• 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Parterre di altissimo livello a La Mesa Bike 2020.
La gara di Rivoli Veronese ha attirato l’attenzione di moltissimi agonisti, sia elite che amatori o delle categorie giovanili. Per molti è stata anche la prima vera gara di questa stagione anomala…

La Mesa Bike 2020
Mascherine in griglia…

A primeggiare, al fotofinish, è stato Nadir Colledani, capace di superare di pochi centimetri il campione italiano Gerhard Kerschbaumer: dei segnali importanti in vista delle gare titolate, che quest’anno di svolgeranno tutte in autunno.

Al terzo posto si è piazzato Mirko Tabacchi, già vincitore della 2ª prova di ExtraGiro di settimana scorsa, in grande forma in questo periodo.
Queste le sue dichiarazioni all’arrivo: «Sono soddisfatto, il livello era alto, un Campionato Italiano. Ho una buona gamba e spero di tenerla ancora a lungo. Peccato non essere riuscito a tenere fino alla fine. Comunque un buon risultato. E domenica appuntamento alla Pedalonga, in coppia con il mio compagno Valerio Domenico».

La Mesa Bike 2020

Qui la classifica degli uomini Open:

Tra le donne, ha avuto la meglio Eva Lechner, ma Giada Specia e Marika Tovo, del KTM Protek DAMA, le sono state col fiato sul collo per buona parte della gara, concludendo al secondo e terzo posto.

Marika Tovo (davanti) e Giada Specia (dietro)

Ecco cosa hanno detto al traguardo…
Specia: «Mi sentivo bene, ho cercato di resistere all’attacco di Eva, non sono riuscita. Alla fine ho pagato lo sforzo. Queste prime 3 gare mi hanno fatto capire dove devo migliorare la mia preparazione».
Tovo: «Partivo con un dolore al petto, una manovra sbagliata in gara la settimana scorsa, ho resistito, pensando a quello che ho passato lo scorso anno. Un terzo posto che al momento va bene. Tutto in funzione dei prossimi importanti appuntamenti».

La Mesa Bike 2020

Qui la classifica delle donne Open:

Per consultare o scaricare tutte le altre classifiche cliccate QUI.

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it