• 120
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Su un tracciato di circa 60 km, a Finale Ligure è andata in scena la 3ª tappa dell’Enduro World Series 2020 e come sempre lo scenario è stato degno di una competizione internazionale.
In campo femminile la vittoria è andata alla ex campionessa del mondo DH Morgan Charre che è stata in testa alla classifica sin dalla prima PS.
La connazionale Melanie Pugin ha provato a recuperare vincendo le ultime due PS, ma si è dovuta accontentare del secondo posto.
A terzo posto Estelle Charles.



In campo maschile, invece, vittoria per il canadese Jesse Melamed, anche lui al comando sin dall’inizio della gara.
Secondo posto per Florian Nicolai e terzo posto per Jack Moir.
Fra gli italiani spicca Matteo Raimondi con un 14º posto seguito da Loris Revelli in 38ª posizione, Erwin Ronzon in 44ª e Marcello Pesenti in 63ª.

Vittoria invece per un incredibile e inossidabile Martino Fruet in campo Master maschile che riesce ad anticipare di 18″ Cedric Ravanel e Karim Amour di 55″.
Al 4º posto un altro italiano inossidabile, Bruno Zanchi, distanziato di 1’29”.

Martino Fruet (a sinistra) e Bruno Zanchi dopo l’arrivo

Di seguito le classifiche delle varie categorie, mentre qui potete trovare i risultati completi

CLASSIFICA PRO MEN

CLASSIFICA PRO WOMEN

CLASSIFICA UNDER 21 MEN

CLASSIFICA UNDER 21 WOMEN

CLASSIFICA MASTER MEN

CLASSIFICA MASTER WOMEN

Il risultato di Martino Fruet è particolarmente meritevole di attenzione perché Fruet rappresenta un perfetto esempio di poliedricità del biker e di longevità atletica.
Senza dimenticare che proprio il weekend scorso ha partecipato al primo campionato italiano e-Mtb arrivando secondo.
Qui il report della gara.
Se volete conoscerlo meglio vi invitiamo a guardare questa video intervista realizzata con il trentino…

LIVE – Martino Fruet: Xc, Ciclocross, Enduro ed e-Mtb. Ma come ci riesci? 🤔

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it