• 555
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Parlando di uscite in Mtb, c’è un errore che quasi tutti noi siamo portati a commettere: andare veloce.
Essere veloci.
Essere più veloci.
E ancora di più.
Forse è per via degli innumerevoli video di Mtb che hanno tutti (o quasi) questo comune denominatore, ma di sicuro la mountain bike non è fatta solo per andare veloci e frantumare record.
Cioè, per divertirsi in Mtb la velocità non è l’unico fattore chiave.
Sicuramente è importante, ma ce ne sono anche molti altri.
Abbiamo fatto una lista…

– La bici è posto?
Ecco, diciamolo subito: pedalare su una bici che cigola, scricchiola e avanza con rumori sinistri uccide il divertimento. La bici deve essere a posto.

– Chi porti con te?
Requisito fondamentale nella scelta: se decidi di invitare qualcuno a pedalare con te assicurati di voler davvero invitare qualcuno. Poi, fa’ la scelta.
Se vai da solo sarai l’unico artefice del tuo divertimento.

– Ricordati di sorridere
Ma perché quando vai in bici sei così serio? ?
Non sei un pro’, non sei obbligato a uscire in bici e non ti sono imposti dei risultati.
O no?
Ecco, quindi, dopo aver allacciato il casco, sorridi… ?

– Cerca rotte nuove
Il solito sentiero lo fai quasi senza pensarci e magari ti diverti anche.
Ma un sentiero nuovo sono adrenalina pura e guida d’istinto.
Quindi, ogni tanto, esci dal seminato e cerca nuovi sentieri e nuove rotte.

– Dove ti fermi a mangiare?
Se sai che non troverai un bar o un rifugio lungo il tuo percorso porta qualcosa da mangiare con te.
E mangia prima di avere fame.
Fermati, rilassati e goditi una pausa ogni tanto.

divertirsi in mtb

– Prova a non ascoltare Strava…
Il tuo motivatore virtuale qualche volta è meglio non ascoltarlo.
Fermarsi in salita per ammirare il panorama oppure fermarsi in discesa per rifare un certo passaggio o anche solo per riposarsi un attimo sono comportamenti umani.
E leciti.
Strava, ogni tanto, stai zitto per favore…

– Se vai in montagna, sii pronto
La montagna non ammette impreparazione, sia psicofisica che tecnica.
Pianifica bene le rotte da fare, assicurati del meteo, meglio essere in compagnia, porta abbigliamento adeguato e poi parti per la tua uscita.

– Se hai poco tempo per l’uscita…
…prova a non uscire.
Cioè, resta vicino casa e prova a fare qualche esercizio di abilità.
Pedala su una ruota, prova a fare curve strette con nose-press, migliora il tuo bunny hop oppure prova a porre rimedio a un errore che fai di frequente in bici.

– E se invece hai tutto il giorno per l’uscita…
…prenditi il tuo tempo e goditi l’uscita.
Se puoi pianificala per tempo oppure se all’improvviso ti trovi una giornata libera fai quello che avresti sempre voluto fare.

– Se ti stai davvero divertendo, fermati e…
…scatta una foto.
Colleziona ricordi piacevoli per quando sarai in ufficio o per quando sarai impegnato in faccende meno divertenti.
Se ti va condividile sui social, altrimenti rimangono cose tue.
E non c’è nulla di male.

– Se non ti diverti più in bici…
…prova a cambiare bici.
Sì, non è uno scherzo: nulla più di una bici nuova ti dà entusiasmo per uscire in bici.
Pensaci bene, succede proprio così.
Ogni 2, 3 o 4 anni, ovviamente.
Poi attento ai commenti di chi esce con te in bici ?

– Poi, a fine uscita…
…trova il tempo per riassaporare quello che hai appena fatto.
Metti da parte la fretta (se puoi, ovviamente) e riconciliati con il mondo.
Mangia qualcosa, bevi, dopo di che sorridi e continua così.

Siamo in estate, quindi, ragazzi, ragazze, ogni momento della giornata può essere quello buono per divertirsi in Mtb.

A proposito di divertimento, guardate qui:

Il divertimento in Mtb: 10 modi diversi di vivere questa passione

Buone pedalate… 😜

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti