•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sì, Martin Maes è proprio un fenomeno. Non bastavano gli ottimi risultati ottenuti nell’Enduro World Series a questo diciassettenne venuto dal Belgio. Ieri, a Fort William, Maes ha raddoppiato, vincendo con una prestazione incredibile la gara junior della downhill di Fort William, terza prova di Coppa del mondo.

scotland_n3x8822-725x483
Maes nello schuss che porta al traguardo di Fort William. Foto Atherton Racing.

Maes è arrivato giù con poco più di un secondo di vantaggio su Loris Vergier, francese di Lapierre che attualmente comanda la classifica generale con un primo e due secondi posti.
Il baby di Gt Factory Racing, quando il sentiero si fa tecnico e ripido, ancora una volta ha dimostrato di saperci fare.

scotland_55a8879A-725x483
Il belga è sul gradino più alto del podio della gara junior scozzese. Foto Atherton Racing.

Del suo manico nessuno aveva mai dubitato (quest’anno è già partito con un 4° e un 7° posto nell’Ews), ma di certo in pochi avrebbero pronosticato uno sbarco vincente tra le promesse della downhill, segno che anche il lavoro invernale svolto a Malaga e Fuerteventura con i fratelli Atherton (non esaltante il loro weekend) ha dato i suoi frutti.

BpoP53xIEAEeZGu
E nel post-gara spazio al relax.

Dopo la gara scozzese, intanto, sta prendendo piede un hashtag per etichettare Maes: #belgianbeast, la bestia belga. E se tra qualche tempo Maes si dedicasse alla Dh, potrebbe essere la nuova stella del movimento?

Ecco l’omaggio sul profilo Twitter del belga da parte del “collega” Jerome Clementz:

Per informazioni athertonracing.co.uk