scritto da Redazione MtbCult in News il 24 Ott 2019

VIDEO – Red Bull Rampage 2019: tutto quello che c’è da sapere

VIDEO – Red Bull Rampage 2019: tutto quello che c’è da sapere
        
Stampa Pagina

INFORMAZIONI UFFICIALI

Fin dalla sua istituzione nel 2001, la Red Bull Rampage ha sempre cercato di spingere i confini di ciò che è possibile fare su una bicicletta.

Diciotto anni e tredici edizioni dopo, questa promessa non è cambiata e, nell’attesa della Red Bull Rampage 2019, che si terrà il 25 ottobre a Virgin, Utah, ecco tutto ciò che si deve sapere sulla spettacolare gara annuale di mountain bike.

– L’evento è aperto a soli 21 atleti da tutto il mondo, tutti i quali devono essere invitati a qualificarsi o direttamente a prendere parte alla competizione. Ogni rider deve fare due run, ciascun concorrente è giudicato da una giuria composta da suoi pari e chi ottiene il punteggio più alto vince. Per assegnare i loro voti, i giudici terranno conto della linea scelta dal partecipante, ma anche della tecnica di guida, delle acrobazie realizzate e dello stile con cui arriverà in fondo al percorso.

Red Bull Rampage 2019

– Il percorso è effettivamente realizzato dai partecipanti. Gli organizzatori definiscono una linea di partenza e una di arrivo e i concorrenti hanno quattro giorni e l’uso di due pale – senza attrezzi elettrici – per creare un percorso sorprendente e avvincente tra i due punti.

– Il percorso ha una caduta verticale di 237 metri ed è esposto a venti spesso forti da affrontare.

Red Bull Rampage 2019

– L’edizione 2019 della Red Bull Rampage sarà la seconda nella nuova sede dello Utah, nel deserto di rocce rosse dello Zion National Park.

– L’anno scorso, l’evento è stato vinto dal canadese Brett Rheeder.
Qui potete rivedere la sua run vincente:

– Il primo evento nel 2001 è stato vinto da un altro pioniere canadese del freeride, Wade Simmons.

– Numerosi vincitori precedenti parteciperanno quest’anno tra cui Rheeder, il connazionale e tre volte vincitore Kurt Sorge, lo statunitense Kyle Strait e lo spagnolo Andreu Lacondeguy.

Red Bull Rampage 2019

Kyle Strait detiene ancora il primato come il più giovane vincitore dell’evento, conquistando il primo premio nel 2004 quando era diciassettenne.

– La formazione completa dei partecipanti alla Red Bull Rampage 2019 è: Kurt Sorge (CAN), Cameron Zink (USA), Ethan Nell (USA), Brandon Semenuk (CAN), Brett Rheeder (CAN), Thomas Genon (BEL), Carson Storch (USA), Kyle Strait (USA), Tyler McCaul (USA), Tom van Steenbergen (CAN), Bienvenido Aguado Alba (ESP), Andreu Lacondeguy (ESP), Brendan Fairclough (GBR), DJ Brandt (USA), Graham Agassiz (CAN), Reece Wallace (CAN), Emil Johansson (SWE), Reed Boggs (USA), Juan Diego Salido (MEX), Szymon Godziek (POL), Vincent Tupin (FRA).

– Anche Gee Atherton e Antoine Bizet, atleti di downhill della Coppa del Mondo UCI, erano tra gli invitati ma entrambi hanno subito degli incidenti nelle ultime settimane.

– Il Canada è finora la nazione dominante della Red Bull Rampage, con otto vittorie su 13 edizioni, comprese le ultime quattro.

Qui potete vedere i momenti più incredibili e coinvolgenti delle edizioni passate della Red Bull Rampage:

Se volete seguire in diretta la Red Bull Rampage 2019, potrete farlo su RedBull.com.

Qui potete rileggere tutti i nostri articoli sulla Red Bull Rampage degli anni scorsi.



        
Torna in alto