scritto da Daniele Concordia in Tecnica il 01 Mag 2019

Vi spiego perché il cross country è la vera Mtb…

Vi spiego perché il cross country è la vera Mtb…
        
Stampa Pagina

Ne abbiamo parlato spesso, io e Daniele Concordia, del cross country.
Che oggi è diventato spettacolare, impegnativo ed emozionante come non mai e lui, da biker Xc incallito, continuava a dirmi che… 
“E’ il cross country la disciplina regina”
“Ok l’enduro e la Dh, ma il cross country è la specialità più completa”
“Dobbiamo scrivere un articolo che parli proprio di questo”
Ebbene, averlo sentito così emozionato dopo la gara di San Marino degli Internazionali d’Italia Series gli ho detto… vai!
L’articolo che state per leggere è una dichiarazione d’amore verso il cross country.
SL

Cross country, ossia la vera essenza della Mtb.
E’ da un po’ di tempo che ho in canna questo articolo, ma ho deciso di scriverlo proprio ora, quando dopo aver partecipato a qualche Gran Fondo, sono tornato nel cross country e mi sono sentito di nuovo a casa!

cross country




Così, di ritorno dalla Titano XCO di San Marino, che ho vissuto prima in sella prendendo il via alla gara del Caveja Bike Cup, poi da bordo pista seguendo la gara degli Internazionali d’Italia Series, ho deciso di spiegarvi cos’è per me il cross country e perché, a mio avviso, la vera Mtb è questa!

cross country

Adrenalina
Tre, due, uno… Via!
Quei secondi prima dello sparo sono infiniti, intensi, a volte stressanti, ma la scarica di adrenalina è assurda e bellissima.

cross country

Nel cross country la partenza è fondamentale, non ci si risparmia, sai che la gara dura al massimo un’ora e mezza, durante la quale non c’è tempo di ragionare troppo, ma nemmeno di sbagliare.
Si va a tutta sin da subito, poche tattiche e “menare”.

cross country

Cuore e watt schizzano in alto dal primo all’ultimo metro, a malapena c’è il tempo per bere un sorso dalla borraccia o di prendere un gel di zuccheri, ma bisogna fare in fretta, perché di tratti per togliere le mani dal manubrio non ce ne sono poi molti.
Poi via a capofitto in discesa: sassi, radici, drop, salti e chi più ne ha più ne metta, ogni metro nel cross country è carico di adrenalina.
E ti fa sentire vivo!

cross country

Tecnica
La Mtb è da sempre sinonimo di tecnica. Deve essere così, la Mtb senza tecnica si chiama… bici da strada!
Secondo me non dovrebbero esserci vie di mezzo, ma purtroppo nelle Gran Fondo ultimamente l’aspetto tecnico si sta un po’ perdendo per strada, specialmente in Italia.
Di conseguenza, il livello tecnico del granfondista medio si sta abbassando sempre di più, ahimè!

cross country

Ecco perché preferisco il cross country.
Una specialità nella quale per arrivare davanti bisogna essere completi, forti in salita quanto in discesa, lucidi quando serve e a volte anche un po’ pazzi.
Nel cross country, quello vero, non si inventa niente: o sai guidare la bici (e bene), oppure dovrai rassegnarti ad una posizione di rincalzo.
Okay la full, il telescopico, i cerchi larghi, le geometrie…
Sì, questi dettagli aiutano, ma non fanno i miracoli e chi ha imparato a guidare nell’Xc saprà farlo anche con la hardtail, la sella alta, i cerchi stretti e le geometrie old style…
E’ un dato di fatto!
Diciamo che il famoso motto “tanto contano le gambe”, nel cross country è vero fino a un certo punto, infatti (per fortuna) conta anche dell’altro…

cross country

 

Velocità
Il bello del cross country è che il vero specialista riesce a rendere veloci anche i tratti tecnici.
Lo studio delle traiettorie, l’abilità di guida, l’incoscienza e la capacità di interpretare a modo proprio il percorso rendono l’Xc, specialmente quello moderno, sempre più veloce e spettacolare.

cross country

Le salite non sono lunghe, ci si allena per scavalcarle quasi di slancio e inoltre le Mtb moderne sono studiate per divorare ostacoli, salti e drop, di conseguenza la media oraria si alza sempre di più.
Un’ora e mezza alla massima velocità sostenibile: è questo l’obiettivo dei riders.
Semplice a dirsi, un po’ meno a farsi, impossibile da capire per chi non è nell’ambiente…

cross country

Fatica
Il concetto di fatica nel cross country è particolare.
Si dice spesso che non è il percorso a far dura una gara, ma i corridori: ecco, nell’Xc questa è una sacrosanta verità.
I dislivelli non sono mai esagerati, raramente si arriva a 1000 metri di ascesa totali in gara, ma nonostante ciò si taglia il traguardo stremati, esausti, vuoti, quasi “allucinati”.

cross country

Il cross country è “tutto o niente”, basta beccare una giornata no per non riuscire nemmeno a fare la giusta fatica, piantarsi e andare in black-out.
Ma pensandoci bene, in ambito amatoriale, è molto più semplice preparare un Xc che una GF: servono meno ore di allenamento, più qualità e più tecnica, ma anche una certa predisposizione mentale…

cross country

Incertezza
Nel cross country non ti puoi rilassare più di tanto, non c’è tempo.
Basta un errore, una traiettoria sbagliata o un attimo di distrazione per cadere, forare o incappare in un semplice guasto tecnico che comprometterà l’intera gara.
Se nelle GF a volte c’è tempo di riparare e ripartire, se hai un problema nel cross country al 90% dei casi sei fuori dai giochi.
A meno che non ti trovi davanti ai box, ma ci vuole parecchia fortuna…
Bisogna guidare pulito, ma anche andare veloce, essere concentrati, ma non troppo tesi, osare ma non prendere rischi esagerati.
Insomma, bisogna saperci fare, perché nell’Xc non si improvvisa nulla!

cross country

Divertimento
Per ultimo, ma non come importanza, ecco la chiave del cross country: il divertimento!
Nel cross country si torna bambini: salti, drop, rocce, ripidoni, sponde…
Per l’amatore, l’obiettivo principale dovrebbe essere il divertimento e a mio avviso sotto questo punto di vista non c’è marathon che tenga.

cross country

La gioia di superare in sella un passaggio che sembrava impossibile, la capacità di esaltare il pubblico a bordo pista (il tracciato è più accessibile da parte degli spettatori), quel secondo in aria durante il salto, gambe e braccia che “pompano” nelle compressioni e aiutano a trovare il flow, i tasselli delle ruote che grattano a terra all’ennesimo passaggio sulla stessa curva in appoggio, l’ultima discesa prima dell’arrivo, l’ultimo strappo a tutta sui pedali e infine la gioia di tagliare il traguardo.
Emozioni uniche, che anche un semplice Xc regionale può regalare, ma che creano una sorta di dipendenza e che spesso sono lo stimolo per andare avanti.

cross country

Per concludere…
Con questo articolo non si vogliono screditare le Marathon o le Gran Fondo e chi vi partecipa, ma si vogliono far comprendere alcuni aspetti che sono spesso sottovalutati dall’amatore medio.
Quello del cross country è un mondo a sé stante, serve una predisposizione mentale, un modo diverso di correre, una preparazione ad hoc, un’abilità tecnica non indifferente e tanto altro ancora…

cross country

Sì, forse il cross country non è per tutti, ma è l’essenza della Mtb e questo non bisognerebbe mai dimenticarlo.
Un mix di tante qualità che vanno a braccetto tra loro, una “scuola” severa che forma l’atleta completo, ma che lo aiuterà poi ad affrontare qualsiasi ostacolo nella sua carriera da biker.
D’altronde, se stiamo parlando della disciplina olimpica un motivo ci sarà…

cross country

Ah, per la cronaca alla Titano XCO Nazionale amatori abbiamo portato a casa un secondo posto di categoria (M1) e un 11° assoluto…

Qui tutti gli articoli che parlano di cross country.



        
Torna in alto