• 421
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO UFFICIALE

Il cicloturismo in Sardegna allunga la stagione tra spiagge di sabbia candida, estese e affascinanti pianure e suggestive miniere in mezzo ai boschi.

cicloturismo in Sardegna
L’attraversamento della estesa pianura del Sulcis

Distribuire i flussi turistici su un più vasto arco temporale, conseguendo il doppio risultato di rendere l’estate più gradevole, perché meno congestionata, e di allungare la stagione turistica, con un’economia diffusa nel territorio anche dopo la fine dell’estate.
«In Sardegna ci sono due primavere: una è la primavera e l’altra è l’autunno, quando col clima nuovamente fresco tutto si tinge nuovamente di verde». Sosteneva affascinato un viaggiatore dell’Ottocento che visitò la Sardegna per un anno intero, in una sorta di grand tour esotico come era frequente in quel periodo.

Uno dei tanti passaggi sui percorsi ciclabili costruiti per visitare gli stagni e le saline

È trascorso un secolo e poco più ma ogni anno la natura continua a fare il suo ottimo lavoro, rendendo il territorio dell’Isola ideale per il cicloturismo, con le vacanze in bici che sono in continua crescita.
Oggi infatti il cicloturismo in Sardegna è per tutti, anche per chi non va mai in bici nel resto dell’anno e per le famiglie, grazie allo sviluppo delle bici elettriche, sulle quali si pedala con un aiuto del motore, che può essere regolato di intensità a seconda delle esigenze.

cicloturismo in Sardegna
L’asfodelo in fiore, lungo il percorso se ne trovano intere praterie

Non dunque è un caso che per il 2020 il Margherita Tour, una vacanza in mountain bike nelle più belle località al Sud Ovest dell’Isola, sia in programma per la metà di ottobre, da venerdì 16 a domenica 18, e che si avvalga di un servizio di noleggio e assistenza di bici elettriche, al servizio di chi non ha una bici propria o comunque vuole arrivare in Sardegna senza portarsi la propria.
Il nome del tour deriva dalla tipologia di viaggio, perché ogni pomeriggio si torna nello stesso hotel quattro stelle e ogni giorno si pedala in una direzione diversa come se i percorsi fossero petali di un fiore.

In primo piano la ginestra, lungo la strada sulle rive della laguna

Con tappe giornaliere di circa 60 km e con poco dislivello si visiteranno aree di grande pregio ambientale come spiagge incontaminate (ogni giorno ci sarà il tempo anche per un bagno), lagune e stagni popolati da fenicotteri e da altre specie, si pedalerà sulle piste ciclabili recentemente costruite e al rientro l’hotel sarà a disposizione con servizi extra e su prenotazione come bagno turco, sauna, idromassaggio, doccia emozionale, grotta del sale, ghiaccio terapia, piscina, massaggio, tisaneria.
I percorsi sono scorrevoli, senza particolari difficoltà tecniche, alla portata di tutte e tutti anche se poco o per nulla allenati, grazie all’aiuto offerto, per chi volesse usufruirne, dalle mountain bike elettriche e dal mezzo di supporto che segue il gruppo e interviene in caso di bisogno.
Il tour è guidato, ma chi vuole potrà avere alcuni giorni prima la traccia gps.

cicloturismo in Sardegna
L’arrivo nella spiaggia di Porto Pino con le sue caratteristiche dune di sabbia bianca e finissima e i gigli di mare

Ogni giorno il pranzo al sacco, composto con prodotti locali, è fornito dall’organizzazione in luoghi adatti per un picnic rilassante in mezzo alla natura.
Gli itinerari sono caratterizzati anche dal valore storico degli antichi insediamenti minerari dismessi, che creano un suggestivo scenario con la natura che lentamente ma inesorabilmente si riprende i suoi spazi.
Per chi si iscrive entro agosto la quota è ridotta e per chi arriva dalla Penisola o dall’estero l’organizzazione si avvale dell’assistenza di un tour operator che propone le soluzioni di viaggio più adeguate a ciascun partecipante.

Per informazioni
Sardiniabiking.it
margherita@sardiniabiking.it
Tel. 3490062169 – 3394069214

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it