Il mondo cambia. Ma per fortuna ci sono i sentieri nei boschi

Simone Lanciotti
|

Corro, corro, corro.
Corro per restare in piedi.
Corro per restare al passo.
E per restare in equilibrio.
Me lo insegna la bici.
Me lo impone la vita.

In un mondo che cambia pelle, volto e significato a velocità senza controllo e senza senso apparente, c’è lui, l’autunno.

Il mondo cambia

La stagione del cambiamento.
Le foglie inventano armonie cromatiche inarrivabili.
La vista del bosco è linfa vitale.
Oggi più volte mi sono fermato a guardarmi intorno.
Oggi, sabato, un giorno di tregua, di luce, di bici e di montagna.

Cioè di lentezza e di equilibrio.

Quell’equilibrio che durante la settimana sembra possibile solo correndo.
Ma annaspando, arrangiandosi, riorganizzando di continuo, rinviando e schivando.
Mi siedo.
Sono settimane che non guardo il mio profilo social.
Sto bene così.
Troppo preso dal vivere quello che ho davanti a me.
Quell’urgenza di vivere che ribolle nelle vene degli adolescenti ce l’ho anche io.
Ce l’abbiamo tutti.
Ed è un fatto umano.

Oggi, 30 ottobre 2021, è autunno da un pezzo e me ne accorgo quasi solo ora.
Ma dove sono stato fino ad ora?
Le nostre abitudini stanno cambiando, anzi, dovrebbero cambiare a breve.
L’energia, il clima, il modo in cui produciamo energia e viviamo il nostro mondo.
E le abitudini, si sa, sono macigni difficili da muovere.

Ed ecco la folgorazione! 

In questo momento mi si chiede di cambiare tante cose e tutte nello stesso istante (o quasi).

Il fatto che io sia un biker e che ami la natura non garantisce che io sia virtuoso da un punto di vista energetico o climatico.
Punto.

Sono ancora seduto.
Il prato a tratti trasmette la sua umidità.
Il sole scalda il petto.
Devo fare un passo alla volta.
Dobbiamo fare un passo alla volta.

Il mondo cambia

I media nazionali non sono proprio bravi a dosare la mole di notizie, input, voci, mezze notizie e false notizie che ci trasmettono.
E che alla fine ci travolgono.
Sono, siamo subissati di input.
E’ solo quando esci dal marasma dei social e del web che realizzi questa cosa.

La bici ci aiuta a regolare quei registri vitali in modo eccezionale.
Seduto qui l’autunno e i suoi colori mi dicono che tutto cambia.
Sempre.

Il mondo cambia

In modo ciclico, lento e inesorabile.
Quale è il passo della natura.
Mentre io, uomo, sono quell’essere che accelera tutto.
Mangia risorse senza rispettare i ritmi.
Per fortuna, però, che ci sono i sentieri nei boschi. 
Per fortuna che le persone li solcano e li amano.
Per fortuna qualcuno ancora scrive della loro bellezza.  

Qui altre storie ispirate da uscite in solitaria

Se volete commentare vi invitiamo a farlo tramite questo post nella nostra pagina Facebook

Condividi con
Sull'autore
Simone Lanciotti

Sono il direttore e fondatore di MtbCult (nonché di eBikeCult.it e BiciDaStrada.it) e sono giornalista da 20 anni nel settore delle ruote grasse e del ciclismo in generale. Siamo molto focalizzati sui video e il canale YouTube MtbCult è un riferimento in Italia soprattutto per quanto riguarda i test.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right