•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per il secondo anno consecutivo Finale Ligure accoglie il gran finale dell’Enduro World Series, per celebrare il nuovo campione del mondo. Graves oppure Oton? Tracy Moseley o Anne Caro Chausson?

JER_3672-copy
La splendida piazza di Finale Ligure pronta a un weekend di grandi emozioni. Foto Reuiller.

La battaglia quest’anno non si è conclusa in anticipo. Jared Graves è al comando con 2690 punti, ma il suo vantaggio non è sufficiente per stare tranquillo. Per essere sicuro di vincere, l’australiano di Yeti dovrà arrivare almeno in 23ª posizione.

Le cose sono diverse rispetto all’anno scorso, quando Jerome Clementz aveva vinto con un round d’anticipo il mondiale e dunque poteva permettersi il lusso di non disputare l’ultima gara.

JER_3389-copy
E questa è la visuale dai sentieri… Foto Reuiller.

La pressione è chiaramente tutta su Damien Oton, che deve recuperare 290 punti a Graves: la vittoria ne mette in palio 500. Il duello principale è tra l’australiano e il francese. Difficile che Leov possa infatti recuperare 380 punti al leader e sopravanzare entrambi in classifica.

Ancora più forti saranno le emozioni della gara femminile. Tracy Moseley, con tre vittorie su sei, guida la classifica con 2250 punti e ne ha soli 80 di vantaggio su Anne Caro Chausson.

JER_3362-copy
Si gira sui sentieri. Sole, secco e polvere… Foto Reuiller.

Se la rider transalpina dovesse vincere e la campionessa in carica dovesse arrivare ai piedi del podio, la gerarchia sarebbe capovolta. Cecile Ravanel, attualmente 3ª a 300 punti di distacco, e Anneke Beerten, lotteranno più per l’ultimo gradino del podio che per fare brutti scherzi a chi sta in vetta.

rank-men
La situazione in campo maschile.
rank-women
La classifica femminile. Moseley col fiato sul collo.

Il round finale dell’Ews segna poi il ritorno di due grandissimi piloti: Jerome Clementz e Fabien Barel, entrambi assenti dalla tappa d’apertura in Cile. Senza dimenticare Nicolas Vouilloz.

JER_3705-copy
Fabien Barel, un grande ritorno. Foto Reuiller.

Sei speciali attendono i rider in un weekend che s’annuncia molto fisico anche per via dei lunghi trasferimenti pedalati. Il percorso completo, praticamente inedito, misura 95 km con 2300 m di dislivello. Ieri e oggi sono i giorni di ricognizione. Domani si corrono 4 Ps e domenica si chiude con le ultime due.

JER_3445-copy

Durante le libere di ieri, Ben Cruz è purtroppo caduto alla fine della Ps3 su un tratto molto tecnico e pieno di sassi. La fuoriuscita della spalla non gli consentirà di prendere parte alla gara.

JER_3269-copy
Ben Cruz, sfortunatissimo. Caduta, spalla fuori asse e addio Finale Ligure. Foto Reuiller.

Per informazioni www.enduroworldseries.com