•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il marchio Endura è sempre più popolare tra i trail rider e gli enduristi per l’attenzione che pone alla funzionalità dei suoi prodotti e al loro rapporto qualità/prezzo. Qualche stagione fa il brand scozzese ha deciso di entrare nel mercato delle protezioni e dei caschi sia road che Mtb. Il modello che abbiamo avuto modo di provare per diversi mesi è lo Snype, pensato per chi cerca un casco leggero e ben ventilato.

Il casco Snype di Endura è disponibile in 3 taglie e 4 colori.
Il casco Snype di Endura è disponibile in 3 taglie e 4 colori.

Guardandolo si capisce già che questo casco è dedicato più al trail riding che all’Xc, per via dell’estetica più aggressiva e di una calotta che copre una porzione di testa più ampia rispetto i normali caschi da cross country. Il peso dichiarato per la taglia S/M è di 220gr, senza visiera, mentre il nostro in taglia L-XL pesa 290 gr (270gr in taglia M-L, dati rilevati) inclusa la visiera. E’ molto leggero, quindi, soprattutto se lo paragoniamo con caschi della medesima tipologia e della stessa fascia di prezzo.
Per quanto concerne le taglie, tre sono quelle disponibili, S/M 51-56 cm, M/L 55-59 cm e L/XL 58-63 cm, mentre le colorazioni sono quattro.

La protezione posteriore è leggermente più estesa di un casco da Xc.
La protezione posteriore è leggermente più estesa di un casco da Xc.

La calzata, croce e delizia
La comodità della calzata è uno dei fattori che più influisce sulla scelta di un casco. Chi produce caschi sa che con tre taglie deve essere in grado di soddisfare le esigenze di comfort di un gran numero di utenti. I pad interni consentono di perfezionare la calzata, ma è lo studio che sta dietro alla forma del casco che è in grado di dare i migliori risultati. E nel caso dell’Endura Snype?
Da Endura abbiamo ricevuto due caschi per il test (uno taglia M-L e uno taglia l-XL) che sono stati affidati a due rider diversi. Ognuno, poi, ha tirato le proprie conclusioni che sono state diametralmente opposte per quanto riguarda la comodità della calzata.
Il sottoscritto lo ha trovato di grande comodità, l’altro tester, invece, lo ha trovato scomodo perché esercita una pressione anomala sulla parte frontale della testa, al punto da risultare fastidioso sin da subito.
Purtroppo i pad tergisudore presenti non riescono a rimediare a questa problematica che riguarda, da quanto ci è sembrato, un’eccessiva sporgenza delle tre feritoie poste sulla parte bassa del casco che servono a canalizzare l’aria verso l’interno.
Guardate l’immagine sottostante per comprendere meglio.
Quindi, sulla comodità della calzata non possiamo esprimerci positivamente.

_DSC1247

Il sistema di chiusura
Il sistema di ritenzione posteriore è regolabile millimetricamente con una sola mano e può essere posizionato su tre altezze differenti tramite dei pratici bottoncini.
L’imbottitura interna è antibatterica e completamente rimovibile per essere lavata.
Endura offre un secondo set di imbottiture, così non dobbiamo aspettare che quello lavato si asciughi per poter utilizzare il casco.
Da notare che la calotta si estende fino alla nuca offrendo un po’ di protezione in più.
I cinghietti di chiusura sono dotati di microinserti rifrangenti e risultano abbastanza facili da regolare e da chiudere grazie a una pratica clip. Il casco, una volta posizionato in testa, resta ben fermo.

Le ampie feritoie posteriori facilitano l'evacuazione dell'umidità e del calore.
Le ampie feritoie posteriori facilitano l’evacuazione dell’umidità e del calore.

La ventilazione
Uno dei punti di forza dello Snype è la ventilazione. Il sistema ClearThru permette all’aria di incanalarsi all’interno del casco e uscire dalle ampie feritoie posteriori, abbassando la temperatura all’interno del casco. La visiera ha un design che aiuta il processo di incanalamento dei flussi, ma purtroppo ha una posizione non regolabile. Nonostante ciò il campo visivo che offre questo casco è ampio e la visiera aiuta a riparare dal sole, quando si pedala al tramonto, e, in misura ridotta, dalla pioggia.
Abbiamo usato lo Snype sia con occhiali tecnici che con mascherine e solo con queste ultime abbiamo avuto qualche comprensibile difficoltà in quanto non è previsto nessun tipo di guida per la fascia. Nonostante ciò, una volta posizionata, non si è mai mossa per tutta l’uscita.

Il sistema di ritenzione posteriore ha una realizzazione molto semplice, ma efficace. E' possibile regolarlo con una sola mano.
Il sistema di ritenzione posteriore ha una realizzazione molto semplice, ma efficace. E’ possibile regolarlo con una sola mano.

In conclusione…
Lo Snype è un buon casco per chi cerca la leggerezza e l’aerazione, ma sul fronte comodità non possiamo esprimerci in maniera positiva.
Di fatto è un casco che strizza all’occhio a un’utenza che pratica l’Xc e il trail riding, perché è leggero e ventilato ed è molto valido da usare nelle gare di enduro perché le Speciali si possono affrontare portandosi sullo zaino un peso minimo.
La comodità della calzata, però, penalizza la valutazione finale.
Il prezzo, in compenso, è molto contenuto, 87,99€ (con custodia in neoprene semirigida inclusa fino a esaurimento scorte) e include il servizio crash replacement: in caso di caduta che comporti la rottura del casco Endura ne propone uno nuovo ad un costo ridotto del 50%.

Per informazioni www.enduraitalia.it