•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO STAMPA

Il quinto giorno della Titan Desert by Garmin ha praticamente definito l’esito della decima edizione.
Il colombiano Diego Tamayo, che vive a Saragozza, è il migliore dei favoriti ed ora veste la maglia da leader. A sprpresa di tutti, la vittoria di tappa è andata a Enrique Morcillo (Scott) che dopo 3 ore 58 minuti e 43 secondi di sforzi ha ricevuto il meritato premio.

È stata una giornata memorabile nel deserto.

titandesertEtapa5_

Per la prima volta nella storia della competizione si è disputata un’intera tappa senza segnaletica, nella quale tutti i partecipanti dovevano gareggiare utilizzando il loro GPS per trovare i quattro punti di controllo obbligatori prima di arrivare al traguardo.
Il tratto iniziale, lungo 2,8 km tra le dune, è stato spettacolare.
Più di 550 partecipanti sono entrati tra le dune di Erg Znaigui, costretti in certi punti a portare la bici in spalla.

Copia di titandesertEtapa5__

Trujillo e Pereiro per parecchio tempo hanno anticipato il gruppo dei favoriti, guidato da Tamayo e Silva, Ibon Zugasti ha ritardato al punto di controllo 3.
In questa giornata, nella quale la navigazione è stata fondamentale, i primi classificati hanno perso un sacco di tempo per trovare il punto di controllo 4, permettendo a Enrique Morcillo e all’olandese Ramses Bekkenk di passare a questo punto come primi.
Infine il corridore della Scott supera l’olandese e taglia il traguardo da solo. Questo significa che ora lui è salito sul podio in classifica generale, anche se è stato Tamayo ad approfittarne più di tutti. Ora Tamayo sembra essere il vincitore finale della Titan Desert di quest’anno con un impressionante vantaggio di 5 minuti su Zugasti.

2044783994553e59392497a9.51117263_MG_0515
Diego Tamayo

“Sulla carta tutto sembra a posto. Tutto sembra a mio favore per poter vincere la gara. Ho mantenuto il sangue freddo per tutta la gara, giorno per giorno ho seguito il gruppo dei leader, ora sono stato ripagato. La scommessa è stata vincente”, ha detto Tamayo, che ieri ha concluso al terzo posto; a lui spetta anche un altro premio dal momento che i primi tre al traguardo ieri hanno ricevuto rispettivamente un bonus di 90, 60 e 30 secondi.

Ibon Zugasti ha avuto una grande giornata e sale al secondo posto in classifica generale, mentre nulla è andato bene al rider portoghese José Silva che ora scende in decima posizione.

Pereiro e Zugasti
Pereiro e Zugasti

Ivonne Kraft vince la tappa di ieri nella categoria femminile, Anna Ramírez giunge seconda mantenendo il suo vantaggio.

I “titani” ieri si sono veramente esaltati in questa tappa emblematica e piena d’avventura con il GPS, il passaggio tra le dune e il gran caldo del deserto marocchino.
Dopo tante sofferenze e sacrifici, i partecipanti non vedono l’ora di transitare sul traguardo a Maadid per concludere con l’ultima tappa la Titan Desert by Garmin 2015: ormai mancano solo 65 km e tutti i sopravvissuti riceveranno il trofeo e l’ambita maglia da finisher.

Questi i risultati di ieri degli italiani:

72esimo Pierpaolo Agnoletti 05:34:16
195esimo Fabrizio Bocca 06:32:58
196esimo Leonardo Paolino 06:32:59
197esimo Marco Locatelli 06:32:59
210esimo Gianluigi Vicinanza 06:37:21
262esimo Antonio Casucci 07:06:24
354esimo David Moalli 05:27:17

Sul sito BikeandMore.it trovate tutti i resoconti della Titan Desert 2015 e informazioni utili su questa ed altre gare a tappe all’estero; i risultati “in diretta” li potete seguire su TitanDesert.com.

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it