Quando una caduta ti fa venir voglia di tornare in bici

Redazione MtbCult
|

Adrenalina e divertimento, ma non solo. Il Gravity è anche un settore soggetto a degli inconvenienti e chi pratica freeride, dh ed enduro inevitabilmente cade. Esperti e meno esperti non possono esimersi da quello che può accadere viaggiando in Mtb ad alte velocità e su terreni sconnessi, soprattutto perché si cerca di andare sempre oltre i propri limiti.
Pochi giorni fa abbiamo sentito in esclusiva Fabien Barel, che ci ha aggiornati sulle sue condizioni. E sempre pochi giorni fa ci è arrivata la notizia della caduta di Jerome Clementz, che salterà tutta la stagione di Enduro World Series per i problemi alla spalla.
Dietro ai campioni ci sono tanti appassionati che qualche ruzzolone lo fanno pure. Per fortuna che anche loro si rialzano. Davide Manunza è uno di questi. Leggete cosa ci ha scritto. (Giuseppe Scordo)

Sono un ragazzo di 25 anni di Genova. Studio fisioterapia e per pagarmi la passione faccio il porta pizze. Sono follemente appassionato di tutto ciò che è Mtb. Ho avuto diversi bici freeride, dh ed enduro. E quest’anno le gare di enduro mi hanno rapito. Il mio "maestro" è la giovane promessa del superenduro Federico Carubini, che in questi mesi mi ha aiutato molto nella tecnica e nella preparazione fisica.
Ed ero proprio con lui quando durante la nostra solita seduta di training settimanale sono caduto e mi sono fatto male.

10384980_10203644789107574_491203805_N

Davide Manunza, 25 Anni Di Genova, In Sella Alla Sua Nukeproof Mega. Ha Una Grande Passione Per Le Discipline Gravity...

Il sentiero è chiamato "Tana del panda" ed è un trail di cui conosco ogni pietra. Ecco perché lo affronto a limite ogni volta, per cercare di strappare un tempo migliore.. Ma stavolta qualcosa è andato storto: mi si è chiuso lo sterzo su un tratto dritto e sono letteralmente decollato. E’ stata una caduta da Pro, con le stesse modalità di ciò che è successo a Clementz.

10357808_10203644799947845_2037505131_N

I Magnifici Trail Della Liguria: Teatro Di Enduro E Di... Cadute.

Nella sfortuna, per la verità sono stato fortunato a non essere solo. Sono volato a faccia in giù in un cespuglio esposto alla mia sinistra e la bici mi è finita sopra. Non riuscivo a muovermi e sentivo il braccio in una posizione innaturale. Non ho potuto fare altro che urlare dal dolore e dalla disperazione. Meno male che Federico è intervenuto tempestivamente, mi ha tirato fuori e ha chiamato l’ambulanza.
Avevo un’evidente deformità al braccio, nonostante fosse coperto dalla gomitiera. Poi è sopraggiunto lo stato di shock, la sudorazione fredda, la nausea e un senso di svenimento. Ma mi sono fatto coraggio. Dovevo arrivare in fondo al sentiero con le mie gambe.

10374208_10203644082089899_386277033_N

Un Gesso A Prova Di... Biker.

Quando sono arrivato al pronto soccorso, il dolore era davvero insopportabile e speravo che qualcuno che mi desse una bomba antidolorifica. I raggi hanno evidenziato una lussazzione posteriore del gomito con piccola frattura della coronoide. Hanno provato a ridurla ma dopo diversi tentativi si sono arresi e il dolore è stato lancinante. Così mi hanno narcotizzato e al mio risveglio mi sono ritrovato il gomito flesso e ingessato. Una sensazione bellissima, una bomba quest’anestesia.

10346903_10203644082289904_1788726788_N

... E Il Motto Che Non Lascia Dubbi Per Quello Che Farà Davide Non Appena Sarà Guarito.

La prognosi è 20 giorni di gesso e una buona riabilitazione successiva. La mia intenzione è una sola: non mollare e tornare più determinato di prima. Anzi, ho chiesto in prestito un paio di rulli da fare in garage…

Continua a leggere
Condividi con
Sull'autore
Redazione MtbCult

Resoconti, video, nuovi eventi, nuovi prodotti, ovvero tutto ciò che proviene dal mondo della bike industry e che riteniamo di interesse per gli appassionati di mountain bike.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right