•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Grazie a Nsmb.com riusciamo a entrare nei dettagli della nuova Ohlins Rxf 34, una forcella presentata una settimana fa e già entrata nel cuore di molti lettori.
Ma Ohlins come l’ha costruita?
Con quali accortezze?
Andrew Major di Nsmb.com è riuscito a smontarla e di seguito vi mostriamo il suo articolo tradotto in italiano.

In campo motoristico Ohlins è sinonimo di velocità. Il sistema Ohlins TTx, cioè la tecnologia “twin tube” è considerata la migliore in circolazione, sia per i piloti professionisti che per gli amatori.

Ohlins Rxf 34
Steli da 34 mm e cannotto integrato nella testa: ecco la Ohlins Rxf 34

Se mai avete considerato di montare una forcella, una cartuccia o un ammortizzatore per la vostra moto, saprete che i prezzi potrebbero far tremare le vostre finanze e quindi scoprire che il prezzo al pubblico della nuova Rxf 34 non è molto lontano da quello di una cartuccia Ohlins per la Fox 40 è stata davvero una sorpresa.

Ohlins Rxf 34
C’è una vite a brugola per bloccare l’asse passante sul forcellino destro.

In America il prezzo al pubblico è di 1150 dollari.
Tiriamola fuori dalla scatola. L’aspetto è moderno, i click dei registri efficaci, la compressione fluida, continua e grandiosa su tutto il travel.

Ohlins Rxf 34
I registri sono in lega leggera realizzata al Cnc e il meccanismo del “clic” sfrutta cuscinetti a sfera.

Il registro Hsc (high speed compression) dovrebbe avere solo 3 posizioni secondo il manuale Ohlins, ma il nostro (e quello di altre forcelle in test) ne ha cinque. Il pomello completamente ruotato verso la posizione “+” chiude il circuito in modo da dare un ottimo supporto alla pedalata durante la salita. Non è un
bloccaggio, ma si dimostra molto più valido di un lock-out gestito tramite il circuito LSC (low speed compression).

Ohlins Rxf 34
La cartuccia è sigillata nel fodero e nella foto si vede la vite Torx per lo spurgo.

I registri di LSC e rebound permettono un ampio range di regolazioni, in modo da consentire a chiunque di trovare il tuning corretto in base al peso, al tipo di bici, terreno e capacità di guida.
La parte pneumatica della forcella è situata sulla gamba destra, cioè nella posizione opposta rispetto a quanto si vede sulla stragrande maggioranza delle forcelle da Mtb.
La cartuccia ha due valvole, una positiva e una negativa, e tre camere d’aria attraverso le quali Ohlins riesce a gestire la progressività della forcella in modo molto preciso.
Sul fodero sono presenti delle indicazioni di pressione in base al peso, ma suggeriamo di leggere il manuale Ohlins prima di partire perché, fra l’altro, Ohlins suggerisce un Sag del 10-15% su questa forcella.

Ohlins Rxf 34
La parte pneumatica anche è gestita da una cartuccia sigillata con due valvole, positiva e negativa, per personalizzare la curva di compressione.

Ad eccezione di un paio di modelli X-Fusion, Ohlins produce l’unica forcella con testa e cannotto realizzati in un unico pezzo in lega leggera realizzato dal pieno.
L’asse passante della forcella (15-100) si avvita con una chiave a brugola e si fissa con una vite (sempre a brugola) sul forcellino destro.

Ohlins Rxf 34
La testa forcella fa a meno del piattello inferiore della serie sterzo (quello che si inserisce a pressione) ed è subito compatibile con i telai Specialized con serie sterzo integrata.

Un altro dettaglio interessante della forcella è che il suo disegno della testa e del cannotto permettono di fare a meno del piattello inferiore della serie sterzo. L’interfaccia della forcella funziona con cuscinetti 52x40x7, 45°x45°, gli stessi che si trovano sui telai Specialized senza usare il piattello.
Per chi usa una serie sterzo Cane Creek integrata può utilizzare un cuscinetto da 52 mm, 45°x45° (Cane Creek part number AAA0695K – Ed).
Alcune serie sterzo non saranno compatibile, ma nella peggiore delle ipotesi vi basterà montare la parte inferiore completa di cuscinetto di una serie sterzo Cane Creek compatibile per montare la forcella Ohlins su un telaio non Specialized.

La qualità della forcella
Quando si sfilano i foderi ci si accorge che gli anelli di spugna sono ben imbevuti di olio e che le tenute sono state ben lubrificate. La tolleranza delle boccole è perfetta.

Ohlins Rxf 34
Le due cartucce della Ohlins Rxf 34: sopra quella idraulica e sotto quella pneumatica.

Se avete avuto modo di saggiare la qualità delle tenute Skf su alcune forcelle Fox, Rock Shox e Marzocchi, quelle di serie sulla forcella Ohlins sono ancora migliori, perché sono più morbide.

Ohlins Rxf 34
Le tenute (di colore azzurro) della forcella Ohlins sono molto morbide e ben lubrificate. In rosso l’anello di spugna che serve a mantenere lubrificato lo stelo e, più in basso, la boccola di scorrimento.

Inspiegabilmente la cartuccia Ohlins TTx è in questo caso sigillata e può essere spurgata solo rimuovendola dai foderi. Anche per la parte pneumatica c’è una cartuccia e questo significa che la manutenzione è più semplice e che eventuali tolleranze fra stelo e fodero non vanno a influenzare il funzionamento della parte pneumatica.

Ohlins Rxf 34
La cartuccia Ohlins TTX fa ampio ricorso a particolari realizzati al Cnc

La qualità costruttiva e di assemblaggio è eccellente, anche se ancora lontane dai migliori prodotti moto di Ohlins. Per l’ambito bici, però, è più che sufficiente per posizionarsi nelle parti più alte.
E adesso si esce per provarla.

Ohlins Rxf 34
Di nuovo pronta all’uso.

Finisce qui l’articolo di Nsmb.com, mentre qui potete proseguire la lettura con le prime impressioni di guida della Ohlins Rxf 34 di Alex Lupato.
E altro ancora…

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti