato le mappe.

Per navigare il percorso realizzato, invece, è necessario sbloccare le mappe della zona in cui ci si trova.

2 – Sulla sinistra dello schermo trovate un pannello di controllo di colore verde.
Prima di iniziare la pianificazione è importante selezionare il tipo di sport e il livello di allenamento. Queste variabili rappresentano uno dei valori aggiunti di Komoot e incidono sull’algoritmo di tracciatura.
A seguire scegliete anche se tracciare un giro di sola andata (da un punto ad un altro) o andata e ritorno.

tracciare un percorso con Komoot

3- Per iniziare a tracciare dovete scegliere un punto di partenza.
Potete farlo digitando l’indirizzo nella casella “cerca un luogo o un indirizzo” oppure selezionandolo sulla mappa.

tracciare un percorso con Komoot

4- A questo punto si può inserire il punto di destinazione finale e lasciare libertà d’azione all’algoritmo di Komoot. Ma se avete già un percorso in mente o volete passare per delle località ben precise, è necessario inserire dei punti intermedi.

Anche in questo caso potete digitare manualmente l’indirizzo (se conosciuto) oppure selezionare un punto sulla mappa e premere “includi nel tour”.

tracciare un percorso con Komoot

5- Per effettuare ulteriori piccole modifiche è possibile aggiungere altri punti intermedi, ma se state tracciando da Pc la cosa più semplice è utilizzare la funzione “drag and drop”, cioè trascinare manualmente la traccia con il cursore.

6- Non dimenticate di prendere in considerazione gli highlights, ovvero dei punti di interesse segnalati da altri utenti Komoot. Può essere un punto panoramico, una salita, una bella discesa… E sono identificati sulla mappa con dei punti rossi.
Si tratta di un plus importante proposto da Komoot per personalizzare e rendere più bello il proprio giro. Se notate un highlight vicino all’itinerario che state tracciando, valutate se può essere interessante inserirlo.

tracciare un percorso con Komoot

7- Prima di concludere, sulla parte sinistra dello schermo controllate il riepilogo del percorso proposto da Komoot, che vi fornisce informazioni su distanza, dislivello, tempo, ma anche sul fondo stradale che andrete ad affrontare e se ci sono dei tratti non adatti allo sport selezionato (ad esempio, se avete selezionato la bici da corsa, vi segnalerà se nel percorso sono previsti tratti sterrati o di sentiero).
Il consiglio, prima di salvare, è di zoommare e verificare la traccia nel dettaglio, magari utilizzando la mappa satellitare, che vi può dare un’idea anche del fondo stradale.
Per nascondere temporaneamente la traccia e vedere la strada o il sentiero su cui si sviluppa, basta premere il tasto M.

tracciare un percorso con Komoot

8- Se è tutto ok non vi resta che salvare e rinominare il tour.
A questo punto potrete anche decidere di renderlo pubblico e condividerlo con altri utenti Komoot, oppure tramite mail o social.

tracciare un percorso con Komoot

9- Se avete scaricato l’app sul vostro Smartphone, ritroverete il percorso tracciato già tra i tour pianificati. Basterà selezionarlo e avviare la navigazione.

Per chi non ama usare lo Smartphone, l’alternativa è utilizzare un ciclocomputer GPS.

Nel caso di device compatibili, come Wahoo e Garmin, la traccia viene caricata automaticamente all’interno del ciclocomputer, a patto che abbiate effettuato la sincronizzazione con l’account Komoot (basta seguire i passaggi guidati nel momento in cui si crea il proprio profilo. Per Garmin, però, è necessario scaricare l’App Komoot dallo store IQ).

tracciare un percorso con Komoot

Per tutti gli altri device si deve scaricare la traccia gpx e poi caricarla nella cartella corse del proprio strumento.

Le funzioni specifiche per Mtb
Come detto all’inizio, uno dei punti di forza di Komoot è la possibilità di scegliere la specialità praticata. La piattaforma, non solo è in grado di tracciare il percorso seguendo le strade con il fondo adatto alla bici scelta, ma offre anche delle funzioni specifiche per ogni specialità.
Quelle per Mtb, ad esempio, sono le seguenti:
– Uphill Routing: il sistema evita di default le salite troppo ripide, scegliendo l’alternativa con meno pendenza. Una funzione pensata soprattutto per i viaggi, più che per l’allenamento. Tuttavia, è possibile tracciare dei “fuori percorso” grazie alla funzione “Offgrid routing”.
– Offgrid Routing: permette di oltrepassare alcuni sentieri indicati da Komoot e tracciare manualmente la deviazione preferita.
– Dettagli sulla superficie: offre delle indicazioni sulle difficoltà tecniche e sul fondo del percorso pianificato.
– Route Warnings: se sul percorso c’è un sentiero chiuso o dei divieti di passaggio, il rider riceve un avviso.
– Highlights: indicazioni e raccomandazioni degli altri rider sui sentieri che si andranno ad affrontare.

Gli utenti che acquistano il pacchetto “Premium” avranno anche altre funzioni più raffinate:
– Personal Collection: possibilità di organizzare e catalogare i propri giri per tema, location o tipo di sport. Una sorta di diario degli itinerari.
– Mappe specifiche per Mtb: maggiori informazioni sui sentieri da Mtb ed Highlights più dettagliati.
– Meteo “on tour”: la app è in grado di indicare che tempo farà, chilometro per chilometro, durante il giro pianificato e nell’area di interesse. Una funzione fondamentale soprattutto per chi ha in programma dei lunghi viaggi in bici…

Speriamo che questo tutorial su come tracciare un percorso con Komoot vi sia stato utile, ma se volete scoprire altri dettagli e trucchi vi consigliamo di dare un’occhiata alle guide che trovate a questo LINK.

Per maggiori informazioni Komoot.it

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia