•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

MONTEREY – Ks è sempre stata molto attenta a espandere il più possibile l’utilizzo del reggisella telescopico in tutte le discipline della Mtb (Dh esclusa, almeno per ora) e alla Sea Otter Classic ha mostrato l’ennesima evoluzione del reggisella telescopico in chiave ultraleggera e a corsa ridotta.
Il Ks Zeta, infatti, ha come destinazione il mondo del cross country, ma anche quello del ciclocross e del gravel.

Ks Zeta

Si tratta di un reggisella telescopico da 35 o 50 mm di corsa con lunghezze di 420 mm (quella con 35 mm di travel) e 435 mm (quella con 50 mm di corsa) ed è proposto con diametri di 30,9 e 31,6 mm.
Ma attenzione, guardate bene com’è fatto nell’immagine sottostante:

Ks Zeta

– la parte identificata con la lettera A è quella che va inserita nel tubo piantone ed è stata rastremata per ridurre il peso;
– la parte B è il travel (che in questo caso dovrebbe corrispondere a circa 50 mm);
– la parte C, invece, è quella che può essere accorciata in base alle proprie necessità e sarà realizzata in fibra di carbonio.
Come si accorcia? Semplice, basta la allentare la vite D, rimuovere il supporto per la sella e procedere con il taglio.
Ovviamente l’operazione richiede attenzione perché è irreversibile.

Ks Zeta
Il supporto per la sella è di tipo rimovibile.
Ks Zeta
Il Ks Zeta è solo con passaggio interno del cavo.

In questo modo però il reggisella Ks Zeta riesce a essere molto leggero e dovrebbe destare l’attenzione degli utenti Xc, ciclocross e gravel.

Ks Zeta
Il Ks Zeta mostrato alla Sea Otter Classic era istallato su una bici gravel: ecco il comando remoto sul manubrio.

Il dato ufficiale del peso non è ancora disponibile e nemmeno il prezzo.
Appena abbiamo informazioni vi faremo sapere.

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti