Gli auguri di Natale di un biker

Simone Lanciotti
|

Da quando sono un biker il Natale è sempre stato un giorno speciale.
Spesso sono uscito in bici il 24 o il 25 dicembre, ma non per allenarmi.
Il Natale è la festa della famiglia, anche per chi non ne ha una nel senso canonico.

Una famiglia è chi vive insieme a te.

I tuoi genitori, i tuoi amici, il tuo cane, i tuoi affetti.
Vado in bici il 24 o il 25 dicembre perché voglio gustarmi il ritorno a casa.
Che è il momento in cui riesco ad esultare per i miei affetti e per i legami profondi che ho.
Sono piccole cose che riempiono il cuore.

Sgancio i pedali, poggio la bici, la mano è sulla maniglia della porta e sto per entrare in casa.
Attendo un attimo.
Un pensiero mi ferma.
Le persone che non hanno una famiglia.
Che non hanno degli affetti solidi sui quali contare.
O che ne vorrebbero di diversi e, appunto, più solidi.
Oppure che non sono felici, perché il lavoro, perché la vita, perché lo so io e basta.
Perché nel cuore non ci sono quegli affetti.
Quella felicità.

Simone 001 1
Foto Ilario Biondi

Mi viene da pensare ai miei giri impossibili.
Al freddo di oggi.
O ai 38 gradi di qualche mese fa.
A quelle volte assurde in cui avrei voluto mollare.
Alle volte in cui ho perso di vista l’obiettivo e ho mollato per davvero.
Mi sono fermato e ho lanciato via la Mtb.
E ho smesso di cercare ciò che mi faceva stare bene.

La mano è ancora sulla maniglia e attende.

Se oggi il mondo mi ascoltasse direi questo.
Io vado in mountain bike per stare bene.
La fatica e addirittura il dolore che la bici infligge sono diventati la struttura portante dei miei obiettivi.
Niente è gratis.
Niente è facile.
E niente sembra funzionare, a volte.
Ma quello che di grandioso ti spetta non è alla luce del sole.

E’ invisibile, anche a te.

Inizi a vederlo quando smetti di fuggire da fatica, dolore e paura.
Accettale.
Impara da loro.
E per dirla come un ciclista, alzati sui pedali e tieni duro.

20191111 8120 Mattwragg
Gli auguri di Natale di un biker 3

Io ho scelto la mountain bike (o, chissà, lei ha scelto me), ma gli strumenti e le strade a disposizione sono infinite.
L’augurio che un biker oggi farebbe è questo: non spaventarti della fatica e puntala verso la felicità.
Apro la porta, entro e sono pronto per la festa.

Un biker qualunque in un posto qualunque un giorno prima di Natale.

Se volete lasciare un vostro messaggio d'auguri rivolto a tutti i biker, scrivetelo in questo post sulla nostra pagina Facebook.

Qui altre Storie scritte da biker per i biker

Condividi con
Sull'autore
Simone Lanciotti

Sono il direttore e fondatore di MtbCult (nonché di eBikeCult.it e BiciDaStrada.it) e sono giornalista da oltre 20 anni nel settore delle ruote grasse e del ciclismo in generale. La mountain bike è uno strumento per conoscere la natura e se stessi ed è una fonte inesauribile di ispirazione e gioia. E di conseguenza MtbCult (oltre a video test, e-Mtb, approfondimenti e tutorial) parla anche di questo rapporto privilegiato uomo-Natura-macchina. Senza dimenticare il canale YouTube, che è un riferimento soprattutto per i test e gli approfondimenti.

Lascia un commento

Registrati ora!

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right