• 79
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ scomparso Gian Carlo Ceruti, presidente FCI dal 1997 al 2005.
Vinto dal Coronavirus questa mattina all’ospedale di Crema dopo diversi giorni di ricovero. Aveva 67 anni. Durante il suo mandato l’ascesa a tragica caduta di Marco Pantani, gli ori olimpici di Antonella Bellutti, Paola Pezzo e Paolo Bettini.
La redazione di MtbCult.it esprime le più sentite condoglianze.

Qui sotto riportiamo il comunicato ufficiale della Federazione Ciclistica Italiana
La redazione

COMUNICATO UFFICIALE

Solo ieri, il quotidiano “La Provincia di Cremona” riportava la notizia che Gian Carlo Ceruti, ex presidente della FCI, stesse lentamente e progressivamente migliorando. Oggi invece arriva la notizia della sua scomparsa, vinto dal virus questa mattina all’ospedale di Crema dopo diversi giorni di ricovero. Aveva 67 anni.

Gian Carlo Ceruti
Gian Carlo Ceruti

Dal 1997 al 2005 Giancarlo Ceruti ha guidato la Federciclismo vivendo in prima persona diversi momenti importanti della storia del nostro sport, dalla fantastica avventura sportiva di Marco Pantani, ai momenti drammatici per tutto il movimento sportivo di Madonna di Campiglio nel 1999 fino alla sua tragica scomparsa.
E poi gli Ori Olimpici di Paola Pezzo e Antonella Bellutti nel 2000, quello di Paolo Bettini ad Atene 2004 e tanti altri momenti della vita sportiva del nostro Paese.
Negli stessi anni e stato inoltre componente del Consiglio nazionale Coni e della Commissione mondiale per la Lotta al doping dell’Unione ciclistica internazionale e Consigliere nazionale dell’Istituto del credito sportivo.

Giancarlo Ceruti, cremasco di Pianengo, vent’anni nella Fiom di Cremona dal 1976, dopo essere andato in pensione si è allontanato e di molto dal mondo del ciclismo continuando però a seguire tutto con grande attenzione e amore.
Si è dedicato allo studio, tanto da conseguire in questi anni tre lauree (in Filosofia, in Scienze Politiche e in Scienze Antropologiche) scrivendo alcuni libri (tra cui «Il ciclismo dalla Sicilia alla Toscana») nei quali approfondiva i rapporti tra ciclismo ed etnografia e le migrazioni dei giovani ciclistici in cerca di successo dal Meridione al Nord dell’Italia.

Il Presidente della Federazione Renato Di Rocco, anche a nome di tutto il mondo del ciclismo, esprime i sensi del più profondo cordoglio per la tragica scomparsa.

Fonte: Federciclismo.it

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it