•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FINALE LIGURE – Anton Cooper è uno di quei rider da tenere d’occhio perché potrebbe diventare un elemento di discontinuità molto serio al dominio dei giovani svizzeri e francesi.
Lo scorso anno correva nel team Trek World Racing e il 12 dicembre 2012 è passato nelle fila del Cannondale Factory Racing.
Il 2012 per lui è stato un anno di grande importanza: a Saalfelden ha vinto il titolo mondiale junior Xc e ha portato a casa anche tre vittorie in Coppa del mondo.

A Saalfelden lo scorso anno ha vinto il mondiale Xc junior e tre prove di Coppa nel corso del 2012. Adesso è passato under 23 e punta a vincere la Coppa
A Saalfelden lo scorso anno ha vinto il mondiale Xc junior e tre prove di Coppa nel corso del 2012. Adesso è passato under 23 e punta a vincere la Coppa

Marco Aurelio Fontana lo definisce un talento per come sa stare in sella alla bici e per tutto quello che ha fatto vedere fino adesso.
Lo abbiamo incontrato al Cannondale Team Camp che si è tenuto il mese scorso a Finale Ligure. Era la prima volta che Cooper veniva qui, ma si è subito trovato a suo agio: i sentieri finalesi sono molto simili a quelli che lui ha dalle sue parti, gli piace la pasta (“A chi è che non piace?” ha commentato) e anche le teenager italiane. A proposito non ha una fidanzata e questo lo fa sentire un vero spirito libero. A neanche 20 anni…
Della vittoria di Saalfelden rimangono solo le strisce iridate sulle maniche e sul colletto della maglia, visto che nel 2013 è passato nella categoria under 23. Un passaggio molto sereno, come lui stesso vi spiegherà.

– Quanti anni hai e da dove vieni?
– Ho 18 anni e vengo dalla Nuova Zelanda.

– Quando hai iniziato a pedalare?
– Oh, da quando ho due o tre anni e ho cominciato a correre praticamente subito.

– Che cosa hai provato mentre firmavi con Cannondale?
– Ero emozionato. Fare un passo così proprio quando stai per passare under 23, è proprio fico. Un marchio come questo durante la stagione sviluppa e testa un sacco di cose interessanti. E’ proprio bello essere parte di tutto ciò.

– Correrai con la Flash?
– Sì, sarà la mia bici. Mi piacciono le hardtail e con la 29″ mi trovo bene. Mi sembra anche più veloce della 26″.

La Flash 29er non è prodotta in taglia S e quindi Cooper è dovuto ricorrere ad un attacco manubrio Leonardi Racing con angolazione -20° per mantenere il giusto dislivello sella-manubrio.
La Flash 29er non è prodotta in taglia S e quindi Cooper è dovuto ricorrere ad un attacco manubrio Leonardi Racing con angolazione -20° per mantenere il giusto dislivello sella-manubrio.

– Ti aspettavi di raggiungere un team grande come questo?
– Lo sognavo da tempo, ma non pensavo che sarebbe diventato realtà. E essere dove sono adesso è davvero fico.
Adesso sono un professionista, a tempo pieno.

– Quindi hai finito la scuola?
– Sì, lo scorso anno. E’ stato un anno molto intenso, ho corso la Coppa del mondo, tranne qualche tappa, ho vinto il mondiale. Adesso penso solo a pedalare.

– Che cosa pensano i tuoi amici della vita che fai?
– Che è pazzesca. Non mi definiscono di certo un teenager “normale”. Ho passato molto tempo con loro in passato e adesso non nascondo che mi mancano un po’, ma sono troppo preso da questa nuova vita.

"Mi piace l'Italia, mi piacciono la pasta e le ragazze italiane. Penso che passerò molto tempo in Europa, visto che da me a giugno è molto freddo" Anton Cooper Foto di Ale Di Lullo
“Mi piace l’Italia, mi piacciono la pasta e le ragazze italiane. Penso che passerò molto tempo in Europa, visto che da me a giugno è molto freddo” Anton Cooper
Foto di Ale Di Lullo

– Ti manca il tuo Paese?
– Amo la Nuova Zelanda. Mi mancano i miei, ma questa vita mi permette di non pensarci troppo e di andare avanti.

– Hai cambiato la tua preparazione invernale?
– Beh, dovrei dire estiva, visto che da me a gennaio non è proprio freddo… Comunque ho cercato di stare un po’ rilassato e non concentrarmi su picchi di forma. La stagione inizia più tardi quest’anno e quindi l’allenamento rispetto al passato è un po’ più indietro. Ma va bene così.

– Quindi il tuo obiettivo è quello di essere al livello più alto possibile durante la stagione?
– Sì, e soprattutto alle prove di Coppa del mondo.

– Punti a vincerla?
– Sì.

– Quanto spesso ti alleni con la bici da strada?
– Lo scorso anno parecchio. Avevo gli impegni con la scuola e siccome da giugno ad agosto da me le giornate sono fredde e molto corte e i sentieri super fangosi, l’ho usata molto per ottimizzare i tempi e raggiungere la forma che mi serviva.
Ma durante l’estate passo tutto il tempo sulla Mtb.
Diciamo che la bici da strada è uno strumento molto utile.

– Che cosa ammiri di più in Fontana e Fumic?
– La loro abilità nel divertirsi sempre in bici, anche durante una gara. Sembrano sempre rilassati, ma in gara vanno molto forte e si divertono comunque.

– Che cosa ti ha sorpreso di più quando sei arrivato in questo team?
– L’impostazione efficiente che c’è, su tutto. Il supporto, tutto sembra ben organizzato.

– Ti senti pressato dal team?
– No, c’è un’atmosfera molto rilassata e quando mi sento così rendo al meglio. Nessuna pressione.

"La cosa che ammiro di più di Fontana e Fumic è il loro modo di vivere la gara. Sembrano sempre rilassati e sembra che si stiano sempre divertendo, anche in gara, quando sono a tutta" Anton Cooper Foto di Ale Di Lullo
“La cosa che ammiro di più di Fontana e Fumic è il loro modo di vivere la gara. Sembrano sempre rilassati e sembra che si stiano sempre divertendo, anche in gara, quando sono a tutta” Anton Cooper
Foto di Ale Di Lullo

– Enduro: ti senti attratto?
– Sì, è uno sport molto interessante, ma io sono un agonista dell’Xc e questa sarà la mia attività per gli anni a venire. E’ qui che mi sento molto forte. Poi, chissà, quando sarò più grande e magari avrò smesso con l’Xc. Adesso è qualcosa di molto lontano.

– Hai previsto di passare molto tempo qui in Europa, immagino…
– Considerando che quando c’è la Coppa del mondo da me è inverno, sì, direi che starò molto in Europa.

La stagione 2013 è già iniziata per il neozelandese: a fine marzo ha portato a casa il titolo nazionale under 23 a Rotorua. Una vittoria facile? Forse, ma pur sempre una vittoria e il morale ne guadagna tanto.
Adesso aspettiamo che parta la Coppa.

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti