•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A detta di chi l’ha vista e vissuta, la Cape Epic 2017 è stata forse la più avvincente di sempre e, soprattutto nella categoria Uomini, la lotta per la vittoria è stata incerta fino all’ultima tappa.

Cape Epic 2017

Ormai sappiamo che Nino Schurter, in coppia con Matthias Stirnemann, dopo un 2016 all’apice, non si è lasciato sfuggire l’occasione di mettere il suo sigillo anche sulla gara a tappe sudafricana, considerata tra le più dure al mondo.

Cape Epic 2017

E, per completare il successo del team Scott-Sram, anche Jenny Rissveds insieme a Thomas Frischknecht ha trionfato nella categoria Mixed.

Cape Epic 2017

La categoria Donne è stata vinta dal team Merendal CBC di Esther Suss e Jennie Stenerhag.

Cape Epic 2017

Ripercorriamo ora brevemente le ultime tre giornate di gara.
Venerdì Nino Schurter e il suo compagno Matthias Stirnemann (Scott-Sram Mtb Racing) hanno festeggiato la loro prima vittoria di tappa e, approfittando di una giornata storta di Manuel Fumic e Henrique Avancini (Cannondale Factory Racing XC), hanno conquistato anche la leadership della classifica generale.
Qui sotto potete vedere una sintesi della quinta tappa:

Stage 5 – Venerdì 24 marzo


pub

Nella sesta frazione di sabato 25 marzo – la cosiddetta Queen Stage – le coppie in testa (Schurter-Stirnemann e Suss-Stenerhag) rispettivamente nella categoria maschile e femminile hanno saldamente mantenuto le loro posizioni mentre dietro è stata battaglia per il secondo e terzo posto…

Stage 6 – Sabato 25 marzo


pub

Infine, ieri, domenica 26 marzo, al Gran Finale della Cape Epic 2017 i riflettori sono stati tutti puntati sui team Scott-Sram: il duo Scott-Sram Young Guns di Michiel van der Heijden e Andri Frischknecht si è aggiudicata la vittoria di tappa mentre Schurter e Stirnemann (Scott-Sram Mtb Racing) sono stati incoronati vincitori assoluti della gara.

Cape Epic 2017

L’obiettivo per Nino Schurter era provare a vincere la Cape Epic nel 2018 ma esserci riuscito con un anno di anticipo è qualcosa di davvero speciale, come ha ammesso il campione olimpico: «Vincere le Olimpiadi e poi venire qui e vincere la Cape Epic è straordinario, è stata un po’ una sorpresa anche per me!»

Cape Epic 2017

In seconda posizione sul podio ci sono Christoph Sauser e Jaroslav Kulhavy del team Investec-Songo-Specialized seguiti da Nicola Rohrbach e Daniel Geismayr (Centurion Vaude 2).
Manuel Fumic e Henrique Avancini, che pure nei primi giorni di gara avevano guidato la classifica generale, sono arrivati quinti.

Come da previsione, nella categoria Donne Esther Süss e Jennie Stenerhag (Meerendal CBC) si sono aggiudicate la vittoria finale.
A completare il podio, troviamo Mariske Strauss e Annie Last (Hansgrohe Cadence OMX Pro) e poi il duo di Ascendis Health con Sabine Spitz e Robyn de Groot che hanno dato parecchio filo da torcere alle vincitrici.

Cape Epic 2017

E infine, nella categoria Mixed, dopo una sfilza impressionante di 8 vittorie su 8, la campionessa olimpica Jenny Rissveds e il 47enne Thomas Frischknecht vincono con ben 65 minuti di vantaggio sui secondi!

Cape Epic 2017

Cape Epic 2017

Stage 7 – Grand Finale – Domenica 26 marzo

Le classifiche finali sono disponibili qui.

Sempre restando in tema di campioni, avete visto chi ha vinto la categoria Master? Un certo Cadel Evans, in coppia con George Hincapie per il Bmc Absa Racing Team, che nella foto sotto vediamo mentre passano il traguardo finale.

Per concludere, lasciamo spazio al video che riassume in 8 minuti gli 8 eccitanti giorni di gara:

La Cape Epic dà appuntamento al 2018 con le date già fissate: 18-25 marzo.

Cape Epic 2017

Ulteriori informazioni e approfondimenti: www.cape-epic.com.

Veronica Micozzi

Mi piace leggere, scrivere, ascoltare. Mi piacciono le storie. Mi piace lo sport. Mi piacciono le novità. E riconosco la sana follia che anima i seguaci della bici. Credo di aver capito perché vi (ci) piace tanto la Mtb, al di là della tecnica, delle capacità, dell’agonismo: è per quella libertà, o illusione, di poter andare ovunque, di poter raggiungere qualsiasi vetta, di poter superare i propri limiti che solo le due ruote sanno regalarti… Credo anche che non riuscirò mai ad emozionarmi per una forcella nuova ma la passione vera la capisco e quindi adesso la amo un po’ anche io! E cercherò di raccontarvela al meglio.